Offida, selezione di tecnici per l’Ufficio Sisma

tecnici-prevenzione-sismica.jpgOFFIDA – Il responsabile dell’Area Gestione del Territorio rende noto che è indetta una selezione pubblica per esami-colloquio, per l’assunzione a tempo pieno e determinato (anni uno, con possibilità di proroga) di n. 2 (due) unità di personale con profilo professionale di ISTRUTTORE DIRETTIVO TECNICO – CAT. D – POS.EC. D1, del CCNL Regioni Enti Locali, con specifiche competenze in ambito urbanistico-edilizio e lavori pubblici, da assegnare all’Ufficio Sisma.

La domanda di ammissione deve essere redatta in carta semplice utilizzando il modello allegato al presente avviso, completa delle dichiarazioni richieste e deve essere indirizzata al Comune di Offida, Corso Serpente Aureo n. 66 – 63073 Offida (AP). La stessa dovrà pervenire improrogabilmente entro il termine perentorio del giorno 21 febbraio 2017, alle ore 13,30 e potrà essere inviata con una delle seguenti modalità:
– con consegna diretta all’Ufficio Protocollo del Comune di Offida Corso Serpente Aureo n. 66 – 63073 Offida (AP), nei seguenti giorni ed orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 08,30 alle ore 13,30;
– mediante una raccomandata A/R indirizzata al Comune di Offida Corso Serpente Aureo n. 66 – 63073 Offida (AP);
– tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) al seguente indirizzo web ufficiale del Comune di Offida: protocollo@pec.comune.offida.ap.it (Attenzione: la posta elettronica certificata assume valore legale solo se anche il mittente invia il messaggio dalla sua personale casella di posta certificata). In tale ipotesi la domanda, come pure tutta la restante documentazione, a pena di esclusione, dovranno essere sottoscritte con firma digitale di cui all’art.1 lettere q), q bis), r), s) del D.Lgs. n. 82/2005 e s.m.i. in formato P7m o con firma autografa scansionata – in formato PDF/a. Non sarà considerata valida la domanda inviata da un indirizzo di posta elettronica non certificata. I candidati dovranno inserire nell’oggetto del messaggio telematico l’intestazione della presente selezione.

 

CAMBRIDGE MODEL OF SYMPTOMS FORMATION

15665633_10211888131822491_8047371581295639545_nIntervista di Alessandra Premici a Ivana Markovà, una delle personalità di maggior spicco coinvolta nella formulazione del modello Cambridge della formazione dei sintomi mentali.
1) From where appear the necessity of a new “Model” in the formation of mental symptom?
“Epistemology refers to the theory/study of the origins and legitimacy of knowledge. Our interest in the epistemology of psychiatry meant that by definition we wanted to explore the nature and legitimacy of psychiatric knowledge. In order to do that, questions naturally arise concerning the sources, the origins, the structure, the sources, the stability etc., of psychiatric knowledge. When such questions are posed, then it becomes clear that little has been addressed in this area. Instead, much of research in psychiatry is based on assumptions that mental symptoms (and disorders) are well defined objects – and akin to symptoms and disorders in general medicine. Historical analysis shows that when psychiatry was formed as a medical discipline in the 19th century, it took on the practises, structures and models that were present in medicine. In other words, the assumption was – and continued to be – that psychiatry had an epistemological basis that was similar to the rest of medicine. However, analysis shows clearly this is not the case and that the foundational basis to psychiatry is very different (see the chapter on epistemology of psychiatry in the Kirmayer book and also the paper on epistemology of psychiatry).
An aspect of epistemological exploration in psychiatry is to examine the structures of psychiatric objects (symptoms and disorders). And, in order to explore the structure of mental symptoms, then it becomes essential to try to understand how symptoms are formed. Only by making sense of that, can we then make postulations concerning symptom structure. We could not find models of symptom formation – apart from the psychodynamic perspectives as developed by Freud. The psychoanalytic schools are based on a different epistemological position, one that focuses on hermeneutic understanding. Our own conceptual analysis however, resulted in an epistemology of psychiatry that is based on hybridity (see below) and hence includes both hermeneutics and neurobiology. Hence, we focused on developing a new model of mental symptom formation”.
2) What type of research has been direct in psychiatry and psychological environment before the formulation of the current Cambridge Model?
“I am not entirely clear what you mean by this question. Much of research in psychiatry has been empirical in nature – exploring the relationship between mental disorders/symptoms and other ‘variables’ including psychological and social and organic. The issue is that whilst such research may yield important findings, it tends to be based on assumptions around the nature of mental disorders/symptoms that are often not made explicit nor justified. The Cambridge model is about trying to understand the underlying assumptions on which psychiatry and its objects are based. In other words, it is addressing different sorts of problems. In the chapter on symptoms in the Psychosomatic Medicine book, there is a section (p27) in which we make a distinction between 2 spaces of research, namely, the conceptual and the empirical. The Cambridge model is trying to clarify issues that pertain to the conceptual research space and thus addresses different sorts of questions than the research that is carried out in the empirical space”.
3) In your book “For a new epistemology of Psychiatry” appears the clear necessity of release psychiatry from the strict category of mental symptom and the need of a serious consideration about epistemology. Are we far from this point of view today? Why? (Your personal consideration).
“I think that I have partly addressed this in your first question. In essence, epistemology of psychiatry as a research area, has been and continues to be neglected. The prevailing research drive in psychiatry today is the neurobiological one where mental disorders and mental symptoms are viewed simply as the result of brain/neuronal dysfunction. Hence there is a huge amount of effort and money put into the search for correlations between mental symptoms/disorders and neurobiological markers and increasing use of technologies such as MRI/fMRI etc. to do this. The explicit claims by the RDoC programme (Research Domain Criteria) as developed by the NIMH in the States is a prime example. Without however having a justified epistemological position, such research is not only misleading but may have ethical consequences of the clinical care of patients. The chapter on the epistemology of neuroimaging may help to clarify this. So the answer remains that epistemology is not taken seriously in the psychiatric research arena. Partly, this is historical – the assumption that symptoms are signs of (bodily) pathology comes from borrowing models from medicine. Furthermore, the advances in sophisticated technological procedures which have been so important for the diagnosis of neurological disease, can blind researchers to the fact that these technologies are designed for the capture of organic/physiological processes and that their extension into the ‘mental’ carries important conceptual problems”.
4) What is the relationship between Cambridge Model and the biological perspective in the explanation of mental symptom?
“The crucial difference is that the Cambridge model of symptom formation and structure shows that mental symptoms (and mental disorders) are hybrid in nature. This is meant in a deep, structural and meaningful way. In other words, mental symptoms are constituted by the (deep) integration of ‘meaning’ (in a wide sense of personal, socio-cultural, interactional, etc.) and biology (neuronal signalling). Both elements are crucial to the structure of psychiatric symptoms and disorders and neither is reducible to the other. It may be that these elements ‘meaning/semantic’ and ‘biological/organic’ are likely to have different roles in different symptoms. See the paper ‘the epistemology of psychiatry’ where this is explained more clearly.The biological perspective on the other hand is based on the assumption that mental symptoms/disorders are neurobiological elements.Psychological/stressors/developmental factors/socio-cultural factors etc. may all influence these neurobiological processes but at the heart of it mental disorders are brain disorders”.
Alessandra Premici, settembre 2016

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

Convegno “Terremoto: per non dimenticare tra prevenzione e futuro”.

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La nostra associazione è stata onorata della preziosa presenza del relatore professore Franco Ortolani al nostro convegno e di averlo potuto accogliere che e ospitare nella nostra città il 26 e 27 gennaio. In questi due giorni abbiamo fatto apprezzare al nostro professore le bellezza della nostra città e la bontà della nostra tradizione culinaria grazie soprattutto alla gentile e disinteressata disponibilità della proprietaria Anna Mozzoni dell’Hotel Relax che noi tutti ringraziamo.

Il professore Ortolani nel convegno ha lasciato una importante testimonianza scientifica e umana con la sua relazione ma prima di partire ci ha voluto salutare con questa nota puntuale che noi abbiamo ritenuto un dovere girare alla stampa.

 

San Benedetto del Tronto, convegno “Terremoto: per non dimenticare tra prevenzione e futuro”. Una sala piena, circa 300 persone tra cittadini di S. Benedetto e cittadini dei paesi colpiti dai terremoti, autorità. Un ritorno a 37 anni fa quando si verificò il disastroso TERREMOTO DELL’IRPINIA NEL NOVEMBRE 1980.
Sono stato ospitato in un bell’Hotel sul lungomare dove sono ospitate varie decine di cittadini di Accumoli, ormai da 5 mesi. Ospitalità squisita, gentilezza da ammirare, cibo buono, gradimento da parte dei cittadini che mi hanno manifestato la loro ammirazione per la direzione dell’Hotel Relax. Siamo a fine gennaio, tra 4 mesi siamo alle soglie dell’estate: saranno pronte le strutture per effettuare il ritorno dei cittadini nei paesi di origine? Alcune testimonianze di amministratori intervenuti al dibattito fanno capire che sarà difficile che a giugno saranno disponibili le case prefabbricate. A giugno saremo alle soglie della prossima stagione turistica e l’accordo accettato dagli albergatori che hanno accolto i cittadini prevedeva l’ospitalità per sei mesi. Bisogna pensare subito come affrontare la situazione che si manifesterà tra qualche mese. Il prezzo dell’ospitalità ai terremotati è intorno ai 40 euro al giorno per persona adulta. Valutando la qualità della struttura ospitante e la buona qualità del trattamento fornito è evidente che si tratta di un prezzo veramente basso. Gli Hotel che hanno spontaneamente e generosamente aderito alla proposta di accogliere i cittadini terremotati stanno sicuramente facendo sforzi che non saranno più sostenibili per la prossima stagione turistica. Una riflessione immediata…ci vuole!

Ambiente e Salute nel Piceno

Presidente Alfredo Vitali

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

ENEL, sisma: sospensione pagamenti delle bollette

A seguito degli eventi sismici verificatisi dal 24 agosto 2016, Enel ha recepito i provvedimenti dell’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico (AEEGSI) che hanno disposto la sospensione dei termini di pagamento delle fatture per la fornitura di energia elettrica e gas emesse o da emettere da tale data per i comuni colpiti dal sisma, individuati nella Legge 15 dicembre 2016, n°229 

Per le Marche: 12. Apiro (MC); 13. Appignano del Tronto (AP); 14. Ascoli Piceno; 15. Belforte del Chienti (MC); 16. Belmonte Piceno (FM); 17. Caldarola (MC); 18. Camerino (MC); 19. Camporotondo di Fiastrone (MC); 20. Castel di Lama (AP); 21. Castelraimondo (MC); 22. Castignano (AP); 23. Castorano (AP); 24. Cerreto d’Esi (AN); 25. Cingoli (MC); 26. Colli del Tronto (AP); 27. Colmurano (MC); 28. Corridonia (MC); 29. Esanatoglia (MC); 30. Fabriano (AN); 31. Falerone (FM); 32. Fiuminata (MC); 33. Folignano (AP); 34. Gagliole (MC); 35. Loro Piceno (MC); 36. Macerata; 37. Maltignano (AP); 38. Massa Fermana (FM); 39. Matelica (MC); 40. Mogliano (MC); 41. Monsampietro Morico (FM); 42. Montappone (FM); 43. Monte Rinaldo (FM); 44. Monte San Martino (MC); 45. Monte Vidon Corrado (FM); 46. Montecavallo (MC); 47. Montefalcone Appennino (FM); 48. Montegiorgio (FM); 49. Monteleone (FM); 50. Montelparo (FM); 51. Muccia (MC); 52. Offida (AP); 53. Ortezzano (FM); 54. Petriolo (MC); 55. Pioraco (MC); 56. Poggio San Vicino (MC); 57. Pollenza (MC); 58. Ripe San Ginesio (MC); 59. San Severino Marche (MC); 60. Santa Vittoria in Matenano (FM); 61. Sefro (MC); 62. Serrapetrona (MC); 63. Serravalle del Chienti (MC); 64. Servigliano (FM); 65. Smerillo (FM); 66. Tolentino (MC); 67. Treia (MC); 68. Urbisaglia (MC). (red)

Enel informa i propri clienti che la società Enel Energia ha anche sospeso tutte le eventuali azioni di recupero credito sulle fatture precedentemente emesse. Per le bollette già emesse prima della sospensione della fatturazione e la cui richiesta di pagamento è già stata inoltrata agli istituti di credito, Enel informa i propri clienti che hanno sottoscritto la domiciliazione bancaria che è possibile chiedere al proprio istituto di credito il blocco del pagamento. Le misure di cui sopra sono applicate per sei mesi dalla data del sisma.

Per ogni ulteriore chiarimento è possibile chiamare il call center di Enel Energia al numero 800.900.860.


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

Provincia di Ascoli: nuovi sopralluoghi in tutte le scuole superiori

ASCOLI PICENO – Già dalla prossima settimana la Provincia interverrà con circa 70 mila euro, in modalità di somma urgenza, per eliminare le infiltrazioni d’acqua su alcune scuole superiori del territorio provocate dalle eccezionali precipitazioni nevose e piovose della scorsa settimana. Lo scioglimento della copiosa coltre nevosa ha infatti, in alcuni casi, prodotto problemi alle coperture piane di alcuni istituti che saranno completamente risolti. I tecnici dell’Amministrazione provinciale stanno completando i relativi sopralluoghi nelle scuole di Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto e si stanno quindi definendo le attività di ripristino per superare i disagi. Da evidenziare che la Provincia sta costantemente monitorando la situazione di straordinaria emergenza sisma e neve per rispondere al meglio alle esigenze dei dirigenti scolastici e rendere le scuole sempre più funzionali alle attività didattiche e d’istituto. (red)


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

ANCI Marche, sisma, appello a geometri, architetti e ingegneri

ANCONA – Questa mattina si è riunito nella sede della regione Marche il Consiglio Direttivo di Anci Marche ed i sindaci membri della Commissione Sisma, che ha annunciato il cambio di pertinenza con il vice commissario alla Ricostruzione Luca Ceriscioli. Dalla riunione è partito un appello di presidente della Regione e dei sindaci verso tutti i tecnici ingegneri, architetti e geometri della regione. “Da lunedì 30 gennaio – spiega Ceriscioli – parte il sistema regionale di gestione  nella compilazione delle scheda Fast per l’agibilità degli edifici che non sarà più in carico al Dicomac, quindi alla protezione civile nazionale – ha aggiunto – e chiedo all’Anci Marche di farsi portavoce di un progetto evidentemente ambizioso nel quale tutti i tecnici che hanno davvero a cuore il presente ed il futuro del proprio  territorio e della propria città, potranno dare un contributo concreto”. Tutti i tecnici che si renderanno disponibili presso il proprio comune per effettuare i sopralluoghi e compilare le schede si metteranno da lunedì a disposizione del proprio Sindaco fornendo la  disponibilità così da essere organizzati in squadre che opereranno immediatamente. “Non c’è tempo da perdere, ecco perchè la mobilitazione ed  il passaparola è fondamentale”. “Il confronto con il presidente e vice commissario – ha detto il presidente di Anci Marche Maurizio Mangialardi introducendo la riunione – si è reso indispensabile alla luce delle numerose criticità in capo agli eventi calamitosi riconducibili sia al sisma che all’emergenza neve”. “Tra l’altro – ha puntualizzato – in queste ore, nelle zone montane, la neve si sta cominciando finalmente in parte a sciogliere ed il timore concreto è che emergano nuovi ulteriori crepe alle strutture pubbliche e  private che la neve ha finora nascosto”. Sul tavolo anche la questione relativa alla costruzione delle nuove scuole per la quale è stato approvato la prima fase per 38 milioni di euro e la regione sta già  lavorando alla seconda fase, l’acquisto del patrimonio edilizio invenduto da destinare a chi attende una sistemazione, i benefici di finanza pubblica da estendere a tutto il 2017, il ripristino delle sedi stradali danneggiate dalla neve  e dal passaggio dei mezzi pesanti, le stalle provvisorie per il comparto dell’allevamento. Inoltre l’Anci Marche ha chiesto al vice commissario Ceriscioli di farsi portavoce di una decisa centralità del ruolo dei sindaci nella ricostruzione, convinti che l’accentramento che va paventandosi, non faccia che rallentare il percorso. “Infine – ha concluso Mangialardi – spiace constatare che il dramma vissuto dalle Marche in questi mesi sia passato in secondo piano. Prima il terremoto del 24 agosto definito il terremoto di Amatrice, poi quello del 30 ottobre come quello di Norcia, ora l’emergenza neve ascritta all’Abruzzo, mentre sono  proprio le Marche ed i marchigiani a pagare il prezzo più alto”. (Anci Marche)


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet