Maltempo, ENEL corrisponde indennizzi extra. Sbloccati i fondi UE.

enel-abruzzo-neve

“A seguito dell’eccezionale ondata di maltempo che ha colpito nelle scorse settimane le Marche e l’Abruzzo, Enel si impegna a corrispondere ai clienti, oltre agli indennizzi automatici previsti dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas (Delibera AEEGSI 646/15), ulteriori indennizzi per i danni subiti a seguito dell’interruzione di energia elettrica”. Presso gli sportelli di e-distribuzione di Pescara (Via Conte di Ruvo, 5), Teramo (Viale Bovio, 40), Chieti (Via Auriti, 1) e Ascoli Piceno (Viale Treviri, 192),  aperti dalle 8,30 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 15,30 dal lunedì al venerdì, è possibile ricevere e presentare il modulo per richiedere l’indennizzo aggiuntivo e/o il risarcimento danni, allegando per quest’ultimo la documentazione idonea (fatture, relazione del tecnico intervenuto, ecc.). Per garantire una presenza più capillare sul territorio, l’azienda sta già disponendo l’apertura di ulteriori canali di contatto con i clienti nelle sedi di Vasto (Via del Porto, 16) Lanciano (Zona Industriale, località Follani, 30) e Giulianova (Via Galilei, 102). Gli indennizzi automatici previsti dalla normativa verranno corrisposti direttamente in bolletta – attraverso i venditori di energia elettrica – senza necessità di alcuna richiesta. L’entità varia in base alla durata dell’interruzione, alla tipologia e all’ubicazione della fornitura. Per ulteriori informazioni è possibile, oltre che recarsi agli sportelli di e-distribuzione, visitare il sito http://www.e-distribuzione.it o chiamare il numero verde 800 08 55 77.

Via libera del Parlamento europeo alla procedura semplificata che consentirà il cofinanziamento fino al 100% con il Fondo europeo di sviluppo regionale) per la ricostruzione di opere danneggiate da terremoti o da calamità naturali. “La Commissione – si legge nel testo votato – propone di introdurre la possibilità di un asse prioritario separato per le operazioni di ricostruzione sostenuta dal FESR nell’ambito di un programma operativo. Le operazioni che possono essere co-finanziate sono quelle legate alla ricostruzione successiva a disastri naturali di cui al regolamento (CE) n 2012/2002”.

 

(red)


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet