“A seguito dell’eccezionale ondata di maltempo che ha colpito nelle scorse settimane le Marche e l’Abruzzo, Enel si impegna a corrispondere ai clienti, oltre agli indennizzi automatici previsti dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas (Delibera AEEGSI 646/15), ulteriori indennizzi per i danni subiti a seguito dell’interruzione di energia elettrica”. Presso gli sportelli di e-distribuzione di Pescara (Via Conte di Ruvo, 5), Teramo (Viale Bovio, 40), Chieti (Via Auriti, 1) e Ascoli Piceno (Viale Treviri, 192),  aperti dalle 8,30 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 15,30 dal lunedì al venerdì, è possibile ricevere e presentare il modulo per richiedere l’indennizzo aggiuntivo e/o il risarcimento danni, allegando per quest’ultimo la documentazione idonea (fatture, relazione del tecnico intervenuto, ecc.). Per garantire una presenza più capillare sul territorio, l’azienda sta già disponendo l’apertura di ulteriori canali di contatto con i clienti nelle sedi di Vasto (Via del Porto, 16) Lanciano (Zona Industriale, località Follani, 30) e Giulianova (Via Galilei, 102). Gli indennizzi automatici previsti dalla normativa verranno corrisposti direttamente in bolletta – attraverso i venditori di energia elettrica – senza necessità di alcuna richiesta. L’entità varia in base alla durata dell’interruzione, alla tipologia e all’ubicazione della fornitura. Per ulteriori informazioni è possibile, oltre che recarsi agli sportelli di e-distribuzione, visitare il sito http://www.e-distribuzione.it o chiamare il numero verde 800 08 55 77.

Via libera del Parlamento europeo alla procedura semplificata che consentirà il cofinanziamento fino al 100% con il Fondo europeo di sviluppo regionale) per la ricostruzione di opere danneggiate da terremoti o da calamità naturali. “La Commissione – si legge nel testo votato – propone di introdurre la possibilità di un asse prioritario separato per le operazioni di ricostruzione sostenuta dal FESR nell’ambito di un programma operativo. Le operazioni che possono essere co-finanziate sono quelle legate alla ricostruzione successiva a disastri naturali di cui al regolamento (CE) n 2012/2002”.

 

(red)


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

LA DIOCESI DI ASCOLI PICENO APRE UNO SPAZIO PER LA FOTOGRAFIA

Mostre a ingresso libero e corsi gratuiti per gli studenti di medie e superiori

Ascoli Piceno, 6 febbraio 2017 – Vincere la paura del terremoto con la fotografia e coinvolgere gli studenti in un percorso di foto-giornalismo che esplori il territorio. È questa l’idea della Diocesi di Ascoli Piceno che ha avviato una collaborazione con Photolux Festival, la biennale internazionale di fotografia con sede a Lucca, per organizzare sul territorio marchigiano mostre fotografiche a ingresso libero e corsi di fotografia, anch’essi gratuiti, rivolti ai ragazzi delle scuole medie e superiori. Per fare questo la diocesi ha messo a disposizione la Sala del Focolino del Palazzo Vescovile di piazza Arringo, ad Ascoli Piceno: uno spazio che diventerà luogo di creatività, arte, incontro e solidarietà, con l’obiettivo di ricreare un coinvolgimento e un interesse artistico-culturale nella popolazione.

Si comincia sabato 11 febbraio, con l’inaugurazione (ore 12) di “L’interludio: il passaggio fra due Pontificati”, a cura di Andrea Boccalini. Il fotografo, già ospite di Photolux a Lucca, racconta le dimissioni di Benedetto XVI, il suo ultimo Angelus, il Conclave e, infine, l’elezione di Papa Francesco. Un cerchio che si chiude, da cui emerge con forza lo smarrimento e le incertezze generate dalla scelta improvvisa di Papa Ratzinger. La mostra resterà aperta fino al 9 aprile.

Ma il progetto non finisce qui. Insieme all’Associazione Neapolis Art, infatti, prenderà il via anche il programma educativo vero e proprio, orientato a sviluppare le capacità di comunicazione visiva degli adolescenti, provando così a introdurli nel mondo dei media e a stimolarli per quello che potrebbe diventare anche un futuro sbocco professionale. I corsi di fotografia racchiudono dunque la missione della Diocesi e di Photolux: educare, formare e avvicinare i giovani alla fotografia attraverso il foto-giornalismo. Uno strumento per raccontare il contesto in cui i ragazzi vivono, a partire da quello che accade tra i banchi di scuola. Lezioni teoriche si alterneranno ad uscite in esterna per approfondire tecniche, applicazioni e metodi di ripresa e post-produzione tramite cellulare.

(red)


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet