​Valerio Lucciarini nel Consiglio nazionale dell’Anci

ROMA – Il Sindaco di Offida, Valerio Lucciarini farà parte del Consiglio Nazionale dell’Anci. La nomina è avvenuta in Campidoglio a Roma, nella mattinata del 19 gennaio, durante il Consiglio nazionale dell’Associazione.

All’Anci aderiscono circa 7.300 comuni italiani – che, nella loro globalità, rappresentano circa il 90% della popolazione –  che lavorano insieme per allentare quei vincoli ancora troppo stretti, dovuti a opprimenti morse finanziarie e normative e da oneri ancora troppo pesanti. L’appello importante dell’Anci al quale si unisce oggi ufficialmente anche Lucciarini è: “Liberare l’energia dei sindaci, così da liberare le energie delle loro comunità. Per far sì che l’Italia torni a volare”. Un concetto che il Sindaco di Offida ha sollecitato più volte e torna oggi a ribadire, soprattutto ora, in cui l’Italia è stata colpita di nuovo direttamente al cuore, dopo gli ultimi eventi legati alla neve e all’ennesimo terremoto. “La grande emergenza che stiamo vivendo deve diventare una questione nazionale – ha commentato da subito Lucciarini –  e mi impegnerò affinché l’Anci possa fare leva con forza sul Governo centrale per raggiungere questo scopo”. L’importanza della nomina del Sindaco di Offida per tutto il Piceno, riguarda anche il versante finanziario, visto che il presidente dell’Anci, Antonio Decaro, sin dalla sua elezione, avvenuta a ottobre, sollecita misure che possano accompagnare e favorire gli investimenti locali, come la rinegoziazione dei tassi di interesse dei vecchi mutui per allinearli ai minori costi di provvista, l’estinzione anticipata senza penali, l’attivazione di strumenti dedicati per l’edilizia scolastica, i servizi pubblici e la sicurezza del territorio, l’attivazione di processi di accompagnamento nell’aggregazione tra società partecipate.

“Questo nuovo impegno arriva in un momento molto difficile – conclude Lucciarini –  nel nostro territorio si sono susseguiti giorni intensi e senza sosta. La nomina mi riempie di orgoglio ma anche di ulteriori responsabilità: lavorerò con gli altri Sindaci dell’Assemblea affinché l’Anci si riformi per diventare un’associazione che si prenda cura sempre più delle comunità e dei territori e difenda con forza le autonomie locali. Mai come oggi si sente il bisogno di questa tutela”.

(Red)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

La resilienza nei contesti di emergenza

13418941_10209982014450748_3592236089959056762_n

Questo è troppo?

 di Alessandra Premici

Esattamente come il nostro sistema immunitario, il funzionamento psicologico include in sé la necessità di avere un “anticorpo” in grado di fronteggiare le situazioni di vita che valutiamo, almeno in un primo momento, come insostenibili e al di sopra delle nostre capacità.

Eppure è questo il momento in cui, seppur con fatica, dobbiamo rispolverare tutte le risorse personali per agire, reagire, resistere.

Il nostro prezioso anticorpo psicologico si chiama “Resilienza”, un costrutto sul quale la psicologia moderna continua a lavorare, ma che almeno una volta nella vita non abbiamo avuto bisogno di definire, sentendone gravare il peso direttamente sul nostro corpo e, soprattutto, sulla nostra mente.

In questo momento di rinnovata emergenza su più fronti, però, questo “peso” si presenta più che mai collettivo, condiviso, generalizzato.

La resilienza, nell’ottica della scienza dei materiali, altro non è che la capacità di questi ultimi di resistere ad un urto in maniera flessibile.

La stessa calzante metafora, in psicologia, è utilizzata per indicare la capacità di un soggetto di resistere ad eventi stressogeni per ottenerne esiti positivi. Facile a dirsi, più difficile a farsi.

La prolungata esposizione ad eventi catastrofici sta prepotentemente influenzando il nostro modo di vivere, pensare ed agire.

Una volta coricati, non distinguiamo più una lieve scossa sismica dal nostro battito cardiaco o non conosciamo più, da tempo, il piacere di una doccia rilassata senza il pensiero di come poter fuggire nel più breve tempo possibile.

Questa sopportazione costante e rassegnata genera pensieri e, in alcuni casi sintomi, che non possono che determinare un significativo cambiamento nei nostri meccanismi cognitivo-comportamentali, conducendoci a pensare che non ci sia alcun modo di attenuare questo stato di cose.

Aumenta, quindi, in noi in maniera esponenziale, il potere dell’emozionalità negativa a sfavore di quella positiva, i cui benefici sono ormai completamente accertati da recenti ricerche trasversali che mettono in rilievo l’effetto dannoso delle emozioni negative sulla risposta neurofisiologica ed immunitaria del corpo umano.

A tal proposito, secondo la Broaden and Built Theory (Fredrickson, 1998), mentre le emozioni negative restringono il repertorio di possibili risposte comportamentali ad un evento stressante, quelle positive ampliano il repertorio di possibili azioni, facilitando la messa in atto di  comportamenti più funzionali ed adattivi.

Secondo questa teoria, inoltre, le emozioni positive avrebbero un effetto “undoing” su quelle negative, in quanto ridurrebbero l’effetto delle emozioni negative a livello psicologico e fisiologico.

Ne risulta che fronteggiare eventi particolarmente stressanti come quelli che si susseguono in questi giorni nel nostro territorio, è un processo altamente complesso che richiede sforzo, impegno ed un elevato controllo emotivo, estremamente significativo per la nostra crescita psicologica.

E’ importante, specialmente nei casi di “doppia emergenza”, favorire una resilienza collettiva, attraverso pensieri di supporto, empatia, vicinanza.

Ma il ruolo dell’emozionalità positiva non finisce qui.

Le emozioni positive orientano anche la scelta della strategia di coping, ovvero la selezione delle modalità del soggetto di rispondere ad eventi stressogeni (interni o esterni) in modo adattivo.

In psicologia esistono due principali tipologie di coping: quella focalizzata sul problema ed il coping  focalizzato sulle emozioni.

La prima si riferisce ad una situazione di vita modificabile, nel quale il soggetto può attivare una strategia di problem solving al fine di superare la situazione problematica.

Il coping focalizzato sulle emozioni, invece, si riferisce alle situazioni di vita non modificabili. In questo caso il soggetto può intervenire soltanto sulla propria regolazione emotiva, attraverso la modulazione della loro espressione o impatto grazie anche alla ricerca di supporto sociale, essenziale in presenza di eventi catastrofici.

Proviamo a vederla così: favorire il riadattamento a nuove situazioni di vita, anche spiacevoli, permette al nostro organismo di ristabilirsi ad un nuovo livello superiore (allostasi) e di prepararsi in maniera più rapida e adattiva ad altre situazioni di vita che richiedano sforzo di riadattamento.

E’ un po’ come pensare che se la tempesta non si placherà, placheremo noi stessi e la tempesta sarà finita.


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

Offida, tre forti scosse di terremoto. Situazione “difficilissima”.

di Alberto Premici

OFFIDA – A completare il quadro fortemente critico che da giorni soffrono gli offidani, a causa delle abbondanti nevicate, ora si aggiunge anche il terremoto, con il suo carico di angoscia e insicurezza. La prima scossa è stata avvertita stamattina alle 10.25, la seconda alle 11,14 e l’ultima alle 11,26, con magnitudo tra i 5,1 e 5,4, ed epicentri tra L’Aquila e Rieti. Il terremoto è in continuità con quello del 24 agosto, attivato dallo stesso sistema di faglie. Il sisma è stato avvertito in tutto il centro / centro sud, da Ravenna a Foggia. La terra continua a tremare e gli esperti prevedono uno sciame sismico che potrebbe durare per giorni o settimane. Al momento sono segnalati molti crolli nelle zone già colpite dai precedenti terremoti.

A Roma evacuata la metro ed alcuni uffici pubblici. Il sindaco di Arquata, Petrucci, segnala che alcuni allevatori della zona da stamattina non sono rintracciabili. Ad Amatrice è crollata del tutto la torre della Chiesa S.Agostino, per mesi simbolo di speranza e ricostruzione. Requisiti i trattori privati per raggiungere le zone isolate. Ad Ascoli Piceno crollato un muro di contenimento in zona Monticelli ed evacuato il Tribunale. Il Sindaco Castelli invoca l’intervento dell’Esercito. Evacuate le scuole a San Benedetto del Tronto.

Il Sindaco di Offida Lucciarini, nel definire la situazione “difficilissima”, invita i cittadini “a trovare dentro ognuno di noi la forza di reagire e di resistere a tutto questo”. I mezzi comunali e le ditte coinvolte, continuano senza sosta a liberare le strade urbane e periferiche. Si raccomanda di usare auto e mezzi solo se strettamente necessario e non lasciarle in sosta per non ostacolare le operazioni di pulizia e sgombero.

Per EMERGENZE chiamare i seguenti numeri +39 333 3335729 + 3386276854

Purtroppo ci sono ancora zone dell’offidano e di numerosi comuni del comprensorio piceno, senza energia elettrica o comunque con fornitura intermittente. Questo peggiora la situazione dei cittadini, già molto difficile. L’ENEL comunica: Marche: 23.000 utenze disalimentate concentrate principalmente nelle Province di Ascoli Piceno e Fermo. Vista la situazione in atto con precipitazioni ancora in corso si prevede la ripresa del servizio per i centri abitati di maggiori dimensioni entro la giornata odierna. Per informazioni sul servizio elettrico è sempre attivo il call center di e-distribuzione al numero verde 803 500 ed il sito internet http://www.e-distribuzione.it.

Unica nota positiva è un modesto rialzo delle temperature che favorisce un seppur minimo scioglimento dell’abbondante manto nevoso ancora presente. Le previsioni per i prossimi giorni purtroppo non sono molto rassicuranti.

ore 12.55 – rintracciati e messi in salvo 12 dei 15 allevatori dati per dispersi ad Arquata.

Ore 14.00 – il Viminale comunica che al momento non si segnalano vittime dopo le scosse di stamattina.

Ore 14.10 – Ceriscioli: “Qui è una catastrofe. Occorrono turbine dalle regioni del Nord”. “E’ una catastrofe perché all’emergenza che viviamo da agosto si è aggiunta la neve e le scosse di oggi creano una situazione catastrofica sulle strade. Il combinato neve e terremoto ha creato anche il rischio slavine, la mancanza di corrente elettrica mette in difficoltà migliaia di famiglie che non sanno dove stare, i sindaci chiedono mezzi per uscire dall’isolamento, alcune realtà soprattutto le frazioni, risultano isolate. Un appello quindi alle Regioni, specie quelle del nord che hanno competenze: servono mezzi e turbine per liberare i posti dalla neve alta, c’è il problema degli alberi caduti che intralciano il lavoro dei mezzi spalaneve, servono squadre per toglierli. E poi importante che Enel faccia di tutto per ripristinare la corrente elettrica e i sindaci abbiano in queste ore quale priorità il collocamento delle persone e portarle in posti caldi e sicuri per trascorrere la nottata. Si è mobilitato l’esercito e l’Anas a livello nazionale, facciamo presente che c’è davvero grande necessità ed è urgente la massima mobilitazione”.

Ore 14.34 – altra violenta scossa in questo momento.

148482759992273

(Frazione Colle di Ascoli Piceno)

Ore 15.00 – Il presidente della Regione Marche ha fatto avvisare tutti i sindaci affinché accolgano le persone che hanno paura a dormire in casa a causa del terremoto. ”La popolazione che non può o non vuole rimanere in casa – si legge in una nota della Regione – dovrà necessariamente essere accolta in strutture ricettive locali o in strutture alberghiere. Per le strutture alberghiere si può inviare una mail all’indirizzo alloggiamenti.dicomac@protezionecivile.it

Il Sindaco di Offida comunica che si sta predisponendo l’allestimento delle strutture comunali per ospitare i cittadini che non intendono passare la notte nelle proprie abitazioni.

– Palazzetto dello Sport “G. Vannicola”

– Casa del Quartiere “San Barnaba”

– Circolo Belvedere

– Casa del Quartiere “Borgo Miriam”

– Casa del Quartiere “Santa Maria Goretti” circolo Elio Fabrizi

17.15 – in arrivo nelle Marche, contingenti della Protezione Civile da Trentino, Veneto ed Emilia Romagna. Sono ancora 29.000 le utenze prive di energia elettrica soprattutto nell’ascolano. Non si segnalano vittime. Continua intanto lo sciame sismico dopo le tre forti scosse nella mattinata. Secondo l’INGV la sequenza di 4 sismi di magnitudo superiore a 5, nell’arco di tre ore, è un evento straordinario. L’Esercito sta rafforzando la sua presenza nei territori colpiti. Annullato per domani il tradizionale mercato del giovedì in Offida.

Ore 18.40 – SITUAZIONE INTERRUZIONE ENERGIA ELETTRICA e VIABILITÀ – Comunicato del Sindaco di Offida, Valerio Lucciarini.

La situazione, come è facile comprendere, è di straordinaria difficoltà. Gran parte dei Comuni del comprensorio sono senza corrente elettrica oramai da oltre due giorni a causa dei grossi danni subiti dalle precipitazioni nevose che hanno coinvolto parte della Regione di Marche e parte della Regione Abruzzo. Il lavoro straordinario degli elettricisti e dei dipendenti della società Energie Offida (e anche grazie al secondo punto di consegna di Santa Maria Goretti) è stato fondamentale per il ripristino dell’energia elettrica in gran parte del territorio comunale. Si continua a lavorare per il ripristino di zone ancora non servite: San Lazzaro e parte del Ciafone.

Per la giornata di domani c’è la necessità di potenziare gli interventi di manutenzione straordinaria delle reti ingaggiando forza lavoro esterna. È stata individuata ed incaricata, a supporto, un’altra azienda elettrica privata, proveniente dalla provincia di Perugia. Sicuramente le zone sopra indicate saranno costrette all’emergenza per ulteriori ore.

Tutte le strade comunali segnalate sono, al momento, transitabili.

Le previsioni delle prossime ore non sono beneauguranti: pare che seguiranno ancora precipitazioni nevose, circostanza che non aiuta in questa fase di emergenza straordinaria.

Per segnalare situazione di emergenza contattare i seguenti numeri telefonici della Protezione Civile Comunale:333.3330124 – 333.3335729

Ore 20.33 – un’altra scossa di terremoto avvertita distintamente in tutto il territorio di Offida.

19 gennaio 2017

ore 8.46 – Il Sindaco di Offida comunica: “Stiamo cercando di reperire gruppi elettrogeni da acquistare per poterli mettere a disposizione gratuitamente delle famiglie senza energia elettrica. Il reperimento non è facile data la straordinaria richiesta proveniente sopratutto dai territori abruzzesi ma stiamo continuando a contattare più fornitori possibili. Crediamo che sia necessario fare tale investimento per fronteggiare ad una situazione di emergenza di tale portata. Nel frattempo si continua a lavorare per il ripristino delle linee di media e di bassa tensione. Speriamo che entro la giornata di oggi tutte le famiglie potranno essere di nuovo servite da energia elettrica o con la distribuzione ordinaria oppure con i gruppi elettrogeni che riusciremo a reperire”.

Per esigenze di prima necessità (consegna medicinali, generi alimentari) contattare i seguenti numeri: 0736.888708 – 334.1645665. Sarà effettuata consegna a domicilio.

Non si ferma lo sciame sismico; nella notte altre 80 piccole e medie scosse. Raggiunti dai soccorritori i superstiti nell’Hotel di Rigopiano colpito dalla slavina: “Ci sono molti morti”.

Ancora interrotta al traffico la SS.Salaria nel tratto tra Acquasanta e Arquata del Tronto. Sono ancora molte le zone nel piceno prive di energia elettrica.

Ore 12.30 – OFFIDA. In corso verifiche strutturali ai plessi scolastici. Ci sono ancora zone senza energia elettrica; si stanno reperendo gruppi elettrogeni per dare soluzione ai disagi. Problemi potrebbero verificarsi a causa dello sciogliendo della massa nevosa, presente in tetti, terrazzi e tettoie, oltre che ai margini delle strade. Laddove possibile, si consiglia di alleggerire le coperture dal carico neve.

La Protezione Civile ha diramato una nota con alcuni consigli da seguire in caso di terremoto.

Dispersa la coppia di Castignano nel crollo dell’Hotel di Rigopiano; alcune fonti danno i due ragazzi per deceduti. il numero delle vittime è purtroppo destinato a salire. Si tratta di Marco Vagnarelli e Paola Tomassini, questi i nomi dei due giovani; i familiari non hanno notizie da ieri pomeriggio. I due si trovavano nella località abruzzese per una vacanza di due giorni e stavano per ripartire alla volta del Piceno. Vagnarelli è un dipendente dell’Ariston, mentre la compagna, originaria di Montalto Marche, lavora per la società Autogrill.

4870d7a0d918ff49925546a241de1a491-u20437913222vi-835x437ilsole24ore-web

(La hall dell’hotel Rigopiano (Pescara) all’arrivo dei soccorritori)

Ore 13.25 – le frazioni ancora isolate sono al momento 56 nell’ascolano, tutte le frazioni di Montefortino e Amandola nel fermano, molte frazioni di Bolognola, Pieve Torina, Visso, Fiastra, Penna San Giovanni, Cessapalombo, Fornace, Camerino, Sarnano, Gualdo, Ussita, Fiordimonte nel maceratese. Riattivate 9mila utenze ne rimangono ancora 21mila. L’Enel sta lavorando sul piano di rientro.

RIschio R4 valanghe a Bolognola. Il sindaco ha predisposto l’evacuazione di 60 persone che saranno trasferite in hotel. Mezzi attualmente al lavoro oltre a quelli previsti dai piani antineve dei singoli Comuni:
Provincia di Ascoli
1 turbina, 44 spazzaneve, 5 ditte con ruspe gommate
Provincia di Fermo
20 ditte specializzate su 20 comprensori con 30 spazzaneve e 6 ruspe gommate
Provincia di Macerata
50 ditte private impegnate con 100 mezzi, 5 turbine, 20 autocarri trattori

Il Comitato operativo regionale Marche riunito in modo permanente ha organizzato la ripartizione delle squadre provenienti da fuori regione operative domani mattina: Bolzano 1, Bolzano 2, Emilia Romagna, Veneto e Lombardia, provincia di Pesaro Urbino e Confservizi con 11 ditte.

Ore 13.28 – COMUNICAZIONE SCUOLA. Verificata la tenuta dal punto di vista strutturale dei plessi scolastici che non hanno subìto alcun accenno di problematica a seguito delle recentissime scosse sismiche, è invece necessario un ulteriore e puntuale approfondimento dal punto di vista impiantistico e di accessibilità logistica. 

A tal proposito sono SOSPESE le attività didattiche di tutte le scuole di ogni ordine e grado per la giornata di domani, venerdì 20 gennaio 2017. Il servizio nido d’infanzia “La Baia di Peter Pan” sarà regolarmente attivo da domani.

Ore 15.00 – si registrano diversi crolli di coperture leggere in molte zone del Piceno. Ad Ascoli quella del circolo tennis “Piceno”, in zona stadio. Ad Acquasanta il Centro Pastorale.

ore 16.00 – L’ENEL comunica che, entro sera, le circa 10.000 utenze delle Marche, attualmente prive del servizio di energia elettrica, saranno ripristinate. Per un completo funzionamento occorrerà poi attendere i tempi tecnici per la riparazione dei danni presenti nelle linee di bassa e media tensione.

Ore 17.30 – INFO: le famiglie coinvolte dalla lunga interruzione di energia elettrica nelle Regioni colpite dal maltempo, potranno accedere agli indennizzi automatici già previsti dalla legge e regolamentati dai provvedimenti dell’Autorità per l’energia.  http://www.autorita.energia.it/it/com_stampa/07/cs_070716.htm

Ore 18.14 – #OFFIDAEMERGENZA Avviso n. 4 del 19.01.2017

Il reperimento dei gruppi elettrogeni, per tutte le famiglie ancora senza energia elettrica che non si sono potute organizzare autonomamente per la giornata di oggi, abbiamo verificato quanto sia impresa impossibile a causa delle enormi richieste da parte dei privati e, in particolare, delle aree abruzzesi. 

Mettiamo in campo un’altra forma di sostegno e aiuto per coloro che non se la sentono di passare un’altra notte senza corrente elettrica nelle proprie abitazioni, ospitando le famiglie che lo volessero in strutture ricettive (pensioni, agriturismi, b&b, affittacamere) del territorio comunale. Zona Grifoli, strada Paradisi, una parte residuale di zona Ponticelli sono le zone che saranno ancora sfornite di distribuzione di corrente, fino a domani mattina (termine previsto per il definitivo ripristino). Quindi coloro che volessero usufruire di questo servizio possono contattare i seguenti numeri telefonici: 0736.888708 – 334.1645665

Ore 21.40 – (ANSA) – Il consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti di governo, dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l’estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell’eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.    

Venerdi 20 gennaio

Ore 11.45 – Ultim’ora: trovate vive sei persone nell’hotel Rigopiano. I soccorritori sono in contatto con i sei con i quali hanno più volte parlato, ma al momento i superstiti sono ancora sotto le macerie.

Ore 13.00 – Sono 6 i superstiti, di cui 2 bambini, dell’Hotel Rigopiano estratti dalle macerie, dei 35 presenti. Alcuni già trasportati in ospedale a Pescara e l’Aquila con gli elicotteri, ma sono tutti in buone condizioni. Straordinaria l’opera e la determinazione dei soccorritori. Offida: alcuni anziani delle zone colpite sono stati accolti nella RSA di Offida e visitati dal personale medico. Ancora 35 frazioni isolate nell’ascolano. Il Sindaco: “Enel: possibili distacchi in giornata anche in utenze già ripristinate ad Offida, per lavori di riattivazione. In caso di distacchi chiamare 803500”.

Ore 16.00 – OFFIDA: A fronte delle preventive verifiche e dei relativi interventi di ripristino per ciò che concerne la mobilità logistica e l’attività impiantistica, domani SABATO 21 gennaio 2017, l’attività didattica di tutte le scuole di ogni ordine e grado, riprenderà regolarmente. Il servizio di scuolabus sarà attivo come da orari ordinari pianificati.

Sabato 21 gennaio 

Ore 14.00 – AVVISO – Il lavoro di ripristino della energia elettrica che si sta effettuando per la ridistribuzione nelle zone ancora disalimentate, potrà determinare l’interruzione, per qualche minuto, della corrente elettrica nelle zone già alimentate. So che è difficile, dopo aver trascorso tanto tempo senza il servizio, ma cerchiamo di portare ulteriore pazienza per pochi minuti: è il minimo contributo di solidarietà che possiamo rappresentare a chi, da troppi giorni, non ha “luce” e che si accinge a riaverla in modo ordinario. (Il Sindaco)

Curcio: “Hotel Rigopiano: 2 vivi ancora da estrarre. Bilancio: 9 già salvati, 5 vittime, 23 dispersi”. Una nuova scossa di magnitudo 3.8 e’ stata registrata dai sismografi della Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia alle ore 10,35, al confine tra Lazio e Umbria, in territorio del comune di Accumoli. La scossa, che si e’ propagata ad una profondita’ di 10 chilometri, e’ stata avvertita distintamente ad Amatrice e Accumoli, e in tutti i comuni del cratere laziale del sisma. Avvertita anche in Offida. 

SEGUIRANNO AGGIORNAMENTI (redazione Ophis News)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

Offida, situazione critica.

offida-gennaio-2017

OFFIDA – Le strade principali sono transitabili con gomme termiche o catene. I dipendenti di Energie Offida e l’ENEL stanno continuando a lavorare per il ripristino della corrente elettrica in alcuni tratti mancante.

Il servizio del nido d’infanzia “La Baia di Peter Pan” è sospeso fino a nuova comunicazione. Tutte le scuole di ogni ordine e grado saranno chiuse per le giornate di domani, mercoledì 18.01.2017, e di giovedì 19.01.2017.

Il Sindaco raccomanda di usare le auto solo se strettamente necessario e non lasciarle in sosta per non ostacolare le operazioni di pulizia e sgombero. Per EMERGENZE chiamare i seguenti numeri +39 333 3335729 + 3386276854

ore 12.30: la situazione è critica. Il Sindaco comunica di non avere notizie dall’Enel che sta lavorando su un guasto che coinvolge vari comuni del comprensorio che si trovano senza energia elettrica ormai da tre ore.

ore 13.40: ripristinata la corrente elettrica in alcune zone dell’offidano. I mezzi continuano a pulire le strade centrali e periferiche per garantire un minimo di viabilità. In alcuni punti la coltre nevosa ha raggiunto 80/100 cm.

Situazione critica nelle aree colpite dal sisma. Ascoli-Mare temporaneamente bloccata per incidente. La Salaria interrotta all’altezza di Acquasanta terme. Nel vicino Abruzzo 90.000 utenze senza energia elettrica.

ore 14.20 – la neve sembra dare tregua. Il modesto rialzo della temperatura, ha generato una pioggia provvidenziale che agevola un seppur minimo scioglimento dell’abbondante manto nevoso.

ore 16.00 – ancora 12.000 utenze senza corrente elettrica in provincia di Ascoli Piceno. L’Enel ha mobilitato squadre di tecnici anche da fuori regione per ripristinare il servizio. Alcuni comuni hanno richiesto l’intervento dell’esercito per le situazioni più critiche. Molte zone dell’offidano, incluso il centro, sono ancora senza corrente. Riaperta la Salaria. In alcune zone dell’entroterra il manto nevoso ha superato i 150cm come a Montemonaco.

AVVISO: ENEL – Marche: 23.000 utenze disalimentate concentrate principalmente nelle Province di Ascoli Piceno e Fermo. Vista la situazione in atto con precipitazioni ancora in corso si prevede la ripresa del servizio per i centri abitati di maggiori dimensioni entro la giornata odierna. Per informazioni sul servizio elettrico è sempre attivo il call center di e-distribuzione al numero verde 803 500 ed il sito internet http://www.e-distribuzione.it.

(seguiranno aggiornamenti)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

Offida, meteo e info, aggiornamenti e previsioni

OFFIDA – A causa delle precipitazioni nevose, previste anche per le prossime ore, il Sindaco ha disposto, con propria ordinanza, la chiusura di tutte le scuole, di ogni ordine e grado per la giornata di lunedì 16 e martedì 17 gennaio 2017

Per le necessarie procedure di sgombero neve, al fine di garantire la mobilità degli autoveicoli (adeguatamente provvisti di gomme termiche o catene) sulle strade comunali, la macchina organizzativa di intervento del Comune di Offida sarà operativa dalle ore 04.00 di lunedi 16.

Anche la Provincia di Ascoli Piceno ha comunicato che sarà attiva di buon ora, con i propri mezzi adibiti allo sgombero, per consentire la viabilità anche sulle strade di competenza provinciale.

Ore 21:50 – Al fine di prevenire l’accumulo che rallenterebbe i tempi di sgombero in precedenza programmati per le prossime ore, un mezzo spazzaneve è già operativo.

Martedì 17 Gennaio

Giornata caratterizzata da nevicate. Durante la giornata la temperatura massima verrà registrata alle ore 21 e sarà di 2°C, la minima di 1°C a mezzanotte, lo zero termico più basso si attesterà a 350m alle ore 8 e la quota neve più bassa, 0m, a mezzanotte. I venti saranno sia al mattino che al pomeriggio moderati provenienti da Nord con intensità tra 27km/h e 33km/h, alla sera moderati da Nord-Nord-Est con intensità tra 27km/h e 37km/h. La visibilità più ridotta si avrà alle ore 14 e sarà di 590m. L’intensità solare più alta sarà alle ore 11 con un valore UV di 0, corrispondente a 66W/mq.

 “Tra lunedì e martedì – dicono gli esperti – la depressione mediterranea verrà ulteriormente rinvigorita da un altro impulso freddo, questa volta di origine artica, in discesa dal nordovest della Russia, con una conseguente prosecuzione della fase di maltempo sull’Italia Centro Meridionale almeno fino a giovedì”. 

Scuole chiuse anche a Folignano, Maltignano, Force e Venarotta e in vari altri centri della provincia. 

Per l’emergenza maltempo sono state aperte nelle Marche tre Sale operative provinciali (Soi): a Macerata, Fermo, e Ascoli Piceno. 

Nella giornata di domani martedì 17 gennaio l’Asilo nido di OFFIDA “La baia di Peter Pan” sarà regolarmente aperto.


17.01.2017: 


Le strade principali sono transitabili con gomme termiche o catene. I dipendenti di Energie Offida stanno continuando a lavorare per il ripristino della corrente elettrica in alcuni tratti mancante.

Il servizio del nido d’infanzia “La Baia di Peter Pan” è sospeso fino a nuova comunicazione.

Tutte le scuole di ogni ordine e grado saranno chiuse per le giornate di domani, mercoledì 18.01.2017, e di giovedì 19.01.2017.

N.B. Uscire con l’automobile SOLO SE STRETTAMENTE NECESSARIO. NON LASCIARE AUTO IN SOSTA PER NON OSTACOLARE LE OPERAZIONI DI SGOMBERO

Per EMERGENZE chiamare i seguenti numeri +39 333 3335729 + 3386276854

 

#Offidaemergenzaneve 

La situazione è critica. Non abbiamo notizie dall’Enel che sta lavorando su un guasto che coinvolge vari comuni del comprensorio che si trovano senza energia elettrica oramai da tre ore.



Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet


Meteo per i prossimi giorni

senza-nome

 La Protezione civile ha diffuso un avviso di condizioni meteo avverse dalla mattinata di domani, quando sono attese deboli nevicate sulla fascia appenninica e alto-collinare con limite della neve attorno ai 500-600m. Dal pomeriggio di domenica sono previsti fenomeni in intensificazione e graduale calo della quota neve fino a 200m e occasionalmente a quote di pianura. A fine giornata le cumulate nevose saranno moderate nella fascia appenninica e deboli sulla fascia collinare e costiera. Per lunedì 16 sono previste nevicate fino a 100-200m e occasionalmente a livello del mare con cumulate tra deboli e moderate.

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet