Offida,Viale IV Novembre avrà finalmente un nuovo look

 

OFFIDA – Offida si aggiudica un finanziamento di un milione di euro per riqualificare Viale IV Novembre. Il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (Cipe) ieri ha infatti deliberato la destinazione della quota residua, non spesa, del Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) 2007-2013, inserendo tra gli interventi quello del Comune offidano. Grande la soddisfazione da parte del Sindaco Valerio Lucciarini che aveva anticipato, durante la conferenza di fine anno 2015, tra le opere pubbliche per il triennio 2016/2018, anche la riqualificazione del lungocollina offidano. “Grazie al finanziamento del Cipe – continua il primo cittadino – si liberano delle risorse, già destinate, che saranno utilizzate per l’ampliamento della scuola in Via Della Repubblica”. Pur non esistendo alcuna obbligatorietà all’adeguamento sismico per le scuole, l’Amministrazione offidana ha deciso di procedere in questa direzione. “Dopo la scossa del 30 ottobre – aggiunge il Sindaco – tutto è cambiato perché abbiamo avuto consapevolezza che ci troviamo in una situazione anomala che ha fatto registrare bene 3 terremoti di alta intensità in meno di 3 mesi. Di fronte a questa nuova dimensione, il quadro della programmazione amministrativa cambia. Dalle necessità contingenti dobbiamo costruire nuove opportunità.”

Nel giro di un paio di mesi, gli studenti delle 6 classi delle scuole medie che oggi, a causa del terremoto – che ha reso inagibile per rischio esterno la scuola di Via Ciabattoni perché adiacente alla Chiesa di Sant’Agostino – sono costretti al doppio turno nella Scuola di Via della Repubblica, saranno sistemati in una struttura antisismica. “La vicinanza del Governo al territorio – continua Lucciarini – è reale. Poter contare su un finanziamento di tale portata da parte dello Stato recuperando somme non spese della programmazione europea precedente per finanziare un opera pubblica strategica come viale IV Novembre, è un segnale di forte attenzione verso i comuni di piccole dimensioni dando risposte concrete attraverso sostegni finanziari veri. Per Offida un risultato gigantesco.”

(red)


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet.

Sisma Regione Marche, provvedimenti e iniziative

COMMERCIO – Con decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 154 del 30 novembre 2016, concernente gli interventi a carattere d’urgenza conseguenti all’eccezionale evento sismico che ha colpito la Regione Marche, sono state approvate deroghe, al settore del commercio, per i Comuni inseriti nel cratere. DECRETO

DONAZIONI – Al 24 ottobre 2016 risultano pervenuti 240.083,43 euro di donazioni al conto corrente postale numero 001034116044 a favore dei territori marchigiani colpiti dal sisma del 24 agosto 2016. E’ stato aperto dalla Regione un conto corrente postale per la raccolta dei fondi a favore delle popolazioni marchigiane colpite dal sisma del 24 agosto 2016. La Regione Marche ringrazia per le numerosissime dimostrazioni di solidarietà che stanno arrivando in questi giorni, anche dall’estero. Per l’Italia è attivo il numero 45500 (donazioni di 2 euro via sms) su richiesta del Dipartimento della Protezione Civile, d’intesa con le Regioni colpite e grazie agli operatori di telefonia mobile e ai media. Valido anche per l’estero il conto corrente postale:  INTESTAZIONE CONTO CORRENTE POSTALE: REG. MARCHE DONAZ.FAVORE TERRITORI MARCHE COLPITI SISMA 24 AGOSTO 2016 – NUMERO CONTO: 1034116044 – IBAN: IT-17-Y-07601-02600-001034116044 – COD. BIC/SWIFT per i BONIFICI DALL’ESTERO: BPPIITRRXXX – DONAZIONE ON-LINE – E’ possibile effettuare donazioni direttamente on-line tramite la piattaforma regionale Mpay  –  Donazioni On-line sisma Marche

SOPRALLUOGHI TECNICI – Richiedere un sopralluogo in edifici privati. È possibile richiedere un sopralluogo al COC o al Comune, compilando il seguente modulo (100 Kb). Subito dopo la scossa del 24 agosto, sono state avviate le verifiche speditive sugli edifici da parte della Protezione Civile Regionale le verifiche di agibilità sugli edifici pubblici prioritariamente sugli edifici scolastici e successivamente sugli edifici privati prime abitazioni svolte da squadre di tecnici abilitati. I sopralluoghi avvengono secondo una metodologia univoca per tutta Italia con scheda “AeDES ” per la rilevazione di 1° livello di rilevamento danno, pronto intervento e agibilità per edifici ordinari nell’emergenza post-sismica. I sopralluoghi vengono svolti e le schede vengono compilate da rilevatori accreditati in Dicomac – Dipartimento Comando e Controllo Protezione Civile Nazionale . Questi tecnici devono essere stati formati in uno dei corsi sulla “Valutazione di agibilità e rilievo del danno”, organizzati secondo lo standard condiviso col Dipartimento della Protezione Civile. Solo per i dipendenti pubblici o per il personale dei centri di competenza – che non abbiano seguito i corsi – è necessario avere la qualifica di esperto e quindi aver partecipato a campagne di rilievo del danno dal 1997 per almeno tre diversi eventi, con un numero minimo di 15 giornate di sopralluoghi, o in caso di singolo evento, aver effettuato almeno 30 giornate di sopralluoghi. A breve partiranno anche le verifiche sui beni di interesse culturale. I cittadini che ritengono di aver subito danni possono richiedere il sopralluogo al C.O.C. Centro Operativo Comunale presso il Comune di residenza l’ufficio responsabile delle attività a livello locale , il cui massimo punto di riferimento è il Sindaco e suo delegato (Legge 225/1992 – Art. 15).

AZIENDE ZOOTECNICHE – L’ordinanza OCDPC n.415 del 21/11/2016 consente alle aziende agricole, per garantire la continuità operativa del settore zootecnico,la realizzazione piazzole di posizionamento dei moduli abitativi e la relativa rendicontazione di pagamento delle spese sostenute. Si pubblicano di seguito la procedura e la relativa modulistica: Procedura piazzole sisma – Richiesta azienda zootecnica – Dichiarazione tecnico.

TRASPARENZA – “Con questo protocollo si conferma una linea di indirizzo che e’ stata una cifra caratteristica di questo percorso fin da subito, ovvero un’attenzione molto forte a tutte quelle che sono le regole, la trasparenza e l’utilizzo corretto delle risorse pubbliche che abbiamo impiegato prima nell’emergenza e domani impiegheremo nella ricostruzione”. Lo dice il governatore delle Marche, Luca Ceriscioli, durante la conferenza stampa per la firma del protocollo d’intesa tra Anac, Protezione civile e le 4 regioni interessate dal terremoto del 24 agosto “Monitoraggio e vigilanza collaborativa sugli interventi di emergenza conseguenti al sisma”. “E’ una cosa che dobbiamo a chi ha messo a disposizione queste risorse- spiega- lo dobbiamo ai cittadini che hanno necessita’ di avere risposte sulla ricostruzione in modo che ogni euro vada a finire nelle mani giuste e contribuisca alla ricostruzione. Questo decreto rafforza questo indirizzo, da’ la consulenza all’Anac, che e’ molto utile sia in fase preventiva che in futuro”.

840 001 111 – Numero verde per le EMERGENZE della Protezione Civile.

La Protezione Civile ringrazia tutti coloro che in occasione del protrarsi dell’emergenza sismica che ha colpito il territorio stanno dando prova di grande solidarietà e generosità prodigandosi per la popolazione duramente colpita. Si evidenzia che per ragioni igieniche non è possibile accettare donazioni di indumenti, scarpe, biancheria, effetti personali usati.

Rilevazioni 27 novembre 2016Si aggiorna ancora la lista dei danni provocati dal sisma. 122 i Comuni marchigiani coinvolti. 278 le zone rosse a rischio nuovi crolli: (146 Mc; 16 Fm; 108 Ap; 8 An). 62 sono i municipi inagibili, un migliaio le attività produttive inagibili e le stalle inagibili si attestano a 243. Le persone assistite sono ad oggi 23.409 in totale, di cui 4.086 in loco (palestre, capannoni, palazzetti); 10.928 in autonoma sistemazione e 8.395 in albergo.


(ap/red)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet.

Regione Marche, prorogato il Piano casa al 31 dicembre 2018

ANCONA – Piano casa: proroga fino al 31 dicembre 2018, ampliati gli incentivi per l’adeguamento antisismico. Terminata la sessione ispettiva, il Consiglio regionale ha avviato l’esame della prima proposta di legge all’ordine del giorno, la proroga di due anni del Piano casa (Modifica alla legge regionale 8 ottobre 2009 n. 22 “Interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l’occupazione, migliorare la sicurezza degli edifici e promuovere tecniche di edilizia sostenibile”). La proposta di legge è stata presentata lo scorso luglio dai consiglieri di maggioranza Biancani, Giacinti, Micucci, Giancarli del Pd e Rapa (Uniti per le Marche – Socialisti). Al testo iniziale, contenente la sola proroga al 31 dicembre 2018 e l’invarianza finanziaria, la Terza commissione Governo del territorio ha aggiunto ulteriori modifiche, aggiornando gli incentivi per l’adeguamento sismico degli edifici esistenti. In particolare “al fine di promuovere l’adeguamento sismico del patrimonio edilizio regionale, le percentuali di ampliamento ammesse sono incrementate del 15% della volumetria o della superficie utile lorda, qualora l’intervento da realizzare preveda anche un adeguamento sismico della struttura portante dell’intero edificio esistente”.

GUIDA AL PIANO CASA MARCHE (a cura di Edilportale)

(red)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet.

Convegno: “Marche, la terra dei cammini”.

Si terrà sabato 3 dicembre, alle ore 15,00, presso il Teatro Comunale di Monsampolo del Tronto, il convegno “Marche, la terra dei cammini. Roma, Assisi, Ascoli, Loreto, dai Cammini di San Francesco ai percorsi Giubilari e Lauretani”. All’iniziativa, promossa dal Comune di Monsampolo del Tronto, parteciperanno rappresentanti delle istituzioni locali ed esperti di settore che si confronteranno su quanto sinora realizzato nella Regione Marche e soprattutto sull’opportunità di creare una rete, a livello regionale e locale, di cammini e itinerari religiosi, storici, e culturali.

L’evento vuole suscitare l’interesse degli operatori turistici e degli amministratori locali al fine di incentivare la nascita di nuove forme di turismo sostenibile, che sappiano valorizzare le peculiarità naturalistiche e culturali del territorio Piceno. L’Obiettivo è quello di creare un nuova e qualificata offerta turistica incentrata appunto sul turismo sostenibile, in grado di dare nel breve tempo una tangibile ricaduta sull’economia e l’immagine del territorio.

L’evento si articolerà in quattro momenti. Dopo i saluti iniziali di Pierluigi Caioni – Sindaco di Monsampolo del Tronto, Moreno Pieroni –  Assessore al turismo Regione Marche, Fabio Urbinati – Consigliere Regionale, Roberto De Angelis – Coordinatore ANCI piccoli comuni, Luigi Contisciani – Presidente Bim Tronto, il dibattito entrerà nel vivo con il primo panel dedicato a “I Cammini della Marche” nel quale interverranno: Simona Teoldi – Dirigente Servizio turismo Regione Marche, Simone Longhi – Cammini Lauretani, Andrea Maria Antonini – Cammino Francescano della Marca, Luigi Girolami – Storico dei pellegrinaggi della Bassa Marca.

Il terzo panel sarò dedicato agli “Itinerari storici, culturali e religiosi un’opportunità di sviluppo per i territori” nel quale interverranno: Federico Massimo Ciaschin – Vie Sacre  e Board Nazionale degli Itinerari, delle Rotte, dei Cammini e delle Ciclovie, Giovanni Pattoneri – Cammini d’Europa, Simone Bozzato – Società Geografica Italiana, Gaia Ferrara – Direttrice di Viandando, Domenico Bracciodieta – Vicepresidente nazionale di Federcultura/Confcooperative, Sabrina Busato – Presidente Feisct “Federazione Europea Itinerari Storici Culturali Turistici”, Gabriele Tabarrini – Via Francigena Entry Point.

A chiudere i lavori, sarà lo storico monsampolese Luigi Girolami, che presenterà il suo ultimo lavoro “Dai Benedettini all’Ospedale di Sant’Alessio – storia dell’Accoglienza nel Castello di Monsampolo”.

INFO: www.monsapoloborgoaccogliente.it – cell: 377 1500858

(red)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet.

Dianova Montefiore presenta i risultati del progetto sui percorsi terapeutici alcologici

La Comunità Dianova di Montefiore era stata scelta come realtà affidataria del progetto per gli anni 2013 e 2014.

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sabato 17 dicembre avrà luogo il convegno organizzato dall’equipe della Comunità Dianova di Montefiore, per presentare i risultati del progetto “Sperimentazione di procedure di presa in carico, valutazione e monitoraggio di percorsi terapeutici alcologici”, finanziato dal Piano Dipartimento Dipendenze Patologiche AV5 Asur Marche e affidato alla Comunità di Montefiore per gli anni 2013 e 2014.

Nel periodo di svolgimento del progetto è stato istituito un tavolo tecnico di enti e associazioni impegnati in servizi di prevenzione, diagnosi, cura e supporto al reinserimento sociale per alcolisti ed ex alcolisti; dal confronto tra queste realtà ha avuto origine la Rete STAI (Sistema Trattamentale Integrato Alcoldipendenze).

Il primo obiettivo raggiunto dal progetto è stato proprio l’incremento del livello di collaborazione tra i diversi enti del territorio che erogano servizi di prevenzione, diagnosi, cura e supporto al reinserimento sociale di alcolisti o ex-alcolisti; in particolare è stato istituito un tavolo tecnico a cui hanno partecipato 10 enti (pubblici e privati) gestori di altrettanti servizi rivolti a persone con problemi di alcolismo che ha prodotto la Carta Dipartimentale dei Servizi per le Alcoldipendenze.

Altro dato molto positivo è stato l’aumento della ritenzione al trattamento per i soggetti alcoldipendenti in carico presso le Comunità Terapeutiche residenziali del territorio tramite il monitoraggio e la valutazione degli aspetti psicopatologici, clinici e psicosociali; le attività progettuali si sono concentrate su 3 tipi di valutazione: psicopatologica (somministrazione test psicodiagnostici), clinica (sulla base di appropriati esami ematici) e psicosociale (relazione psicosociale che tiene presente le aree della socialità, delle relazioni familiari, della componente giuridica, dell’area lavorativa e della scolarizzazione).

Per quanto concerne Dianova, dall’inizio del progetto sono stati accolti nella Comunità di Montefiore 34 alcolisti primari (diagnosi indicata dai Servizi Invianti), in cura residenziale. Di questi 34 pazienti, 8 sono ancora in carico alla struttura, 12 sono stati dimessi per aver concluso il programma terapeutico, 12 hanno abbandonato volontariamente la struttura anticipando le dimissioni e 2 sono stati indirizzati verso altre strutture a seguito di valutazioni condivise con i Servizi Invianti. I primi sostanziali miglioramenti si sono registrati dopo i primi sei mesi, soprattutto per quanto riguarda i sintomi psicologici e le relazioni famigliari; durante il percorso comunitario si è inoltre osservata la quasi totale assenza di ricadute nelle uscite previste dal programma. Con l’aumento del periodo di residenzialità protetta in Comunità si è quindi rilevata nei pazienti la tendenza a migliorare la propria condizione psicologica, la capacità di prendersi cura di se stessi e le capacità di ricostruire legami.

Il convegno si svolgerà dalle 9,30 alle 13,00 presso il Presidio Ospedaliero Madonna del Soccorso di San Benedetto del Tronto e, oltre all’equipe di Dianova Montefiore, vedrà la presenza di numerosi enti ed esperti del settore dipendenze. Nel corso della mattinata, per concludere, sarà anche presentato il follow-up del progetto relativo all’anno 2016.

INFO: Dott. Stefano Mori – montefiore.centroascolto@dianova.it – 0734.939424

(red)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet.

Al Serpente Aureo “SOTTO UN PONTE LUNGO UN FIUME”

15310474_225491261218449_2073233236_n.jpg

OFFIDA – Sabato 3 dicembre, con inizio alle ore 21,15, la Compagnia “La Betulla” di Nave (BS), presenterà “Sotto un ponte lungo un fiume“, per la regia di Bruno Frusca, nell’ambito del 2° Festival Nazionale di Teatro Amatoriale “Serpente Aureo- Città di Offida”. Info e prenotazioni: 0736 888616 (Monja Malavolta) – Gruppo Amici dell’Arte: 366 2601868.

“Sotto un ponte, lungo un fiume”, è un’opera in otto quadri scritta da Luigi Lunari e tradotta in francese, tedesco, inglese, russo, gallego e catalano.

Trama

Sotto un ponte, lungo un fiume, ai margini di una discarica abusiva. In un rifugio di assi e di cartone, appoggiato a un pilone, vivono un uomo ancora giovane e una vecchia donna: due barboni. Ma non sono sempre stati così. Lui è il titolare di una florida azienda, ereditata – assieme a un suo fratello – dal padre, un industriale intraprendente, che “si è fatto da sé”. Ad un certo punto quest’uomo ha abbandonato “tutto” e si è ridotto a vivere di nulla, alla giornata; e sua madre – la donna, lo ha seguito. Inutilmente l’altro fratello – rimasto alla guida dell’azienda – tenta di riportarli alla vita normale: tra l’altro, di lì a poco, verrà inaugurato un nuovo stabilimento, presenti autorità civili e religiose… e gli eventi familiari saranno oggetto di curiosità e di scandalo. Tra i due fratelli si fa serrato il confronto tra l’uno che sostiene l’utilità della produzione e del progresso, e l’altro che rifiuta quella logica come disumana e suicida. La diatriba si conclude con un fratricidio: il “signore” uccide il “barbone”. Decide di costituirsi: ma la madre interviene: dirà di essere stata lei. Prende l’arma del delitto, spara due colpi… il guanto di paraffina fornirà la prova certa del delitto. Poi… un po’ di soldi, e un buon avvocato e tutto andrà a buon fine: e l’azienda sarà salva. Molti anni dopo, in un sofferto monologo, la donna denuncerà la folle lotta dei figli, richiamando le donne come lei alla loro insostituibile funzione di madri, nel rifiuto del piatto di lenticchie offerto dai maschi, che le allettano con il miraggio di essere simili a loro, ma che le liberano solo per quel tanto che risponde al loro interessi.

(red)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet.