I caduti offidani e la Festa dell’Unità Nazionale

COMMEMORAZIONE CADUTI

I caduti offidani.

OFFIDA – Nella giornata del 4 novembre si celebra in tutt’Italia l’anniversario della vittoria e della conseguente fine della prima guerra mondiale, sancita nel celebre Bollettino della Vittoria delle ore 12,00 del 4 novembre 1918, con il quale il generale Diaz, comandante supremo dell’Esercito Italiano, annunciava la vittoria dell’Italia e la disfatta nemica. Il bollettino si concludeva con la famosa frase di Diaz: “I resti di quello che fu uno dei più potenti eserciti del mondo risalgono in disordine e senza speranza le valli che avevano discese con orgogliosa sicurezza”.

La ricorrenza inoltre è  l’unica festa nazionale che abbia attraversato l”Italia liberale, fascista e repubblicana.

In occasione di tale ricorrenza l’Amministrazione Comunale di Offida ha organizzato una manifestazione celebrativa per domenica 9 novembre 2014. Il programma prevede alle ore 10,00 la- Santa messa per i caduti presso il Santuario del Miracolo Eucaristico e alle 10,45 la tradizionale deposizione di una corona d’ alloro al monumento ai caduti in Piazza della Libertà.

Il monumento è stato inaugurato il 15 agosto 1923. Su grosse lastre marmoree sono riportati i nomi dei soldati che hanno perso la vita in battaglia nella prima e seconda guerra mondiale oltre che nella guerra di Libia (1913-1921).

Nella parte superiore della facciata principale sono presenti tre corone di alloro alternate a due spade, in quella inferiore si trovano lo stemma del comune di Offida e una targa in bronzo con una dedica. Ai lati della lapide sono posizionate due aquile in bronzo che reggono una ghirlanda di rami di quercia. Nella parte superiore delle due facciate laterali sono presenti degli altorilievi che rappresentano un elmetto posto su una spada. Nella facciata posteriore troviamo un’iscrizione con il nome del Sottotenente Medico del 4° reggimento bersaglieri, Loris Annibaldi (Offida, 11 marzo 1912 – Ersekë, 21 novembre 1940), insignito nel 1940, della medaglia d’oro al Valor Militare,  con la seguente motivazione:

Ufficiale medico di battaglione, si offriva di far parte di un reparto incaricato di attuare un colpo di mano nelle linee nemiche. In nove successivi giorni di continui aspri combattimenti, si prodigava in maniera ammirevole nella sua missione, distinguendosi per coraggio ed altruismo. Ferito ad una gamba rifiutava di essere sgombrato e ordinava ai porta feriti di portargli vicino i colpiti per prestar loro le prime cure. Rimasto sul terreno della lotta, dopo che i superstiti del battaglione, rotto il cerchio nemico che li rinserrava, si erano aperti un varco, al nemico sopraggiunto, che gli intimava la resa, rispondeva con le ultime bombe a mano provocandone la reazione che lo colpiva mortalmente. Immolava così la sua fiorente giovinezza per aver voluto generosamente oltrepassare i limiti dei più alti doveri di soldato e di medico. Erseke q. 1431 -1464 (Fronte greco), 12. 21 novembre 1940.

A lui sono intitolate una piazza e l’ex ospedale civile in Offida, mentre a Milano, nel 1953, l’Ospedale Militare -Caserma, in Via Saint Bon Simone.

Iscrizioni presenti nel monumento ai caduti di Offida
MORTI SUL CAMPO O IN SEGUITO A FERITE:
Vannicola Defendente, Ciabattoni Giuseppe, Feriozzi Nazzareno, Brandimarti Giuseppe, Galiè Adamo, Petrocchi Fedele, Acciarri Antonio, Acciarrini Francesco, Amabili Vincenzo, Antonelli Giuseppe, Aurini Pietro, Borzacchini Filippo, Candellori Antonio, Candellori Carlo, Capriotti Luigi di Piet., Capriotti Luigi di Sab., Ciabattoni Bernardo, Cicconi Fedele, Cimaroli Emidio, Ciotti Camillo, Cocci Sante, Conti Pasquale, Croci Nazzareno, D’Angelo Ferdinando, D’angelo Filippo, D’angelo Nicola, De Santis Antonio, Ficcadenti Sante, Filippoli Emilio, Giobbi Giuseppe, Giobbi Ugo, Gregori Emidio, Lanciotti Giacinto, Laudadio Alleo, Luzi Anacleto, Massacci Pietro, Massicci Francesco, Maurizi Bernardino, Morganti Giacinto, Mosca Domenico, Mozzoni Armando, Nespeca Luigi, Pasqualini Fedele, Pierantozzi Domenico, Pierantozzi Giovanni, Quinzi Nazzareno, Rosini Umberto, Sabbatini Sabatino, Scalpelli Giacomo, Sergiacomi Giuseppe, Tassi Ettore, Tilli Camillo, Travaglini Giovanni, Virgili Nazzareno, Viviani Pilade. 
MORTI IN PRIGIONIA: 
Aquaroli Nicola, D’angelo Giovanni, D’angelo Giuseppe, Di Nicolò Sante, Gabrielli Giacinto, Guidotti Sante, Peroni Nicola, Perozzi Nicola, Simonetti Carlo, Vallorani Dionisio.
DISPERSI IN GUERRA: Amabili Nazzareno, Armandi Antonio, Calvaresi Francesco, Ciabattoni Arturo, Cocci Filippo, Coccia Giovanni, Feriozzi Giovanni, Marcelli Nazzareno, Michelangeli Raniero, Pasqualini Giuseppe, Premici Francesco, Simonetti Antonio, Stipa Pietro, Tanzi Filippo, Traini Lorenzo, Travaglini Nicola. 
MORTI IN COMBATTIMENTO O IN SEGUITO A FERITE: 
Rosini Giovanni, Marcucci Guido, Pasqualini Luigi, Pellei Pietro, Travaglini Ivo, Massaroni Pacifico, Benfaremo Guido, Catalini Giuseppe, Ciabattoni Arturo, Ciabattoni Nicola, Ciabattoni Concetto, Cicconi Cesare, Cocci Quinto, De Angelis Bernardo, Gabrielli Nazzareno, Grilli Domenico, Piergallini Ettore, Sciarroni Domenico, Stipa Cesare, Vallorani Bernardo. 
CADUTI DALLA GUERRA LIBICA: 
Donati Donato, Premici Emilio. 
MORTI IN PRIGIONIA: 
Listrani Fred, Di Ruscio Ernesto, Carfagna Manlio, Piunti Giovanni, Fioravanti Luigi, Laudadio Ettore, Spinelli Giuseppe. 
DISPERSI IN GUERRA: 
Rosini Fortunato, Carducci Carlo, De Stefanis Panpilo, Vannicola Primo, Brandimarti Lamberto, Ameli Nazzareno, Capriotti Giovanni, Ciabattoni Quirico, Cicconi Orlando, Cocci Luigi, Cocci Martino, Croci Osvaldo, Falcioni Guido, Nespeca Quintilio, Osimi Arturo, Pierantozzi Giovanni, Seghetti Silvio, Simonetti Bernardo, Talamonti Emidio, Ficcadenti Luigi. 
MEDAGLIA D’ORO:  Sottotenente Loris Annibaldi.
“PER VOI-FRATELLI SOLDATI, PURO ONORE DI OFFIDA NOSTRA, IL RICONOSCENTE AMORE-IL VOTO ROMANO, PERCHE’ IL VOSTRO MARTIRIO SIA MONITO AL MONDO-AI POPOLI, CHE ITALIA VIVE” 
LUIGI MICHELI

XV AGOSTO MCMXXIII COLONNELLO DI FANTERIA”

MCMXV-MCMXVIII

(nella vecchia foto: commemorazione ai caduti in Offida)

Alberto Premici

ComunicAbilità, seminario dell’OdG in Offida

logo

OFFIDA – Sabato 29 novembre 2014 presso il Teatro Serpente Aureo di Offida, l’Ordine dei Giornalisti ha promosso il seminario di aggiornamento professionale “ComunicAbilità – L’inchiesta tra fonti e confronti”. Durante la giornata verranno consegnati i Premi Speciali della quarta edizione del concorso “Tonino Carino”, organizzato dall’Amministrazione Comunale di Offida con il patrocinato dall’Ordine dei Giornalisti, nazionale e delle Marche, e dall’Associazione Giornalisti Europei, rivolto a giornalisti professionisti, pubblicisti, praticanti, studenti frequentanti l’ultimo anno delle scuole secondarie superiori e agli iscritti alle Scuole di giornalismo, con l’obiettivo di promuovere la corretta informazione giornalistica e l’impegno professionale. Il seminario ComunicAbilità, inserito tra le iniziative di formazione dell’Ordine dei Giornalisti,  vedrà relatori, tra gli altri, Toni Capuozzo ed Emilio Casalini. Info:  Sonia Marcozzi – tel. 328 3968860.

(ap)

Incidente mortale sulla Valtesino

IMG_0122.PNG

Un uomo di 80 anni, Agostino Ceccarelli, ha perso la vita nel tardo pomeriggio di oggi, investito da un auto lungo la s.p. Valtesino, nel tratto compreso tra S.Maria Goretti ed il bivio per Ripatransone. Inutili i soccorsi immediati del 118. Sono in corso i rilievi e le indagini di rito da parte della Polizia Stradale di Ascoli Piceno. In quella zona, purtroppo, si sono verificati in passato altri incidenti anche a causa della scarsa illuminazione e della segnaletica carente. (ap)

Macroregione Adriatico-Ionica: ok dell’Unione Europea

AD21p.3-18-14

I leader dei 28 capi di Stato e di governo dell’Ue hanno adottato la nuova strategia europea della macroregione adriatico-ionica (Eusair). Soddisfazione del commissario europeo alle politiche regionali, Johannes Hahn e del commissario europeo agli affari marittimi, Maria Damanaki, per il via libera alla strategia, che oltre l’Italia include Croazia, Grecia e Slovenia, più Albania, Bosnia Erzegovina, Montenegro e Serbia. La nuova strategia per la macroregione adriatico-ionica costituirà “un modello per le future iniziative in aree marittime” ha commentato il commissario europeo alle politiche marittime, Maria Damanaki.

“Quella di oggi è una data storica che ci consegna un progetto europeo straordinario per obiettivi di pace, crescita ed integrazione: la strategia della Macroregione adriatico ionica”. Così il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, commenta l’adozione, da parte del Consiglio europeo riunito oggi a Bruxelles, dell’Eusair. “Oggi – dice Spacca – si concretizza un percorso emozionante, lungo e pieno di complessità. Non sono stati pochi, in questi ultimi cinque anni, ostacoli,  indifferenze e scetticismi incontrati da chi, come la Regione Marche, ha  lavorato con grande pazienza e determinazione per questo risultato. É stato grazie ad un impegno forte e corale di istituzioni e comunità adriatiche e ioniche, che oggi possiamo celebrare la nascita della terza Macroregione europea dopo Baltico e Danubio: la prima che coinvolge l’Italia. Un grazie va al  nostro Governo che ha fatto della strategia uno dei punti di forza del semestre di presidenza della Ue. Ma siamo solo all’inizio. Ora ogni Stato, Regione, Contea o territorio dovrà ergersi a protagonista di un grande sforzo di progettazione. Dopo anni di narrazione e di analisi è necessario infatti concretizzare i progetti del Piano d’azione. Le Marche sono pronte ad offrire, come avvenuto sinora, il proprio contributo”. Prossimo appuntamento, il 18 novembre a Bruxelles, con l’evento di lancio della strategia adriatico ionica preannunciata nel programma di Presidenza italiana e organizzata dalla Presidenza italiana con la cooperazione della Commissione europea, dell’Iniziativa adriatico ionica e della Regione Marche.

L’Iniziativa Adriatico-Ionica (IAI) è nata ad Ancona il 19 – 20 maggio 2000 con la firma, da parte dei Ministri degli Affari Esteri di 6 Paesi rivieraschi (Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Grecia, Italia, Slovenia), della “Dichiarazione di Ancona” sulla cooperazione regionale quale strumento di promozione della stabilità economica e politica e del processo di integrazione europea. Ai 6 membri originari si è aggiunta l’Unione di Serbia-Montenegro nel 2002 e, in seguito alla scissione, nel 2006, sia la Serbia sia il Montenegro hanno mantenuto la membership nell’Iniziativa, attualmente costituita quindi da 8 Paesi: Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Grecia, Italia, Montenegro, Serbia, Slovenia.

(red)

Il Gran Tour Cultura 2014 farà tappa in Offida

aldo3

OFFIDA – Visite guidate, mostre, concerti e molto altro. E’ l’offerta del “Gran Tour Cultura 2014” organizzato dall’assessorato alla cultura della Regione Marche, con il MAB Marche (Coordinamento Marchigiano Musei, Archivi e Biblioteche), giunto alla terza edizione.  L’iniziativa di quest’anno, che ha per tema “Musei, Archivi e Biblioteche”, crocevia di culture”, avrà inizio domani con un convegno su “Gestione e innovazione nei musei, archivi e biblioteche nelle Marche”, che si svolgerà nella sala convegni Li Madou, in Via Gentile da Fabriano, 2/4 di Ancona. Come spiega l’assessore Pietro Marcolini “l’obiettivo è comunicare il valore di musei, archivi e biblioteche nell’offerta culturale regionale, non come meri contenitori, ma cercando di valorizzare l’aspetto di imprescindibile servizio di valore sociale delle istituzioni culturali, dove ci si incontra e si scambiano  saperi, dove il patrimonio sono le opere d’arte, i libri, i documenti, le persone che le frequentano ed i professionisti che vi lavorano”.

Anche  Offida, con i laboratori didattici Museo Aldo Sergiacomi – Fondazione Lavoroperlapersona, ha aderito al Grand Tour Cultura 2014, in collaborazione con l’amministrazione  comunale e con il Corpo Bandistico della Città di Offida. “L’appuntamento è per sabato 15 novembre dalle 9.30-12,30 / 14.30-20,30 – spiega il project manager del Museo Sergiacomi, Giancarlo Premici – ed inizierà con una visita guidata alle sale del Museo Sergiacomi e ai luoghi della Fondazione Lavoroperlapersona. Seguirà una conferenza-workshop sul contributo artistico dello scultore offidano ed un concerto del Corpo Bandistico Città di Offida nel Teatro Serpente Aureo”.

L’occasione offrirà l’opportunità di conoscere, oltre alle opere ed i luoghi dove ha lavorato Aldo Sergiacomi, anche i laboratori didattici e l’attività della“Fondazione Lavoroperlapersona”.

Una giornata da non perdere, tra le bellezze architettoniche e l’enogastronomia di Offida, uno dei borghi più belli d’Italia.

INFO: Laboratori didattici Museo “Aldo Sergiacomi” – Fondazione Lavoroperlapersona”, Via Ischia, 24 – 338 4240410 – 333 5853509 www.lavoroperlapersona.it  www.museosergiacomi.it

(Alberto Premici)

4a edizione del concorso giornalistico “Premio Tonino Carino”

toni4

OFFIDA – L’amministrazione comunale di Offida ha pubblicato il bando ed il regolamento per la 4a edizione del concorso giornalistico “Premio Tonino Carino”, giornalista di origini offidane. La finalità dell’iniziativa è quella di incentivare la corretta informazione giornalistica e l’impegno professionale dei giornalisti, circa la valorizzazione delle realtà territoriali. Potranno partecipare giornalisti professionisti, giornalisti pubblicisti, studenti frequentanti l’ultimo anno delle scuole secondarie superiori, giornalisti praticanti e praticanti giornalisti iscritti alle scuole di giornalismo. Sono ammessi al concorso articoli e/o servizi in lingua italiana aventi per tema realtà locali e peculiarità territoriali. Termine per la presentazione delle domande: 10 novembre 2014.

Info: Comune di Offida – Corso Serpente Aureo n° 66 – Tel 0736/888703 – Fax 0736/889648
Responsabile: Dr.ssa Ornella Nespeca – tel. 0736 888708 – fax 0736 889648
http://www.comune.offida.ap.it e-mail:affarigen@comune.offida.ap.it

BANDO E REGOLAMENTO

Borsa di studio per il Museo di Offida

museoffida4

OFFIDA – La Provincia di Ascoli Piceno ha attivato 9 borse lavoro per laureati destinate al sostegno dell’occupazione giovanile qualificata nel settore della valorizzazione dei beni culturali. Già da lunedì prossimo i nove borsisti, precedentemente individuati con selezione pubblica, saranno al lavoro in “contenitori culturali” del territorio provinciale come musei ed archivi. I laureati saranno impegnati in attività di valorizzazione delle strutture interessate con compiti che vanno dallo svolgimento di attività culturali, all’ampliamento dell’offerta dell’orario di apertura, alla realizzazione di laboratori didattici e brochure fino a specifiche azioni di promozione con particolare riguardo al mondo della scuola, ma anche in una prospettiva regionale e nazionale.

Il progetto, di durata annuale, è stato finanziato con oltre 87 mila euro nell’ambito di un fondo regionale. Sulla base dei progetti di rete a titolarità provinciale di recente avviati e delle realtà culturali esistenti, i 9 borsisti sono stati ripartiti nel seguente modo: 2 ai musei presenti alla Cartiera Papale di Ascoli Piceno, 1 alla rete dei Musei Sistini presso la Diocesi di San Benedetto del Tronto, 1 alla sede museale di Offida nell’ambito della rete interterritoriale dei Musei Piceni, 1 alla Pinacoteca Comunale di Ascoli Piceno (Rete Musei Civici), 1 presso il Centro Studi Tradizioni Picene, 1 al Polo Culturale presso l’ex chiesa di Sant’Ilario – Tempio di Sant’Emidio alle Grotte di Ascoli Piceno, 1 a disposizione degli archivi storici dei Comuni di Grottammare, Carassai, Cupramarittima e Massignano e, infine, 1 assegnato agli archivi storici dei Comuni di Castel di Lama, Montemonaco, Comunanza e Ripatransone.

(red)

 

Il Coro Cima Vezzena a S.Maria della Rocca

Pranzo sociale 08 009

OFFIDA – Sabato 18 Ottobre 2014 alle ore 21, presso la Chiesa di Santa Maria della Rocca si terrà il concerto del “Coro Cima Vezzena”. Offida avrà l’onore di ospitare il gruppo musicale composto da trentotto elementi che, pur svolgendo la maggior parte della propria attività in Levico Terme, assume sempre nuovi impegni per gli scambi con altre realtà corali, per la partecipazione alle rassegne, ai concorsi e alle manifestazioni.

L’amministrazione comunale di Offida, approfitterà dell’occasione per consegnare un riconoscimento alle famiglie dei giovani offidani defunti, che hanno donato i loro organi.

Il coro Cima Vezzena, “concepito” nel 1978, nasce ufficialmente con l’iscrizione alla Federazione Cori del Trentino, nel 1983. Composto da trentotto elementi e pur svolgendo la maggior parte della propria attività in Levico Terme, il coro assume sempre nuovi impegni per gli scambi con altre realtà corali, per la partecipazione alle rassegne, ai concorsi, a manifestazioni. Si ricordano in particolare i concerti nel 1988 alla Fiera dell’Expo Levante a Bari, nel 1989 in Svizzera a La Chaux de Fond e a Stoccarda in Germania, nel 1991 a Villa Manin di Passariano (UD), in Svizzera al Casinò di Le Locle, ad Appiano Gentile, al Festival degli Appennini ed a Dresda. Il coro ha poi partecipato a numerose rassegne in Trentino, ed organizza annualmente due rassegne a maggio, e in occasione del Natale.

Da ricordare poi che è nata da un’idea del Cima Vezzena la gara di sci non competitiva per i cori del Trentino. Nel 1995 il coro ha poi ideato un’altra manifestazione “Due note…. per un sorriso”, marcia non competitiva a scopo benefico, aperta a tutti i cori amici, il ricavato della quale è destinato al finanziamento di un’adozione a distanza che si è concretizzata con l’adozione di Edgard, un bambino dell’Ecuador.

Il coro Cima Vezzena ha inciso una musicassetta e un CD dal titolo “”Cima Vezzena… canta”” nel 1993, in occasione del decennale. La seconda produzione discografica, dal titolo “Ciao Stéla”, è stata creata nel 1999.

In occasione del ventennale di fondazione nel 2003 il coro ha organizzato la serie di rassegne corali “In..canto popolare” con l’intento di riscoprire la coralità tradizionali delle vallate trentine il primo anno, dell’Alto Adige nel 2004 e di tutto l’arco alpino nel 2005.
Dal 2006 collabora con l’orchestra ArtEnsemble diretta dal maestro Maurizio Mune alla realizzazione dello spettacolo “Conflitto e castigo”, rievocazione storica della Prima Guerra Mondiale con la partecipazione straordinaria dell’attrice Milena Vukotic.
Nell’ottobre 2007 il coro ha partecipato, in Spagna, al 4° festival internazionale “Cantate Barcelona”. In quest’occasione abbiamo conosciuto la corale catalana “Som” che ha ricambiato l’invito a Levico Terme nell’ambito della 23a edizione della nostra rassegna “Cima Vezzena canta… racconta”.
Nel 2008 il coro, festeggiando il 25° anno di attività, ha concluso la registrazione del suo terzo lavoro discografico dal titolo “Momenti dal Cor”. Sempre nel 2008 sono stati pubblicati il DVD di “Conflitto e Castigo” e la produzione “Montagne Migranti” assieme al gruppo musicale “Miscele d’aria” e ad altri 13 cori del trentino.

Sempre quest’anno, da un’idea del nostro maestro Mauro Martinelli e con la collaborazione di diversi coristi, è nato ufficialmente il coro giovanile “Monte Persego” che nei prossimi anni rappresenterà il vivaio del Coro Cima Vezzena. In questo primo anno di attività è stato svolto un progetto per far conoscenza ai giovani coristi gli antichi mestieri cantati dalla coralità popolare. Il secondo anno di lavoro stanno effettuando un percorso più articolato nel quale affronteranno la tematica dell’emigrazione trentina a cavallo tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900 mentre per l’anno in corso stanno approfondendo il periodo della prima guerra mondiale. Il coro a fine 2008 ha partecipato alla trasferta a Praga, in Repubblica Ceca, in occasione dei “Canti dell’avvento” portando così un pezzo di Trentino all’estero.

Il 2009 ha visto il Coro Cima Vezzena invitare per la 24 rassegna “Cima Vezzena Canta” il Coro S.Arrodia di Cagliari nel mese di maggio mentre ha dicembre ha avuto come ospite la corale S. Cassiano di Montemarciano (AN). A luglio è stato ospite del coro Pigami a Pavia di Udine dove ha cantato nella cinquecentesca Villa Lovaria. Ad agosto è stato invece ospite del coro Rio Bianco di Panchià in val di Fiemme.

Sempre nel 2009 è stata rinnovata la formula del festival “In..canto Popolare” che ha visto partecipare varie formazioni corali della Valsugana che si sono esibite nelle serate dei mercoledì di giugno, luglio ed agosto lungo le strade del centro storico di Levico Terme. Sulla scia di questo successo è nato “In…canto sotto la neve” analoga rassegna corale che si svolge nel periodo di apertura dei mercatini di Natale.

Negli ultimi anni è continuata la collaborazione con il consorzio commercianti per l’organizzazione di “In..canto Popolare”. Inoltre il coro ha effettuato numerose trasferte a Montemarciano (AN), Sinnai (CA), Appiano Gentile (CO), Barcellona (Spagna), Pont Saint Martin (AO) e Volta Mantovana (MN).

(red)