OFFIDA: Fondazione Ellepì, 4° Seminario Interdisciplinare sull’Accoglienza

4 SEMINARIO

OFFIDA – 4^ Seminario Interdisciplinare sull’Accoglienza

Noi dopo di noi: Accogliere, ri-generare, restituire nella società, nell’educazione, nel lavoro

Offida, 17-18-19 settembre 2015

Il Tema

Che tracce lascerà il nostro agire nella società, nell’educazione, nel lavoro? Pensare al dopo ci inchioda alle responsabilità del nostro presente, sfidandoci a immaginare e valutare le conseguenze delle nostre azioni: nella politica, nella società civile, nell’economia e nel lavoro. Come responsabili delle comunità in cui viviamo, come genitori e educatori, come imprenditori e lavoratori siamo chiamati,soprattutto, a riconoscere questa distanza temporale senza dimenticare il senso del limite, accogliendo la nostra umanità come esperienza di legami e misterioso appuntamento tra passato, presente e futuro, tra generazioni diverse. L’uscita di scena chiede di farci eredità, di lasciare tracce che altri possano percorrere e di seminare ciò che altri possano far fiorire. Pensare al dopo, dunque, come fondamentale sollecitazione ad accogliere, ri-generare e restituire – rinnovando – ciò che si è ricevuto. Noi dopo di noi significa cura della memoria, da trasformare in un libro responsabilmente apertoal futuro.

Organizzazione

Il Seminario è organizzato in cinque sessioni tematiche. Ogni sessione approfondirà il tema da due prospettive articolate in altrettanti interventi: una riflessione più teorica – affidata ad accademici e ricercatori – cui seguirà uno spazio più narrativo dedicato al racconto di esperienze e pratiche. Il seminario proporrà anche una Poster Session con l’allestimento di uno spazio visuale che faciliterà il coinvolgimento dei partecipanti e la conoscenza di esperienze e proposte di accoglienza raccontate dai protagonisti. Nelle tre giornate sono previsti altri momenti e percorsi culturali, una mostra fotografica, un concerto e l’esibizione del Coro Solidalcanto di Morrovalle insieme all’ensemble strumentale Armoniosa Marca.

A chi si rivolge

A cittadini, educatori e studenti, economisti e ricercatori di scienze politiche e sociali, imprenditori ed executive, docenti e amministratori, architetti e urbanisti, cooperatori e manager d’imprese e di organizzazioni non profit che vogliono approfondire il paradigma dell’accoglienza in diversi ambiti: dalla società alle istituzioni, dalle imprese alle scuole, dal territorio alle città.

IL PROGRAMMA

Giovedì 17 settembre: 17.30 Prima Sessione Chiesa Santa Maria della Rocca Indirizzi di saluto Gabriele Gabrielli| Valerio Lucciarini de Vincenzi Proiezione del film: ‘Noi dopo di Noi’ di Giovanni Panozzo Apertura Luigi Alici Politica Testimoniare per la libertà e la responsabilità del domani Intervengono: Giampaolo Azzoni| Stefania Mancini | Concerto EllePì Band 21.00 Snack dinner Chiostro Ex Convento San Francesco

Venerdì 18 settembre: 10.00 Seconda Sessione Ex Convento San Francesco Fragilità L’assenza e la presenza: esserci ancora, esserci sempre per la fragilità Intervengono: Ivo Lizzola| Franco Vaccari 11.30 Coffee break 12.00 Terza Sessione Ex Convento San Francesco Ambiente Progettare per non essere progettati: avere cura del luogo dell’avvenire Intervengono: Massimiliano Mazzanti| Cesare Patrone 13.30 Light lunch 15.00 Ex Convento San Francesco Poster Session Galleria di esperienze, pratiche e proposte di accoglienza raccontate dai protagonisti. Avvocato di strada, Cloros, Fondazione Dopo di Noi, MoneyGram, Polo Lionello Bonfanti, Premio di Padre in Figlio, Rete Energie, Roland, Santo Stefano Riabilitazione, ScholaNova di Varano 16.45 Poster Cafè 17.30 Ex Convento San Francesco Le nuove biblioteche Custodi della memoria e punti di riferimento per la comunità Antonella Agnoli 18.00 Ex Convento San Francesco “Biblioearth – Viaggio tra le biblioteche e le mediateche più belle del mondo” Mostra fotografica curata da Antonella Agnoli 20.00 Snack dinner Chiostro Ex Convento San Francesco 21.30 Teatro Serpente Aureo Spettacolo di note: “ Il Piave mormorava…” Concerto in memoria della Grande Guerra Coro Solidalcanto di Morrovalle insieme all’ensemble strumentale Armoniosa Marca diretti dal M° Guido Alici.

Sabato 19 settembre: 09.30 Quarta Sessione Ex Convento San Francesco Economia e Lavoro La filigrana del e nel tempo: le tracce dei leader, imprenditori e manager Intervengono: Piero Alessandrini| Enrico Loccioni in dialogo con Maria Cristina Origlia 11.00 Coffee break 11.30 Quinta Sessione Educazione Accogliere e restituire: una riflessione sul dialogo intergenerazionale interrotto Intervengono: Francesco Stoppa| Luigi Alici 13.00 Intervento di Luca Ceriscioli| Presidente della Regione Marche Chiusura e arrivederci 13.30 Light lunch

Interverranno:

Antonella Agnoli| Istituzione Biblioteche del Comune di Bologna e Consulente bibliotecaria, Piero Alessandrini| Università Politecnica delle Marche, Luigi Alici| Università di Macerata, Giampaolo Azzoni| Università di Pavia, Luca Ceriscioli| Regione Marche, Gabriele Gabrielli| Fondazione Lavoroperlapersona, Ivo Lizzola| Università di Bergamo, Enrico Loccioni| Loccioni Group, Valerio Lucciarini de Vincenzi| Comune di Offida, Stefania Mancini| Fondation Assistance Internationale, Massimiliano Mazzanti| Università di Ferrara e Centro di ricerca interuniversitario Seeds, Maria Cristina Origlia| Giornalista L’Impresa, Gruppo 24 ORE, Cesare Patrone| Corpo Forestale dello Stato Italiano, Francesco Stoppa| Dipartimento di salute mentale di Pordenone, Franco Vaccari| Rondine.

Direzione scientifica Luigi Alici, Università Macerata, Sponsor: Amicucci Formazione, Gruppo Angelini, CEB, Gruppo Loccioni, Studio Gabrielli Associati, Telecom Italia HR Services

Con il contributo di Banca Popolare di Ancona

Patrocini: Comune di Offida, Provincia di Ascoli Piceno, Regione Marche.

Per motivi organizzativi è richiesta la registrazione gratuita al Seminario.

info: FONDAZIONE LAVOROPERLAPERSONA

La mostra dell’Ordine sulla Siria riscuote consensi in Trentino

Asmae-Dachan

Il reportage fotografico sulla situazione siriana porta in giro per l’Italia le immagini di Asmae Dachan e dei fotografi delle agenzie Amc, Deir Ezzor Geographic e Lens Youg Syrian. La mostra  fotografica “Siria, tra macerie e speranze”, organizzata  nel marzo scorso dall’Ordine dei giornalisti delle Marche alla Mole Vanvitelliana di Ancona nel quadro del Premio “A passo di notizia”, assegnato per il giornalismo in zone di guerra alla collega Asmae Dachan, è stata ospitata nei giorni scorsi a Vallarsa, in Trentino. Allestita nel quadro del Festival “Tra le rocce e il cielo”, la rassegna  ha riscosso grande interesse e consenso. Stanno già pervenendo all’Ordine richieste per poterla ospitare anche in altre zone d’Italia. Un’intervista ad Asmae Dachan, realizzata nel quadro della rassegna alpina, è visibile al link https://youtu.be/4zUMMFZK8EA (Fonte: OdG -Marche)

Offida, settimana dedicata a Mozart

800px-Wolfgang-amadeus-mozart_1
OFFIDA – Dal 6 al 12 settembre si svolgerà “Offida all’Opera”, rassegna di musiche mozartiane. Regista della manifestazione, organizzata dal Comune di Offida, Ginevra Zotti Di Nicola e Maestro concertatore e Direttore d’Orchestra Fabrizio Da Ros.
Il programma:
Domenica 6 settembre – ore 21,00 – “La voce degli angeli” – concerto sacro presso la Chiesa di Santa Maria della Rocca
Lunedi 7 settembre – ore 18,00 – Concerto aperitivo presso l’Enoteca Regionale
Martedì 8 settembre – ore 21,00 – Mozart in Turchia – cena turca presso l’Enoteca Regionale, con musiche tratte da “Il ratto dal serraglio
Mercoledi 9 settembre – ore 16,00 – appuntamento per i bambini presso il Teatro Serpente Aureo con “La favola del flauto magico
Venerdì 11 settembre – ore 23,00 – Concerto notturno presso il chiostro di San Francesco (Enoteca Regionale) con “Eine kleine nachtmusik
Sabato 12 settembre – ore 21,00 – presso il Teatro Serpente Aureo “Le nozze di Figaro“.
Info e prenotazioni:3772679378 – 3494223450 – segreteria.serpenteaureo@gmail.com
Acquisto biglietti dal 1° settembre presso il Teatro Serpente Aureo in Piazza del Popolo di Offida, dalle 15,00 alle 19,00
(ap)

1a edizione del Figura Offida Festival

11058598_861477013919862_3136767166897811512_n
orari e mappa

OFFIDA – L’international FOF (Figura Offida Festival) è un festival di teatro in strada incentrato sul teatro di figura (marionette, burattini, pupazzi, teatro d’oggetto) e la partecipazione di alcune compagnie di altre discipline teatrali (magia, clownerie, teatro di strada). Gli spettacoli sono pensati per un pubblico familiare e sono adatti a tutti. La programmazione partirà alle 17:00 nel teatro Serpente Aureo e continuerà fino alle 24:00 con circa 20 spettacoli giornalieri, tutti ad ingresso libero. A fine serata, in tutte e due le giornate del festival, ci sarà uno spettacolo sorpresa a Santa Maria della Rocca e subito dopo la festa conclusiva con la musica di DJ Inko. Un festival pensato per tutti nella meravigliosa cittadina di Offida, con compagnie internazionali di straordinario livello. Organizzato dalla Pro Loco di Offida, con il patrocinio del Comune di Offida e la direzione artistica della compagnia “Di Filippo Marionette”.

Artisti presenti:  7-8 Chili, Italia – Brina Babini, Italia – Calliope Puppets, Stati Uniti  – Cia. Colegone, Spagna – Di Filippo Marionette, Italia & Australia – DJ INKO, Grecia / Londra – Dolly Bomba (Piero Massimo Macchini), Italia – Ete Clown, Argentina – Euphonia Brass Quartet, Italia – Giorgio Bertolotti, Italia – Girovago e Rondella, Italia – Marina Suleymanova & Lucia Olalla Gil, Russia & Spagna – Paolo De Bernardin, Italia – Pau Segales, Spagna – Rospo Rosso, Italia – Trukitrek, Italia, Spagna & Brasile – Zero en Conducta, Spagna & Messico. 

(red)

Informazioni

Fondazione Ellepì, conversazione d’arte su Sergiacomi e Licini

SKMBT_C25015081210480

OFFIDA – La Fondazione LavoroPerLaPersona, nell’ambito del consueto evento “Aldo Sergiacomi in Piazza”, ha organizzato per domenica 16 agosto 2015, con inizio alle ore 21,00, presso il Largo della Musica di Offida, una conversazione d’arte su tema “Raffronti, antitesi e consonanze in terra marchigiana da Aldo Sergiacomi ad Osvaldo Licini“. Relatore il Prof. Stefano Bracalente, introduce Giancarlo Premici. La conversazione sarà accompagnata da brani musicali eseguiti dall’ Euphonia Brass Quartet con Stefano Vallorani, Giorgio Ciabattoni, Guido Calvaresi, Mauro Recchi. L’evento è patrocinato dal Comune di Offida e realizzato in collaborazione con la cooperativa Oikos. Ingresso libero. Per informazioni:  Sara D’Angelo info@lavoroperlapersona.it | tel. 0736.887080 | cell. 333.5853509 /(red)

San Benedetto celebra la Giornata Onu dei Popoli Indigeni

locandina 9 agosto

Il 9 agosto iniziative al Paese Alto e sul lungomare accendono i riflettori sui diritti negati delle tribù indigene e celebrano il rispetto alla diversità come ricchezza nella convivenza tra i popoli

San Benedetto celebra la Giornata Onu dei Popoli Indigeni, con patrocinio dell’Onu e del Comune di San Benedetto del Tronto. La cittadina della Riviera, grazie alle iniziative dell’associazione Omnibus Omnes, di cui è presidente Raffaella Milandri, nota attivista per i diritti umani dei popoli indigeni, accende i riflettori su una tematica internazionale di grande attualità.

L’emarginazione, l’esclusione sociale e l’annientamento dei diritti umani che vivono cinquemila tribù distribuite in 90 nazioni nel mondo (per un totale di 370milionidi persone) sono realtà troppo spesso sottaciute. Dice la Milandri: “I popoli indigeni sono parte di noi, del nostro essere Uomini e hanno grandi insegnamenti per la nostra civiltà. E’ più facile che un giorno noi ci ritroviamo a vivere come loro, a causa della nostra insensata corsa verso la distruzione della Natura, che loro a vivere mai come noi. Noi non siamo più in grado di procurarci acqua e cibo, siamo schiavi delle nostre comodità: elettricità, riscaldamento, petrolio. Ormai, senza gps, non siamo in grado nemmeno di orientarci, nel nostro mondo “civile”. I popoli indigeni sono in pericolo e rischiano di scomparire a causa dello sfruttamento delle risorse celate nelle loro terre ancestrali. Senza alcuna morale e scrupolo, i loro diritti umani sono continuamente violati. Eppure i popoli indigeni sono la chiave del nostro futuro, l’ultimo scampolo del nostro passato di Uomini a contatto con la Natura, ambientalisti, ecologisti perfetti “.

La Giornata Onu organizzata dalla Omnibus Omnes che si terrà a San Benedetto vuole celebrare il rispetto alla diversità come elemento di ricchezza e crescita reciproca nella convivenza tra popoli. Numerose le iniziative in programma e dislocate tra il Paese Alto e il lungomare. Si parte alle 20 presso la Torre dei Gualtieri, nel centro storico, con l’apertura delle celebrazioni in collaborazione con l’associazione Amici del Paese Alto. Alle 20,30 ci si sposta a Palazzo Bice Piacentini dove saranno proiettati video di Raffaella Milandri e saranno lette le dichiarazioni di Ban Ki Moon e di nativi americani Crow, Lakota e Cheyenne che hanno inviate per l’occasione. Tra questi Cedric Black Eagle, il fratello adottivo della Milandri che ha adottato nella sua famiglia anche Barack Obama.

Il programma prosegue poi al Kon Tiki, dove alle 21,15 è in programma la proiezione di cortometraggi e vignette umoristiche di Ricardo Catè, unico cartoonist nativo americano che vive in riserva. Sempre al Kon Tiki, a partire dalle 17, si tiene un’esposizione di opere sui nativi americani dell’artista Antonio Pantanelli, e dalle 21.00, un laboratorio creativo per bambini e adulti di acchiappasogni nativi americani a cura di Gilberto Borzacchini. Alla giornata Onu interverrà anche la consigliera regionale di Parità Paola Petrucci.

Dichiara la Milandri: “Non vogliamo che questi popoli diventino un giorno solo protagonisti di favole per bambini: c’erano una volta i Pigmei, nella foresta, o gli aborigeni, in Australia. Ho documentato molte situazioni che sembrano già favole crudeli: interi popoli a rischio di estinzione per la brama di denaro di multinazionali e governi. Ho le testimonianze accorate di indigeni che chiedono aiuto per salvare le loro identità, culture, tradizioni, linguaggi che costituiscono un Patrimonio dell’Umanità”.

(red)