La cerimonia di consegna è avvenuta stamattina nel Teatro Serpente Aureo. Si entra nel vivo delle festività; domani sarà il giorno del Bove finto
OFFIDA – Dal giovedì grasso fino a martedì, a Offida, il governo è scozzese. Il Sindaco di Offida, Valerio Lucciarini ha consegnato le chiavi della Città al Gruppo degli Scozzesi. La cerimonia di consegna, ormai una tradizione da 20 anni, si è tenuta nella mattinata del 23 febbraio, per la prima volta al teatro Serpente Aureo, a causa dell’inagibilità della Sala Consiliare.

Un video sul Carnevale offidano ha preceduto l’entrata del primo cittadino sul palco, “Un omaggio al nostro Grande Carnevale storico – ha commentato Lucciarini – e uso il termine “grande” così come facevano due importanti personaggi che hanno animato e contribuito a far crescere il nostro evento di punta: Marco Mercolini e Mario Casali”.

Alla Setta della Ciuvetta è stato dato un riconoscimento per i 50 anni dalla nascita, mentre alla Congrega del Ciorpento è stata consegnata una chiave particolare: “Dare la normale chiave della Città alla congrega delle congreghe – ha spiegato Lucciarini – equivaleva ridare la chiave ai padroni di casa del Carnevale, a coloro che l’hanno reso negli anni così come lo vediamo oggi. Ecco perché ho deciso di consegnare loro una chiave d’oro della città, un pezzo unico realizzato per loro dall’orafo Antonelli, per i 70 anni di attività”. Inoltre un riconoscimento è stato dato anche a Giuseppe Laudadio per le aver immortalato con grande maestria nel corso negli anni personaggi tipici e momenti più salienti del Carnevale offidano.

Il 24 febbraio sarà il giorno del protagonista indiscusso del Carnevale, il Bove Finto, che uscirà alle 14:15. Tutti sono invitati a partecipare indossando il tipico guazzarò. (red)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet


OFFIDA – Si è svolta stamattina la riunione della Commissione Comunale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo con all’ordine del giorno la verifica dell’agibilità del Teatro Serpente Aureo di Offida, per l’esercizio dell’attività temporanea di pubblico spettacolo di intrattenimento danzante. La Commissione era composta da: Assessore Comunale Davide Butteri – Presidente delegato dal Sindaco; Magg. Giovanni Baiocchi – Comandante Polizia Locale dell’Unione dei Comuni della Vallata del Tronto; Geom. Quinto Mariani – tecnico della prevenzione Dipartimento Igiene e Sanità Pubblica delegato ASUR Area Vasta n. 5 di Ascoli Piceno; Ing. Roberto Paoletti – Delegato Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno; Geom. Dario Giudici – Responsabile Ufficio Lavori Pubblici Comune di Offida; Per. Ind. Andrea Cocci, esperto in Elettrotecnica ed Elettronica; Sig. Nazzareno Carosi – Perito Meccanico Esperto in prevenzione incendi; Geom. Daniele Antonelli – Istruttore Tecnico Area LL. PP. Comune di Offida.

La Commissione, esaminata la documentazione agli atti ed effettuato il sopralluogo presso il teatro, ha espresso parere favorevole allo svolgimento della manifestazione del Giovedì Grasso, 24 febbraio 2017 mascherata dei bambini e delle serate danzanti “Veglioni di Carnevale” del sabato 25 febbraio, domenica 26 febbraio e lunedì 27 febbraio. (Red)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

OFFIDA – L’ISC di Offida chiede la sede legale della dirigenza. L’impegno delle Amministrazioni comunali, dei docenti, genitori, del personale ATA e degli alunni, per la stabilizzazione e l’autonomia dell’Istituto Comprensivo Offida – Castorano (media collina), è stato intenso, costante e profuso. Inoltre il direttore generale dell’Ufficio Scolastico regionale delle Marche, lo scorso 27 gennaio, aveva dato parere favorevole a far rimanere la sede legale a Offida invece, di fatto, la sede è stata sottratta con un’operazione burocratica non concordata (decreto 84 del 9 febbraio).
Il MIUR quindi, a scapito di tutta la comunità della media collina, ha disposto l’accorpamento, potenziando ulteriormente la presidenza dell’ISC “Falcone – Borsellino”, presso il Comune di Ascoli Piceno, cancellando di fatto il parere favorevole sopra espresso e destabilizzando ulteriormente tutta la cittadinanza già profondamente scossa dagli ultimi eventi. Tale procedura risulta un atto d’imperio insostenibile e dal punto di vista legislativo incomprensibile; appare come una strategia per assecondare richieste personali invece di garantire storie, percorsi e dignità di tutte le realtà in causa.

A questa imposizione arbitraria e senza appello noi risponderemo con determinazione e forza: la forza dimostrata negli anni dal prestigio didattico che l’ISC di Offida-Castorano, al fine di non indebolire inoltre il territorio dei Comuni della Vallata del Tronto, che si ritrova a dover cedere una direzione al comune di Ascoli Piceno.

I territori della media collina hanno bisogno dell’efficienza di un dirigente e di una segreteria didattica sul posto, per coordinare efficacemente centri di ricerca e di avanguardia educativa. A riprova di questo a Offida, negli anni si è realizzato Offida un laboratorio sperimentale di metodologia, in collaborazione con l’Università Cà Foscari di Venezia. Ne sono prova i testi prodotti dal nostro Istituto Scolastico con il Prof. Umberto Margiotta: “La continuità nella scuola di base” e “Genitori alla scuola del desiderio”.

Si evidenzia, inoltre, come l’Istituto Comprensivo di Offida abbia atteso venti anni per stabilizzare e potenziare la sua autonomia, una comunità per rilanciarsi e migliorare ha bisogno di radici e stabilità. Dal punto di vista geografico e quindi logistico appare ingiusto concentrare tutte le presidenze in alcune realtà territoriali e lasciarne completamente sguarnite altre. Il mantenimento dell’ISC Offida -Castorano permetterebbe di sperimentare un nuovo progetto didattico educativo e di ricerca nella ricostruzione e tutta la comunità intende perseguire fino in fondo tale obiettivo.(Amministrazione comunale di Offida/red)


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

ludopatia.jpg

ROMA – Venerdì 17 febbraio a Roma presso la TIM FACTORY la Fondazione Lavoroperlapersona, in collaborazione con UNICEF Italia, dedica il suo primo Incontri Ellepì del 2017 alla riflessione sui costi psicologici e sociali della ludopatia, un’emergenza che investe la dimensione politica ed economica.

La ludopatia è una piaga personale e sociale che affligge un numero in continuo aumento, basti pensare che l’Italia è al primo posto nella classifica europea del gioco d’azzardo e al terzo nel mondo. La dipendenza riguarda anche le nuove generazioni, la maggior parte degli affetti da ludopatia ha un’età compresa tra i 20 e i 40 anni.

“Affrontare la piaga della dipendenza patologica dal gioco d’azzardo richiede di comprenderne le cause, le quali non si riducono esclusivamente alla sfera personale del giocatore, ma investono anche le pratiche con cui articoliamo il complesso rapporto tra felicità, benessere ed economia” afferma Gabriele Gabrielli, Presidente della Fondazione Lavoroperlapersona “Nel corso dell’appuntamento del 17 febbraio racconteremo anche le esperienze di chi, attivamente, opera per promuovere riscatto nelle vittime e coscienza critica nella società civile”.

Ospiti: Gabriele Mandolesi – Portavoce nazionale dell’iniziativa SlotMob, Paolo Rozera -Direttore generale dell’UNICEF Italia, Gianluca Ruggiero – Psicoterapeuta della Onlus La Promessa.

È possibile registrarsi al seguente link: http://bit.ly/2kkPJQC

Incontri EllePì è il nome dato a una serie di appuntamenti organizzati dalla Fondazione Lavoroperlapersona per condividere idee ed esperienze, per approfondire il legame tra persona e lavoro, educazione, economia, e società. Gli incontri sono realizzati anche grazie alle sponsorship di OMIA Laboratoires e di Studio Gabrielli Associati, con il contributo di UBI – Banca Popolare di Ancona. (red)

http://www.lavoroperlapersona.it


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

Il Giorno del ricordo è una solennità civile nazionale italiana, celebrata il 10 febbraio di ogni anno. Istituita con la legge 30 marzo 2004 n. 92, essa vuole conservare e rinnovare «la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale».

I massacri che vennero perpetuati tra il 1943 ed il 1947 vanno inquadrati storicamente nell’ambito della disputa, che c’è sempre stata, tra italiana e slavi per il possesso delle terre dell’Adriatico. Dopo la firma dell’armistizio dell’8 settembre 1943 i partigiani slavi in Istria e Dalmazia vollero vendicarsi contro fascisti e gli italiani non comunisti. E’ nell’autunno del 1943 che iniziano gli eccidi ai danni che degli italiani, che vennero torturati e massacrati, insieme ad altre vittime, per poi essere infoibati.

Secondo i calcoli di Luigi Papo per il Centro studi Adriatici per il periodo 1943-1945 abbiamo: 994 salme esumate da foibe, pozzi minerari, fosse comuni; 326 vittime accertate ma non recuperate; 5.643 vittime presunte sulla base delle segnalazioni locali o altre fonti; 3.174 vittime nei campi di concentramento e di lavoro jugoslavi, computate sulla base di segnalazioni o altre fonti. Quindi ben 10.137 persone mancanti in seguito a deportazioni, eccidi e infoibamenti per mano jugoslava.

Rai2 trasmetterà in diretta dalla Camera dei deputati la “celebrazione del giorno del ricordo”, alla presenza del presidente del senato Piero Grasso, in rappresentanza del presidente della repubblica Sergio Mattarella, e del presidente della camera Laura Boldrini.

(ap)

DSC_1962.JPGInoltre, per garantire l’ordine cittadino, l’Amministrazione comunale offidana si è rivolta alla Fifa Security per vigilare tutti i sabati e le domeniche e dal giovedì grasso al giorno dei V’lurd

OFFIDA – Carnevale 2017, Offida si è già attivata per garantire la sicurezza. Nel pomeriggio del 7 febbraio, il vice sindaco Isabella Bosano e l’assessore Davide Butteri si sono incontrati con il  prefetto Rita Stantella e il questore Mario Cioppa per stabilire le direttive da applicare per garantire l’ordine cittadino e la prevenzione al degrado.

“Il dottor Cioppa ha ribadito che le misure saranno le stesse dello scorso anno– commenta la Bosano – e verranno applicate nei giorni del Bove finto e dei V’lurd. Queste prevedono un pattugliamento delle forze dell’ordine e la chiusura di alcune zone critiche”.

L’Amministrazione offidana inoltre ha optato per un investimento importante coinvolgendo la Fifa Security, anche per tutti i giorni festivi da qui al carnevale, tutti i sabati e domeniche e, nella settimana più importante, dal giovedì grasso fino al martedì.

“La macchina organizzativa che abbiamo messo su – sottolinea l’assessore Piero Antimiani – è attenta a ciò che muta di anno in anno. Le manifestazioni che riguardano il carnevale, come tradizione vuole, saranno libere e spontanee, e proprio per preservare il folklore ci siamo mossi addirittura andando oltre quelle che sono le direttive della prefettura. Per evitare che i cittadini del centro possano vivere situazioni di degrado e per la sicurezza di tutti, offidani e non”. Sarà inoltre potenziata l’attività della PicenAmbiente.

(red)


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

“A seguito dell’eccezionale ondata di maltempo che ha colpito nelle scorse settimane le Marche e l’Abruzzo, Enel si impegna a corrispondere ai clienti, oltre agli indennizzi automatici previsti dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas (Delibera AEEGSI 646/15), ulteriori indennizzi per i danni subiti a seguito dell’interruzione di energia elettrica”. Presso gli sportelli di e-distribuzione di Pescara (Via Conte di Ruvo, 5), Teramo (Viale Bovio, 40), Chieti (Via Auriti, 1) e Ascoli Piceno (Viale Treviri, 192),  aperti dalle 8,30 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 15,30 dal lunedì al venerdì, è possibile ricevere e presentare il modulo per richiedere l’indennizzo aggiuntivo e/o il risarcimento danni, allegando per quest’ultimo la documentazione idonea (fatture, relazione del tecnico intervenuto, ecc.). Per garantire una presenza più capillare sul territorio, l’azienda sta già disponendo l’apertura di ulteriori canali di contatto con i clienti nelle sedi di Vasto (Via del Porto, 16) Lanciano (Zona Industriale, località Follani, 30) e Giulianova (Via Galilei, 102). Gli indennizzi automatici previsti dalla normativa verranno corrisposti direttamente in bolletta – attraverso i venditori di energia elettrica – senza necessità di alcuna richiesta. L’entità varia in base alla durata dell’interruzione, alla tipologia e all’ubicazione della fornitura. Per ulteriori informazioni è possibile, oltre che recarsi agli sportelli di e-distribuzione, visitare il sito http://www.e-distribuzione.it o chiamare il numero verde 800 08 55 77.

Via libera del Parlamento europeo alla procedura semplificata che consentirà il cofinanziamento fino al 100% con il Fondo europeo di sviluppo regionale) per la ricostruzione di opere danneggiate da terremoti o da calamità naturali. “La Commissione – si legge nel testo votato – propone di introdurre la possibilità di un asse prioritario separato per le operazioni di ricostruzione sostenuta dal FESR nell’ambito di un programma operativo. Le operazioni che possono essere co-finanziate sono quelle legate alla ricostruzione successiva a disastri naturali di cui al regolamento (CE) n 2012/2002”.

 

(red)


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

LA DIOCESI DI ASCOLI PICENO APRE UNO SPAZIO PER LA FOTOGRAFIA

Mostre a ingresso libero e corsi gratuiti per gli studenti di medie e superiori

Ascoli Piceno, 6 febbraio 2017 – Vincere la paura del terremoto con la fotografia e coinvolgere gli studenti in un percorso di foto-giornalismo che esplori il territorio. È questa l’idea della Diocesi di Ascoli Piceno che ha avviato una collaborazione con Photolux Festival, la biennale internazionale di fotografia con sede a Lucca, per organizzare sul territorio marchigiano mostre fotografiche a ingresso libero e corsi di fotografia, anch’essi gratuiti, rivolti ai ragazzi delle scuole medie e superiori. Per fare questo la diocesi ha messo a disposizione la Sala del Focolino del Palazzo Vescovile di piazza Arringo, ad Ascoli Piceno: uno spazio che diventerà luogo di creatività, arte, incontro e solidarietà, con l’obiettivo di ricreare un coinvolgimento e un interesse artistico-culturale nella popolazione.

Si comincia sabato 11 febbraio, con l’inaugurazione (ore 12) di “L’interludio: il passaggio fra due Pontificati”, a cura di Andrea Boccalini. Il fotografo, già ospite di Photolux a Lucca, racconta le dimissioni di Benedetto XVI, il suo ultimo Angelus, il Conclave e, infine, l’elezione di Papa Francesco. Un cerchio che si chiude, da cui emerge con forza lo smarrimento e le incertezze generate dalla scelta improvvisa di Papa Ratzinger. La mostra resterà aperta fino al 9 aprile.

Ma il progetto non finisce qui. Insieme all’Associazione Neapolis Art, infatti, prenderà il via anche il programma educativo vero e proprio, orientato a sviluppare le capacità di comunicazione visiva degli adolescenti, provando così a introdurli nel mondo dei media e a stimolarli per quello che potrebbe diventare anche un futuro sbocco professionale. I corsi di fotografia racchiudono dunque la missione della Diocesi e di Photolux: educare, formare e avvicinare i giovani alla fotografia attraverso il foto-giornalismo. Uno strumento per raccontare il contesto in cui i ragazzi vivono, a partire da quello che accade tra i banchi di scuola. Lezioni teoriche si alterneranno ad uscite in esterna per approfondire tecniche, applicazioni e metodi di ripresa e post-produzione tramite cellulare.

(red)


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

53 prima foto 1 marzo 1949.jpg

(prima foto della Congrega del Ciorpento – 1° marzo 1949)


di Alberto Premici

La Congrega del Ciorpento come la Ferrari: 70 anni di successi.

OFFIDA – Si rinnova l’antica tradizione del Carnevale Offidano, la cui origine si perde nel tempo. Risulta menzionato fin dal 1524, nel settimo capitolo negli Statuta Ophidanorum (gli statuti di Offida): “Iura civilia infrascriptis diebus, e temporibus reddi proibhemus, nisi,aliud aliquod disponeretur, vidilicetà.. in die CINERIS,in die IOVIS PINGUIS” (Se non è previsto diversamente da qualche statuto, è proibito amministrare la giustizia nei seguenti giorni…nel giorno delle Ceneri e del Giovedì Grasso).

Altra testimonianza sulla centenaria origine del Carnevale, viene fornita nel Compendioso racconto Historico della Terra di Offida, di padre Andrea Rosini (Offida 1595-Ancona 1668), frate minore cappuccino, che nel capitolo 38, racconta che i Ministri del Sacro Monte di Pietà del Frumento, dispensavano grano ai poveri, nei periodi di Natale, Carnevale e Pasqua.

Dopo la tradizionale apertura del 17 gennaio, giorno di S.Antonio, inizierà il lungo periodo di feste carnevalesche che terminerà all’imbrunire del martedì 28 febbraio, con la sfilata dei “vlurd”.

I veglioni al Teatro Serpente Aureo faranno da cornice alle manifestazioni che si svolgeranno nella centrale Piazza del Popolo. Altri appuntamenti danzanti sono previsti presso i Ristoranti Villa San Lazzaro, Caroline e Agriturismo “La Fonte” dei F.lli Nespeca, dove l’Associazione “Corpo Bandistico Città di Offida” ha organizzato cena e veglione danzante per sabato 25 febbraio.

Ricorrenza particolare quest’anno per la più antica congrega offidana, quella del Ciorpento che raggiunge la ragguardevole soglia dei 70 anni dalla prima uscita ufficiale.

marco.jpgFondata il 10 febbraio 1948 da un gruppo di giovani amici con a capo Marco Mercolini Tinelli, (25 luglio 1928 – 23 marzo 2012), ha sede in Offida nel centralissimo e antico palazzo Mercolini Tinelli. Da settant’anni, senza interruzione, in un rapporto di piena comunione e rispetto con le antiche tradizioni carnascialesche, promuove, con spirito di fraterna solidarietà e di reciproco servizio, la formazione degli associati ed il loro inserimento nella comunità carnevaliera offidana; collabora, nel rispetto della propria identità, con gli altri gruppi organizzati. Finalità preminenti dell’associazione sono curare la maturazione dei soci attraverso adeguati corsi di partecipazione; promuovere il culto carnascialesco, la devozione all’Ophys ed al dio Bacco; esplicare l’attività con opere di luculliana ed epicurea memoria; visitare il simulacro dal 17 gennaio fino allo scoccare della quaresima; esercitare simposi enogastronomici; promuovere adeguate iniziative per la difesa e la valorizzazione delle tradizioni locali; prendere parte in solenne corteo e in divisa, con accompagnamento musicale, alla domenica dedicata all’amicizia, alla domenica antecedente l’ultimo di carnevale, il lunedì vigilia e il martedì, sfilando innanzi al corteo dei “velurd”; conferire ogni anno l’onorificenza di Gran Carnevaliere.

238Nella giornata dedicata all’amicizia e il lunedì vigilia di carnevale, vengono approntati lauti banchetti, secondo le intenzioni dei membri e fiancheggiatori che vi partecipano. Possono associarsi alla Congrega uomini di buona condotta carnascialesca. Gli aderenti si dividono in membri optimus jure e membri di devozione, denominati fiancheggiatori. Per il buon andamento dell’attività della Congrega sono individuati diversi incarichi e uffici tra cui l’alfiere responsabile dello stendardo, il ciorpentoforo addetto e responsabile del sacro scrigno, il segretario, l’economo cassiere, l’automedonte, i maestri di canto e musica strumentale, i cuochi e delegati per approvvigionamenti enologici e gastronomici.

fb_img_1454272686865Il suo motto è: “Castigat ridendo mores” (La commedia e la satira, spargendo ironia e ridicolo sui vizi e i difetti umani, sono un apporto importante per la riforma dei costumi).

Stretto riserbo sul nome del Gran Carnevaliere 2017, premio che annualmente proprio la Congrega del Ciorpento, assegna ad un personaggio offidano che si è particolarmente distinto nel tempo per attaccamento e partecipazione al Carnevale.

Per celebrare l’anniversario la Congrega del Ciorpento ha dato appuntamento a tutti gli offidani, sabato 11 febbraio, presso il Teatro Serpente Aureo, con inizio alle ore 17,30 ed ingresso libero, per un pomeriggio da trascorrere in allegria, durante il quale saranno proiettati video e immagini dall’Archivio Storico del sodalizio.

Anche la storica Setta della Ciuvetta raggiunge un importante traguardo: quello dei 50 carnevali, in cui è stata fondamentale protagonista.


PROGRAMMA carnevale storico offidano 2017

Martedi 17 Gennaio – S. Antonio – Apertura Ufficiale del Carnevale 2017 

Sabato 11 Febbraio – Teatro Serpente Aureo – festa per il 70° anniversario della Congrega del Ciorpento – proiezione video e immagini storiche

Domenica 12 Febbraio – Centro Storico dalle ore 15,00 – Domenica degli amici – Musica e allegria con le Storiche Congreghe offidane

Sabato 18 Febbraio – “Bentornato Carnevale” – festa del Tesseramento socio Pro Loco Offida

Domenica 19 Febbraio – Centro Storico dalle ore 15,00 – Domenica dei Parenti – Musica e allegria con le Storiche Congreghe offidane

Giovedi 23 Febbraio – Giovedì grasso

Ore 12,00 – Sala Consiliare – Consegna delle chiavi della Città da parte del Sindaco ad una delle Storiche Congreghe offidane

Ore 15,00 – Teatro Serpente Aureo – BAMBINI IN MASCHERA – Ingresso omaggio a tutti i bambini concorso a premi per bimbi in maschera

Dalle ore 22,00 – Centro Storico – Musica e allegria con le Storiche Congreghe offidane

Venerdi 24 Febbraio – ORE 09.00 bov fint dei piccoli – ORE 10.00 bov fint dei ragazzi
Ore 14,15 – lu Bov Fint

Sabato 25 Febbraio – Ore 22,00 – Teatro Serpente Aureo – VEGLIONISSIMO – 

Domenica 26 Febbraio

Dalle ore 15,00 Centro Storico – Musica e allegria con le Storiche Congreghe offidane.

Ore 19,00 spettacolo pirotecnico a cura della Congrega del Ciorpento

Ore 22,00 – Teatro Serpente Aureo – VEGLIONISSIMO MASCHERATO
(con relativo concorso a premi per i gruppi che si esibiranno sul palcoscenico

Lunedi 27 Febbraio – Ore 22,00 –  Teatro Serpente Aureo – VEGLIONISSIMO di CARNEVALE

Martedi 28 Febbraio – CARNEVALE – Piazza del Popolo e intero Centro Storico.
ORE 15,00 – MASCHERE IN FESTA – (concorso a premi miglior gruppo)
ORE 19,00 – accensione e sfilata nel percorso tradizionale dei ” VLURD “.

(ap)


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

tecnici-prevenzione-sismica.jpgOFFIDA – Il responsabile dell’Area Gestione del Territorio rende noto che è indetta una selezione pubblica per esami-colloquio, per l’assunzione a tempo pieno e determinato (anni uno, con possibilità di proroga) di n. 2 (due) unità di personale con profilo professionale di ISTRUTTORE DIRETTIVO TECNICO – CAT. D – POS.EC. D1, del CCNL Regioni Enti Locali, con specifiche competenze in ambito urbanistico-edilizio e lavori pubblici, da assegnare all’Ufficio Sisma.

La domanda di ammissione deve essere redatta in carta semplice utilizzando il modello allegato al presente avviso, completa delle dichiarazioni richieste e deve essere indirizzata al Comune di Offida, Corso Serpente Aureo n. 66 – 63073 Offida (AP). La stessa dovrà pervenire improrogabilmente entro il termine perentorio del giorno 21 febbraio 2017, alle ore 13,30 e potrà essere inviata con una delle seguenti modalità:
– con consegna diretta all’Ufficio Protocollo del Comune di Offida Corso Serpente Aureo n. 66 – 63073 Offida (AP), nei seguenti giorni ed orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 08,30 alle ore 13,30;
– mediante una raccomandata A/R indirizzata al Comune di Offida Corso Serpente Aureo n. 66 – 63073 Offida (AP);
– tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) al seguente indirizzo web ufficiale del Comune di Offida: protocollo@pec.comune.offida.ap.it (Attenzione: la posta elettronica certificata assume valore legale solo se anche il mittente invia il messaggio dalla sua personale casella di posta certificata). In tale ipotesi la domanda, come pure tutta la restante documentazione, a pena di esclusione, dovranno essere sottoscritte con firma digitale di cui all’art.1 lettere q), q bis), r), s) del D.Lgs. n. 82/2005 e s.m.i. in formato P7m o con firma autografa scansionata – in formato PDF/a. Non sarà considerata valida la domanda inviata da un indirizzo di posta elettronica non certificata. I candidati dovranno inserire nell’oggetto del messaggio telematico l’intestazione della presente selezione.