15665633_10211888131822491_8047371581295639545_nIntervista di Alessandra Premici a Ivana Markovà, una delle personalità di maggior spicco coinvolta nella formulazione del modello Cambridge della formazione dei sintomi mentali.
1) From where appear the necessity of a new “Model” in the formation of mental symptom?
“Epistemology refers to the theory/study of the origins and legitimacy of knowledge. Our interest in the epistemology of psychiatry meant that by definition we wanted to explore the nature and legitimacy of psychiatric knowledge. In order to do that, questions naturally arise concerning the sources, the origins, the structure, the sources, the stability etc., of psychiatric knowledge. When such questions are posed, then it becomes clear that little has been addressed in this area. Instead, much of research in psychiatry is based on assumptions that mental symptoms (and disorders) are well defined objects – and akin to symptoms and disorders in general medicine. Historical analysis shows that when psychiatry was formed as a medical discipline in the 19th century, it took on the practises, structures and models that were present in medicine. In other words, the assumption was – and continued to be – that psychiatry had an epistemological basis that was similar to the rest of medicine. However, analysis shows clearly this is not the case and that the foundational basis to psychiatry is very different (see the chapter on epistemology of psychiatry in the Kirmayer book and also the paper on epistemology of psychiatry).
An aspect of epistemological exploration in psychiatry is to examine the structures of psychiatric objects (symptoms and disorders). And, in order to explore the structure of mental symptoms, then it becomes essential to try to understand how symptoms are formed. Only by making sense of that, can we then make postulations concerning symptom structure. We could not find models of symptom formation – apart from the psychodynamic perspectives as developed by Freud. The psychoanalytic schools are based on a different epistemological position, one that focuses on hermeneutic understanding. Our own conceptual analysis however, resulted in an epistemology of psychiatry that is based on hybridity (see below) and hence includes both hermeneutics and neurobiology. Hence, we focused on developing a new model of mental symptom formation”.
2) What type of research has been direct in psychiatry and psychological environment before the formulation of the current Cambridge Model?
“I am not entirely clear what you mean by this question. Much of research in psychiatry has been empirical in nature – exploring the relationship between mental disorders/symptoms and other ‘variables’ including psychological and social and organic. The issue is that whilst such research may yield important findings, it tends to be based on assumptions around the nature of mental disorders/symptoms that are often not made explicit nor justified. The Cambridge model is about trying to understand the underlying assumptions on which psychiatry and its objects are based. In other words, it is addressing different sorts of problems. In the chapter on symptoms in the Psychosomatic Medicine book, there is a section (p27) in which we make a distinction between 2 spaces of research, namely, the conceptual and the empirical. The Cambridge model is trying to clarify issues that pertain to the conceptual research space and thus addresses different sorts of questions than the research that is carried out in the empirical space”.
3) In your book “For a new epistemology of Psychiatry” appears the clear necessity of release psychiatry from the strict category of mental symptom and the need of a serious consideration about epistemology. Are we far from this point of view today? Why? (Your personal consideration).
“I think that I have partly addressed this in your first question. In essence, epistemology of psychiatry as a research area, has been and continues to be neglected. The prevailing research drive in psychiatry today is the neurobiological one where mental disorders and mental symptoms are viewed simply as the result of brain/neuronal dysfunction. Hence there is a huge amount of effort and money put into the search for correlations between mental symptoms/disorders and neurobiological markers and increasing use of technologies such as MRI/fMRI etc. to do this. The explicit claims by the RDoC programme (Research Domain Criteria) as developed by the NIMH in the States is a prime example. Without however having a justified epistemological position, such research is not only misleading but may have ethical consequences of the clinical care of patients. The chapter on the epistemology of neuroimaging may help to clarify this. So the answer remains that epistemology is not taken seriously in the psychiatric research arena. Partly, this is historical – the assumption that symptoms are signs of (bodily) pathology comes from borrowing models from medicine. Furthermore, the advances in sophisticated technological procedures which have been so important for the diagnosis of neurological disease, can blind researchers to the fact that these technologies are designed for the capture of organic/physiological processes and that their extension into the ‘mental’ carries important conceptual problems”.
4) What is the relationship between Cambridge Model and the biological perspective in the explanation of mental symptom?
“The crucial difference is that the Cambridge model of symptom formation and structure shows that mental symptoms (and mental disorders) are hybrid in nature. This is meant in a deep, structural and meaningful way. In other words, mental symptoms are constituted by the (deep) integration of ‘meaning’ (in a wide sense of personal, socio-cultural, interactional, etc.) and biology (neuronal signalling). Both elements are crucial to the structure of psychiatric symptoms and disorders and neither is reducible to the other. It may be that these elements ‘meaning/semantic’ and ‘biological/organic’ are likely to have different roles in different symptoms. See the paper ‘the epistemology of psychiatry’ where this is explained more clearly.The biological perspective on the other hand is based on the assumption that mental symptoms/disorders are neurobiological elements.Psychological/stressors/developmental factors/socio-cultural factors etc. may all influence these neurobiological processes but at the heart of it mental disorders are brain disorders”.
Alessandra Premici, settembre 2016

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La nostra associazione è stata onorata della preziosa presenza del relatore professore Franco Ortolani al nostro convegno e di averlo potuto accogliere che e ospitare nella nostra città il 26 e 27 gennaio. In questi due giorni abbiamo fatto apprezzare al nostro professore le bellezza della nostra città e la bontà della nostra tradizione culinaria grazie soprattutto alla gentile e disinteressata disponibilità della proprietaria Anna Mozzoni dell’Hotel Relax che noi tutti ringraziamo.

Il professore Ortolani nel convegno ha lasciato una importante testimonianza scientifica e umana con la sua relazione ma prima di partire ci ha voluto salutare con questa nota puntuale che noi abbiamo ritenuto un dovere girare alla stampa.

 

San Benedetto del Tronto, convegno “Terremoto: per non dimenticare tra prevenzione e futuro”. Una sala piena, circa 300 persone tra cittadini di S. Benedetto e cittadini dei paesi colpiti dai terremoti, autorità. Un ritorno a 37 anni fa quando si verificò il disastroso TERREMOTO DELL’IRPINIA NEL NOVEMBRE 1980.
Sono stato ospitato in un bell’Hotel sul lungomare dove sono ospitate varie decine di cittadini di Accumoli, ormai da 5 mesi. Ospitalità squisita, gentilezza da ammirare, cibo buono, gradimento da parte dei cittadini che mi hanno manifestato la loro ammirazione per la direzione dell’Hotel Relax. Siamo a fine gennaio, tra 4 mesi siamo alle soglie dell’estate: saranno pronte le strutture per effettuare il ritorno dei cittadini nei paesi di origine? Alcune testimonianze di amministratori intervenuti al dibattito fanno capire che sarà difficile che a giugno saranno disponibili le case prefabbricate. A giugno saremo alle soglie della prossima stagione turistica e l’accordo accettato dagli albergatori che hanno accolto i cittadini prevedeva l’ospitalità per sei mesi. Bisogna pensare subito come affrontare la situazione che si manifesterà tra qualche mese. Il prezzo dell’ospitalità ai terremotati è intorno ai 40 euro al giorno per persona adulta. Valutando la qualità della struttura ospitante e la buona qualità del trattamento fornito è evidente che si tratta di un prezzo veramente basso. Gli Hotel che hanno spontaneamente e generosamente aderito alla proposta di accogliere i cittadini terremotati stanno sicuramente facendo sforzi che non saranno più sostenibili per la prossima stagione turistica. Una riflessione immediata…ci vuole!

Ambiente e Salute nel Piceno

Presidente Alfredo Vitali

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

A seguito degli eventi sismici verificatisi dal 24 agosto 2016, Enel ha recepito i provvedimenti dell’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico (AEEGSI) che hanno disposto la sospensione dei termini di pagamento delle fatture per la fornitura di energia elettrica e gas emesse o da emettere da tale data per i comuni colpiti dal sisma, individuati nella Legge 15 dicembre 2016, n°229 

Per le Marche: 12. Apiro (MC); 13. Appignano del Tronto (AP); 14. Ascoli Piceno; 15. Belforte del Chienti (MC); 16. Belmonte Piceno (FM); 17. Caldarola (MC); 18. Camerino (MC); 19. Camporotondo di Fiastrone (MC); 20. Castel di Lama (AP); 21. Castelraimondo (MC); 22. Castignano (AP); 23. Castorano (AP); 24. Cerreto d’Esi (AN); 25. Cingoli (MC); 26. Colli del Tronto (AP); 27. Colmurano (MC); 28. Corridonia (MC); 29. Esanatoglia (MC); 30. Fabriano (AN); 31. Falerone (FM); 32. Fiuminata (MC); 33. Folignano (AP); 34. Gagliole (MC); 35. Loro Piceno (MC); 36. Macerata; 37. Maltignano (AP); 38. Massa Fermana (FM); 39. Matelica (MC); 40. Mogliano (MC); 41. Monsampietro Morico (FM); 42. Montappone (FM); 43. Monte Rinaldo (FM); 44. Monte San Martino (MC); 45. Monte Vidon Corrado (FM); 46. Montecavallo (MC); 47. Montefalcone Appennino (FM); 48. Montegiorgio (FM); 49. Monteleone (FM); 50. Montelparo (FM); 51. Muccia (MC); 52. Offida (AP); 53. Ortezzano (FM); 54. Petriolo (MC); 55. Pioraco (MC); 56. Poggio San Vicino (MC); 57. Pollenza (MC); 58. Ripe San Ginesio (MC); 59. San Severino Marche (MC); 60. Santa Vittoria in Matenano (FM); 61. Sefro (MC); 62. Serrapetrona (MC); 63. Serravalle del Chienti (MC); 64. Servigliano (FM); 65. Smerillo (FM); 66. Tolentino (MC); 67. Treia (MC); 68. Urbisaglia (MC). (red)

Enel informa i propri clienti che la società Enel Energia ha anche sospeso tutte le eventuali azioni di recupero credito sulle fatture precedentemente emesse. Per le bollette già emesse prima della sospensione della fatturazione e la cui richiesta di pagamento è già stata inoltrata agli istituti di credito, Enel informa i propri clienti che hanno sottoscritto la domiciliazione bancaria che è possibile chiedere al proprio istituto di credito il blocco del pagamento. Le misure di cui sopra sono applicate per sei mesi dalla data del sisma.

Per ogni ulteriore chiarimento è possibile chiamare il call center di Enel Energia al numero 800.900.860.


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

ASCOLI PICENO – Già dalla prossima settimana la Provincia interverrà con circa 70 mila euro, in modalità di somma urgenza, per eliminare le infiltrazioni d’acqua su alcune scuole superiori del territorio provocate dalle eccezionali precipitazioni nevose e piovose della scorsa settimana. Lo scioglimento della copiosa coltre nevosa ha infatti, in alcuni casi, prodotto problemi alle coperture piane di alcuni istituti che saranno completamente risolti. I tecnici dell’Amministrazione provinciale stanno completando i relativi sopralluoghi nelle scuole di Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto e si stanno quindi definendo le attività di ripristino per superare i disagi. Da evidenziare che la Provincia sta costantemente monitorando la situazione di straordinaria emergenza sisma e neve per rispondere al meglio alle esigenze dei dirigenti scolastici e rendere le scuole sempre più funzionali alle attività didattiche e d’istituto. (red)


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

ANCONA – Questa mattina si è riunito nella sede della regione Marche il Consiglio Direttivo di Anci Marche ed i sindaci membri della Commissione Sisma, che ha annunciato il cambio di pertinenza con il vice commissario alla Ricostruzione Luca Ceriscioli. Dalla riunione è partito un appello di presidente della Regione e dei sindaci verso tutti i tecnici ingegneri, architetti e geometri della regione. “Da lunedì 30 gennaio – spiega Ceriscioli – parte il sistema regionale di gestione  nella compilazione delle scheda Fast per l’agibilità degli edifici che non sarà più in carico al Dicomac, quindi alla protezione civile nazionale – ha aggiunto – e chiedo all’Anci Marche di farsi portavoce di un progetto evidentemente ambizioso nel quale tutti i tecnici che hanno davvero a cuore il presente ed il futuro del proprio  territorio e della propria città, potranno dare un contributo concreto”. Tutti i tecnici che si renderanno disponibili presso il proprio comune per effettuare i sopralluoghi e compilare le schede si metteranno da lunedì a disposizione del proprio Sindaco fornendo la  disponibilità così da essere organizzati in squadre che opereranno immediatamente. “Non c’è tempo da perdere, ecco perchè la mobilitazione ed  il passaparola è fondamentale”. “Il confronto con il presidente e vice commissario – ha detto il presidente di Anci Marche Maurizio Mangialardi introducendo la riunione – si è reso indispensabile alla luce delle numerose criticità in capo agli eventi calamitosi riconducibili sia al sisma che all’emergenza neve”. “Tra l’altro – ha puntualizzato – in queste ore, nelle zone montane, la neve si sta cominciando finalmente in parte a sciogliere ed il timore concreto è che emergano nuovi ulteriori crepe alle strutture pubbliche e  private che la neve ha finora nascosto”. Sul tavolo anche la questione relativa alla costruzione delle nuove scuole per la quale è stato approvato la prima fase per 38 milioni di euro e la regione sta già  lavorando alla seconda fase, l’acquisto del patrimonio edilizio invenduto da destinare a chi attende una sistemazione, i benefici di finanza pubblica da estendere a tutto il 2017, il ripristino delle sedi stradali danneggiate dalla neve  e dal passaggio dei mezzi pesanti, le stalle provvisorie per il comparto dell’allevamento. Inoltre l’Anci Marche ha chiesto al vice commissario Ceriscioli di farsi portavoce di una decisa centralità del ruolo dei sindaci nella ricostruzione, convinti che l’accentramento che va paventandosi, non faccia che rallentare il percorso. “Infine – ha concluso Mangialardi – spiace constatare che il dramma vissuto dalle Marche in questi mesi sia passato in secondo piano. Prima il terremoto del 24 agosto definito il terremoto di Amatrice, poi quello del 30 ottobre come quello di Norcia, ora l’emergenza neve ascritta all’Abruzzo, mentre sono  proprio le Marche ed i marchigiani a pagare il prezzo più alto”. (Anci Marche)


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

 

Offida – La terra è tornata a tremare in Italia centrale. Abruzzo, Lazio, Marche, Umbria le regioni più colpite. Altre tragedie si sono aggiunte al terremoto: la valanga che ha travolto il resort di Rigopiano e la caduta dell’elicottero del servizio di soccorso. L’informazione ha un ruolo importante, soprattutto nei momenti difficili per le comunità, ed i giornalisti sono impegnati a fare la loro parte. Di questo si parlerà nel seminario “Il meglio della professione giornalistica nell’emergenza terremoto”, che si terrà sabato 28 gennaio, con inizio alle ore 9,30, nel teatro Serpente Aureo di Offida (Ascoli Piceno). Aprirà i lavori Giannetto Sabbatini Rossetti, direttore della Scuola di giornalismo di Urbino; seguiranno gli interventi di Sigfrido Ranucci, che dalla prossima primavera condurrà “Report” di Rai3, e di Anna Germoni del settimanale “Panorama”; concluderà Nuccio Fava, presidente dell’Associazione dei Giornalisti Europei, già direttore di TG1, TG3 e della Testata Giornalistica Regionale della Rai. Il seminario fa parte delle iniziative per la formazione dei giornalisti, con il riconoscimento di 4 crediti ai partecipanti.

La giornata si concluderà con l’ assegnazione del “5° Premio di giornalismo Tonino Carino”, promosso dal Comune di Offida, paese natale del telecronista scomparso. A patrocinarlo l’Ordine nazionale dei giornalisti, l’Ordine dei giornalisti delle Marche, l’AGE, la Camera di commercio di Ascoli Piceno. La cerimonia, al Teatro Serpente Aureo, inizierà alle ore 21,30. I vincitori del Premio giornalistico saranno resi noti nel corso della serata. Sono annunciati, intanto, i riconoscimenti speciali a Donatella Scarnati, Gaia Tortora, Pina Traini, Remo Croci, Sigfrido Ranucci, Pietro Sparacino. (paeseitaliapress.it).


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

 

IMG_1361.JPGIl 28 sera, dalle ore 21:30, tanti saranno i giornalisti che calcheranno il palcoscenico del Serpente Aureo. Nella mattinata di sabato si terrà invece il corso Comunicabilità. Il personaggio del Piceno premiato in questa edizione sarà Saturnino Celani

OFFIDA – Posticipato, a causa del terremoto, da fine novembre a gennaio, torna a Offida, il Premio Tonino Carino che si terrà sabato 28, alle ore 21:30, al Serpente Aureo. Presenterà la serata Luca Sestili.

“Nonostante le grandi difficoltà – ha commentato l’Assessore Piero Antimiani –  la macchina organizzativa, messa in moto per un evento di così notevole importanza, non poteva fermarsi”.

Ben 60 sono stati i giornalisti che hanno partecipato al bando, suddiviso in tre sezioni: Marche (un articolo che parlasse della Regione Marche; Articolo d’inchiesta e Sportivo. Per la sezione articolo d’inchiesta, Sonia Marcozzi (organizzatrice) ha anticipato che sarà premiato il giornalista Paolo Borrometi, sotto scorta per la sua inchiesta sul Comune di Scicli, che sarà presente all’evento. Per conoscere gli altri premiati del concorso occorrerà aspettare sabato sera.

Poi ci saranno i premi speciali che andranno a Donatella Scarnati, giornalista sportiva, che da giovanissima fu collega di Carino; Gaia Tortora; Pina Traini; Sigfrido Ranucci; Pietro Sparacino; Remo Croci.

“Sparacino – ha aggiunto Sestili – ci regalerà un momento di satira. Inoltre, tra gli ospiti, ci saranno anche un cantautore marchigiano, Federico D’Annunzio e Maurizio Santilli che racconterà il calcio proprio come si faceva ai tempi di Tonino Carino, minuto per minuto. Un altro premio sarà dato a un personaggio di spicco, un vero e proprio ambasciatore del Piceno, sempre discreto ma di successo, al quale il nostro territorio deve un riconoscimento: Saturnino Celani”.

La giuria che ha selezionato i giornalisti è presieduta da Nuccio Fava e formata da Carmelo Occhino, Fiore De Rienzo, Giannetto Sabbatini Fioretti, Pino Scaccia e Sandro Ruotolo.

“Tonino Carino era un grande personaggio televisivo ma anche un grande giornalista – ha sottolineato il Sindaco Valerio Lucciarini – un esempio per cordialità, simpatia e professionalità. Soprattutto in questo periodo, ci sentiamo in dovere di accelerare la ripartenza, più volte stoppata da un ripetersi di eventi drammatici. Con questo evento, dimostriamo ulteriormente lo spirito di appartenenza della comunità di Offida, cittadini e associazioni, e la capacità di una promozione sempre attiva, attenta e di qualità”.

Nella mattinata di sabato, dalle 9 alle 12, si terrà anche il Seminario Comunicabilità, organizzato dall’Ordine dei Giornalisti di concerto con l’Amministrazione comunale. Si parlerà di Emergenza Terremoto a Offida sabato prossimo, di come la stampa debba “raccontare”, di come la professione giornalistica debba e possa interferire nelle investigazioni legate ai tempi e ai modi di intervento dei soccorsi, alle soluzioni pre e post catastrofe.

(red)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

orientarsiallavorochecambiafoto.jpgOFFIDA – La Fondazione Lavoroperlapersona, in collaborazione con professionisti della formazione, propone un percorso formativo e di orientamento suddiviso in 6 incontri teorico-esperienziali – con un approfondimento sui temi dello sviluppo personale e vocazionale – rivolto a quanti vogliano acquisire strumenti utili per orientarsi nel mondo del lavoro. Il percorso intende agevolare una migliore collocazione dell’individuo nel mondo del lavoro, favorendo la pianificazione e l’attuazione del proprio progetto professionale, attraverso le attività di gruppo e gli approfondimenti di tematiche e tecniche volte ad ottimizzare la ricerca attiva e l’autopromozione.

L’obiettivo è potenziare e valorizzare le risorse e le capacità della persona di affrontare il cambiamento e di fronteggiare le richieste. Infatti, l’individuazione dei propri talenti, la piena espressione del potenziale personale e delle competenze professionali, genera gratificazione e benessere nella persona, riattivando quel flusso creativo e comunicativo che la spinge naturalmente verso gli altri. L’individuo che riesce a sviluppare ed esprimere a pieno il suo potenziale nel lavoro e nella libera professione, tende verso una maggiore apertura ed integrazione sociale, uscendo dall’isolamento recupera una maggiore consapevolezza di sé, aumenta il senso di auto-valore, utilità ed autostima.

PROGRAMMA DEGLI INCONTRI

ep.jpg

(red)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

foto mario giornaledi Mario Narcisi (*)

“LA FUNZIONALITA’ E’ PIU’ IMPORTANTE DELLA EQUIDISTANZA”

Recentemente abbiamo appreso dalla Stampa che la Direzione  Gen. dell’AV5 ha inviato all’ASUR un Progetto di fattibilità per l’Ospedale unico del Piceno. Poichè la notizia è stata confermata con molta soddisfazione dal consigliere regionale F.Urbinati , sarebbe molto opportuno avere notizie più dettagliate in merito.

Sarebbe chiedere troppo se si rendesse pubblico  l’elaborato tecnico dello studio di fattibilità dell’ospedale, in parte riassunto dalla Stampa , per poterne visionare  le caratteristiche, la sua funzionalità, la sua ubicazione sul territorio , conoscerne i suoi progettisti e la sua committenza, sapere se è il risultato di un Concorso di idee o di un Bando pubblico o è l’espressione libera di professionisti esperti  in ingegneria sanitaria, sensibili al problema della Sanità pubblica del Piceno ?

Visto che il 29 novembre fu pubblicato  su un   quotidiano locale, la notizia del  nuovo ospedale provinciale  “L’ospedale unico in anteprima  500 posti letto sui colli piceni” e il 4 dicembre  è stata  pubblicata la notizia della presentazione in Regione  del Progetto, pensiamo che sia giunto il momento , se tutto fosse confermato , di un serio dibattito pubblico istituzionale , con le conseguenti proposte,  sul futuro della Sanità pubblica del Piceno.

Questa esigenza  è ancora più impellente allorquando si osservano le soluzioni adottate recentemente nel Presidio ospedaliero  sambenedettese .  Esse  non  rispondono più  alle effettive esigenze  di una  pronta risposta sanitaria come dovrebbe avere  un Ospedale per acuti .

Ci si riferisce alla situazione del Reparto di ORL dell’ospedale “Madonna del Soccorso”. non più deputato  alle urgenze , all’arrivo  di tre nuovi  infermieri per ripristinare  le cure di primo livello ai neonati prematuri di 34 settimane,  alle notizie di assunzioni di vari Specialisti che non vanno a rimpinguare i rispettivi organici ma solo a rimpiazzare i colleghi che abbandonano l’Ospedale sambenedettese  per Centri  di maggiori prospettive,  alle carenze di apparecchiature radiologiche aggiornate,  alla mancanza di una Terapia intensiva post operatoria cardiologica che avrebbe dovuto supportarne l’attività di riabilitazione per cui è stato chiamato il nuovo Primario  dott. Belardinelli,  al tragitto roccambolesco a cui sono sottoposti i pazienti  del Piceno colpiti da Ictus cerebrale o da Infarto del miocardio, fino al loro definitivo trattamento.

Caro Presidente Ceriscioli, ascoltando le dichiarazioni sue e dei suoi Collaboratori troppo semplicistiche e sommarie, da cui emerge che tutto verrà deciso in Regione, viene spontaneo domandarsi che senso ha affidare i lavori della nuova costruzione ospedaliera a un Progetto di Fattibilità.

Noi pensiamo che un Progetto di Fattibilità di un Ospedale unico per l’A.V.5  debba essere affidato a Tecnici esperti del settore, che funzionalmente sapranno adottare tutti quei criteri per rendere la Struttura rispondente alle finalità a cui è preposta, integrata con le infrastrutture di comunicazioni  esistenti,  con la distribuzione della popolazione,  con la natura del territorio e  con  le interconnessioni  necessarie per il migliore risultato possibile, in linea con i compiti che una Struttura ospedaliera deve assolvere.  Riassumendo:  “La funzionalità viene prima della equidistanza”. 

In attesa che si faccia luce sui molti interrogativi sollevati dalle recenti dichiarazioni del Governo regionale sulla questione dell’Ospedale unico  e sugli  ulteriori  investimenti  di 9,3 milioni del piano triennale ASUR (2016-2018) di opere pubbliche al “Madonna del Soccorso”, siamo ansiosi di conoscere quale funzione sarà assegnata al Presidio sambenedettese che ormai  non ha più le caratteristiche di un ospedale per acuti.

(*) Ex Direttore del DEA dell’Ospedale di S.B.T. e Rappresentante territoriale dell’AAROI -EMAC (Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani e Medici dell’Emergenza Accettazione)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

 

 

OFFIDA – Dopo 3 mesi dall’ultima assise – pausa forzata a causa delle tante emergenze – si è tenuto il Consiglio comunale a Offida, all’Enoteca regionale di Offida, a causa dell’inagibilità attuale della Sala Consiliare. Assente Claudio Sibillini. I punti all’Ordine del giorno sono stati 5. Nel primo punto sono stati approvati all’unanimità i verbali della seduta precedente.

Nel secondo si è discusso lo schema di convenzione con la Regione Marche per la istituzione dell’ufficio speciale per la ricostruzione post-sisma 2016. Roberto D’Angelo: “Regione e Comuni interessati dal sisma saranno coinvolti in uffici speciali per la ricostruzione, secondo il decreto 189, tradotto in legge, la numero 229. La Regione Marche assume così il ruolo di ente responsabile e ha deliberato una convenzione che noi come Comune firmeremo. L’ufficio per l’ascolano avrà sede al Piceno Consind”.

Andrea D’Angelo: “Sono contrario. Per un maggior ordine alla corruzione si sta mettendo su un organo di sistema, questo ufficio, quando lo Stato le regole già le ha. Una riflessione andava fatta su questo”. Valerio Lucciarini: “Al netto della validità del decreto legge poi diventato legge, la riflessione mi trova d’accordo. Si cerca di creare una cornice che probabilmente rallenterà un po’ la macchina per la ricostruzione, solo per risolvere queste pseudo procedure illegali. Quando nascono strumenti normativi, questi dovrebbero come priorità, quella di fornire risposte nel minor tempo possibile. Sono curioso di vedere come saranno i tempi della stazione appaltante nazionale, dopo l’individuazione del danno, l’indagine geologica e la raccolta di documenti di certificazione. Temo non saranno brevissimi. Per me vale il principio delle sussidiarietà dello Stato come ente presente nei comuni per affrontare calamità catastrofiche. Auspico a una correzione di rotta con una programmazione condivisa che abbia come obiettivo la soluzione immediata di problemi”. Il punto è passato a maggioranza con 8 favorevoli, 2 contrari, D’Angelo e Mandozzi, 2 astenuti, Nespeca e Mariani

Il punto 3 è stato spiegato dal Consigliere Maurizio Peroni: “Si chiede di approvare la relazione finale sullo stato di attuazione del primo PPA (2011-2016) redatta nel settembre 2016 dai tecnici comunali dell’Area Gestione e Territorio e di adottare il programma pluriennale di Attuazione del Prg vidente del Comune di Offida per il quinquiennio 2016-2021 datato settembre 2016”

Di seguito la dichiarazione di voto del Consigliere Mariani: “Noi di Officine Offida ci asterremo, perché la lettura che viene fatta sull’iter burocratico e problemi economici, ci pare riduttiva. Ci dovevamo chiedere se le aree individuate rispondevano alle esigenze dei cittadini. L’astensione per dare un apporto critico anche a ciò che faremo nei prossimi anni”. Il punto è passato a maggioranza con 8 favorevoli 4 astenuti

Nel punto all’ordine del giorno numero 4 il Consiglio si è espresso sulla convenzione per la gestione associata di un sistema permanente di formazione e aggiornamento del personale e degli amministratori degli enti locali della Provincia di Ascoli Piceno per il 2017. Isabella Bosano: “Il costo per il Comune di Offida era di 1200 euro all’anno. Oggi approviamo la convenzione andando in proroga, fino a dicembre del 2017 non ci saranno costi per il Comune”. Favorevoli 10; astenuti 2, D’Angelo e Mandozzi.

L’ultimo punto ha riguardato la convocazione dell’assemblea dei Comuni soci della Ciip Spa per il bilancio preventivo e la relazione previsionale e programmatica 2017. Sia Ermanno Mandozzi che Andrea D’Angelo hanno fatto presente di non aver avuto a disposizione il bilancio della Ciip, la segretaria comunale ha precisato che si trattava di cento pagine sono nella versione cartacea.

“Comprendo – ha aggiunto A.D’Angelo – ma resta il fatto che è difficile interagire con la Ciip e senza documenti non posso dare il mio contributo. La Ciip avrebbe dovuto fornire il file per metterci nelle condizioni di lavorare meglio. Non prenderò parte alla votazione”.

Il Sindaco Lucciarini, a nome del gruppo Offida Solidarietà e Democrazia ha fatto la sua dichiarazione di voto: “Posso concordare che, in mancanza di documenti, si metta in condizione un consigliere comunale di non poter procedere. Ma gli uffici, come ho già detto più volte, sono sempre disponibili, come tutta la maggioranza. Vorrei ricordare, però, che ci sono stati momenti, giorni, mesi, di emergenza e sembra che non si sia compreso a fondo il lavoro messo su della macchina comunale per rispondere a una situazione drammatica. Non ho ricevuto né un messaggio, né una telefonata da parte di uno di voi consiglieri di minoranza. A volte, vi dirò di più, avrebbe aiutato il sottoscritto, gli amministratori sul campo, i dipendenti, gli operai e le società, un momento di condivisione minimo, di qualche secondo. Abbiamo vissuto momenti drammatici. Vedere passare il Consigliere Mandozzi in macchina, mentre io a piedi, mi ero fermato di fronte alla Protezione Civile, auspicando l’apertura del suo finestrino. Ebbene la mia speranza è stata disattesa. Ci si candida non per ambizione della politica, ma con la consapevolezza di rappresentare i cittadini, anche con sacrificio, nei momenti di difficoltà. Sicuramente ci si aspettava altro dai consiglieri di opposizione, e altro è avvenuto in altre realtà, con consiglieri d’opposizione del vostro stesso schieramento. Aiutare avvicina e unisce la comunità. Non mi scuso dello sfogo, mi auspico un atteggiamento diverso”.

Dopo il discorso di Lucciarini, Mariani ha lasciato il Consiglio, mentre Andrea D’Angelo avrebbe preteso la replica, non possibile per regolamento, dopo la dichiarazione di voto espressa dal Sindaco. Il Consigliere di minoranza è stato allontanato dal consiglio quando urlando ha cercato di sottolineare che nel suo lavoro si è impegnato e il Sindaco gli ha ribadito che è il suo ruolo da consigliere che non è stato svolto. Ristabilito l’ordine il punto è passato a maggioranza con contrario Mandozzi e astenuto Nespeca.

(red)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

 

 

ROMA – Il Sindaco di Offida, Valerio Lucciarini farà parte del Consiglio Nazionale dell’Anci. La nomina è avvenuta in Campidoglio a Roma, nella mattinata del 19 gennaio, durante il Consiglio nazionale dell’Associazione.

All’Anci aderiscono circa 7.300 comuni italiani – che, nella loro globalità, rappresentano circa il 90% della popolazione –  che lavorano insieme per allentare quei vincoli ancora troppo stretti, dovuti a opprimenti morse finanziarie e normative e da oneri ancora troppo pesanti. L’appello importante dell’Anci al quale si unisce oggi ufficialmente anche Lucciarini è: “Liberare l’energia dei sindaci, così da liberare le energie delle loro comunità. Per far sì che l’Italia torni a volare”. Un concetto che il Sindaco di Offida ha sollecitato più volte e torna oggi a ribadire, soprattutto ora, in cui l’Italia è stata colpita di nuovo direttamente al cuore, dopo gli ultimi eventi legati alla neve e all’ennesimo terremoto. “La grande emergenza che stiamo vivendo deve diventare una questione nazionale – ha commentato da subito Lucciarini –  e mi impegnerò affinché l’Anci possa fare leva con forza sul Governo centrale per raggiungere questo scopo”. L’importanza della nomina del Sindaco di Offida per tutto il Piceno, riguarda anche il versante finanziario, visto che il presidente dell’Anci, Antonio Decaro, sin dalla sua elezione, avvenuta a ottobre, sollecita misure che possano accompagnare e favorire gli investimenti locali, come la rinegoziazione dei tassi di interesse dei vecchi mutui per allinearli ai minori costi di provvista, l’estinzione anticipata senza penali, l’attivazione di strumenti dedicati per l’edilizia scolastica, i servizi pubblici e la sicurezza del territorio, l’attivazione di processi di accompagnamento nell’aggregazione tra società partecipate.

“Questo nuovo impegno arriva in un momento molto difficile – conclude Lucciarini –  nel nostro territorio si sono susseguiti giorni intensi e senza sosta. La nomina mi riempie di orgoglio ma anche di ulteriori responsabilità: lavorerò con gli altri Sindaci dell’Assemblea affinché l’Anci si riformi per diventare un’associazione che si prenda cura sempre più delle comunità e dei territori e difenda con forza le autonomie locali. Mai come oggi si sente il bisogno di questa tutela”.

(Red)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

13418941_10209982014450748_3592236089959056762_n

Questo è troppo?

 di Alessandra Premici

Esattamente come il nostro sistema immunitario, il funzionamento psicologico include in sé la necessità di avere un “anticorpo” in grado di fronteggiare le situazioni di vita che valutiamo, almeno in un primo momento, come insostenibili e al di sopra delle nostre capacità.

Eppure è questo il momento in cui, seppur con fatica, dobbiamo rispolverare tutte le risorse personali per agire, reagire, resistere.

Il nostro prezioso anticorpo psicologico si chiama “Resilienza”, un costrutto sul quale la psicologia moderna continua a lavorare, ma che almeno una volta nella vita non abbiamo avuto bisogno di definire, sentendone gravare il peso direttamente sul nostro corpo e, soprattutto, sulla nostra mente.

In questo momento di rinnovata emergenza su più fronti, però, questo “peso” si presenta più che mai collettivo, condiviso, generalizzato.

La resilienza, nell’ottica della scienza dei materiali, altro non è che la capacità di questi ultimi di resistere ad un urto in maniera flessibile.

La stessa calzante metafora, in psicologia, è utilizzata per indicare la capacità di un soggetto di resistere ad eventi stressogeni per ottenerne esiti positivi. Facile a dirsi, più difficile a farsi.

La prolungata esposizione ad eventi catastrofici sta prepotentemente influenzando il nostro modo di vivere, pensare ed agire.

Una volta coricati, non distinguiamo più una lieve scossa sismica dal nostro battito cardiaco o non conosciamo più, da tempo, il piacere di una doccia rilassata senza il pensiero di come poter fuggire nel più breve tempo possibile.

Questa sopportazione costante e rassegnata genera pensieri e, in alcuni casi sintomi, che non possono che determinare un significativo cambiamento nei nostri meccanismi cognitivo-comportamentali, conducendoci a pensare che non ci sia alcun modo di attenuare questo stato di cose.

Aumenta, quindi, in noi in maniera esponenziale, il potere dell’emozionalità negativa a sfavore di quella positiva, i cui benefici sono ormai completamente accertati da recenti ricerche trasversali che mettono in rilievo l’effetto dannoso delle emozioni negative sulla risposta neurofisiologica ed immunitaria del corpo umano.

A tal proposito, secondo la Broaden and Built Theory (Fredrickson, 1998), mentre le emozioni negative restringono il repertorio di possibili risposte comportamentali ad un evento stressante, quelle positive ampliano il repertorio di possibili azioni, facilitando la messa in atto di  comportamenti più funzionali ed adattivi.

Secondo questa teoria, inoltre, le emozioni positive avrebbero un effetto “undoing” su quelle negative, in quanto ridurrebbero l’effetto delle emozioni negative a livello psicologico e fisiologico.

Ne risulta che fronteggiare eventi particolarmente stressanti come quelli che si susseguono in questi giorni nel nostro territorio, è un processo altamente complesso che richiede sforzo, impegno ed un elevato controllo emotivo, estremamente significativo per la nostra crescita psicologica.

E’ importante, specialmente nei casi di “doppia emergenza”, favorire una resilienza collettiva, attraverso pensieri di supporto, empatia, vicinanza.

Ma il ruolo dell’emozionalità positiva non finisce qui.

Le emozioni positive orientano anche la scelta della strategia di coping, ovvero la selezione delle modalità del soggetto di rispondere ad eventi stressogeni (interni o esterni) in modo adattivo.

In psicologia esistono due principali tipologie di coping: quella focalizzata sul problema ed il coping  focalizzato sulle emozioni.

La prima si riferisce ad una situazione di vita modificabile, nel quale il soggetto può attivare una strategia di problem solving al fine di superare la situazione problematica.

Il coping focalizzato sulle emozioni, invece, si riferisce alle situazioni di vita non modificabili. In questo caso il soggetto può intervenire soltanto sulla propria regolazione emotiva, attraverso la modulazione della loro espressione o impatto grazie anche alla ricerca di supporto sociale, essenziale in presenza di eventi catastrofici.

Proviamo a vederla così: favorire il riadattamento a nuove situazioni di vita, anche spiacevoli, permette al nostro organismo di ristabilirsi ad un nuovo livello superiore (allostasi) e di prepararsi in maniera più rapida e adattiva ad altre situazioni di vita che richiedano sforzo di riadattamento.

E’ un po’ come pensare che se la tempesta non si placherà, placheremo noi stessi e la tempesta sarà finita.


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

di Alberto Premici

OFFIDA – A completare il quadro fortemente critico che da giorni soffrono gli offidani, a causa delle abbondanti nevicate, ora si aggiunge anche il terremoto, con il suo carico di angoscia e insicurezza. La prima scossa è stata avvertita stamattina alle 10.25, la seconda alle 11,14 e l’ultima alle 11,26, con magnitudo tra i 5,1 e 5,4, ed epicentri tra L’Aquila e Rieti. Il terremoto è in continuità con quello del 24 agosto, attivato dallo stesso sistema di faglie. Il sisma è stato avvertito in tutto il centro / centro sud, da Ravenna a Foggia. La terra continua a tremare e gli esperti prevedono uno sciame sismico che potrebbe durare per giorni o settimane. Al momento sono segnalati molti crolli nelle zone già colpite dai precedenti terremoti.

A Roma evacuata la metro ed alcuni uffici pubblici. Il sindaco di Arquata, Petrucci, segnala che alcuni allevatori della zona da stamattina non sono rintracciabili. Ad Amatrice è crollata del tutto la torre della Chiesa S.Agostino, per mesi simbolo di speranza e ricostruzione. Requisiti i trattori privati per raggiungere le zone isolate. Ad Ascoli Piceno crollato un muro di contenimento in zona Monticelli ed evacuato il Tribunale. Il Sindaco Castelli invoca l’intervento dell’Esercito. Evacuate le scuole a San Benedetto del Tronto.

Il Sindaco di Offida Lucciarini, nel definire la situazione “difficilissima”, invita i cittadini “a trovare dentro ognuno di noi la forza di reagire e di resistere a tutto questo”. I mezzi comunali e le ditte coinvolte, continuano senza sosta a liberare le strade urbane e periferiche. Si raccomanda di usare auto e mezzi solo se strettamente necessario e non lasciarle in sosta per non ostacolare le operazioni di pulizia e sgombero.

Per EMERGENZE chiamare i seguenti numeri +39 333 3335729 + 3386276854

Purtroppo ci sono ancora zone dell’offidano e di numerosi comuni del comprensorio piceno, senza energia elettrica o comunque con fornitura intermittente. Questo peggiora la situazione dei cittadini, già molto difficile. L’ENEL comunica: Marche: 23.000 utenze disalimentate concentrate principalmente nelle Province di Ascoli Piceno e Fermo. Vista la situazione in atto con precipitazioni ancora in corso si prevede la ripresa del servizio per i centri abitati di maggiori dimensioni entro la giornata odierna. Per informazioni sul servizio elettrico è sempre attivo il call center di e-distribuzione al numero verde 803 500 ed il sito internet http://www.e-distribuzione.it.

Unica nota positiva è un modesto rialzo delle temperature che favorisce un seppur minimo scioglimento dell’abbondante manto nevoso ancora presente. Le previsioni per i prossimi giorni purtroppo non sono molto rassicuranti.

ore 12.55 – rintracciati e messi in salvo 12 dei 15 allevatori dati per dispersi ad Arquata.

Ore 14.00 – il Viminale comunica che al momento non si segnalano vittime dopo le scosse di stamattina.

Ore 14.10 – Ceriscioli: “Qui è una catastrofe. Occorrono turbine dalle regioni del Nord”. “E’ una catastrofe perché all’emergenza che viviamo da agosto si è aggiunta la neve e le scosse di oggi creano una situazione catastrofica sulle strade. Il combinato neve e terremoto ha creato anche il rischio slavine, la mancanza di corrente elettrica mette in difficoltà migliaia di famiglie che non sanno dove stare, i sindaci chiedono mezzi per uscire dall’isolamento, alcune realtà soprattutto le frazioni, risultano isolate. Un appello quindi alle Regioni, specie quelle del nord che hanno competenze: servono mezzi e turbine per liberare i posti dalla neve alta, c’è il problema degli alberi caduti che intralciano il lavoro dei mezzi spalaneve, servono squadre per toglierli. E poi importante che Enel faccia di tutto per ripristinare la corrente elettrica e i sindaci abbiano in queste ore quale priorità il collocamento delle persone e portarle in posti caldi e sicuri per trascorrere la nottata. Si è mobilitato l’esercito e l’Anas a livello nazionale, facciamo presente che c’è davvero grande necessità ed è urgente la massima mobilitazione”.

Ore 14.34 – altra violenta scossa in questo momento.

148482759992273

(Frazione Colle di Ascoli Piceno)

Ore 15.00 – Il presidente della Regione Marche ha fatto avvisare tutti i sindaci affinché accolgano le persone che hanno paura a dormire in casa a causa del terremoto. ”La popolazione che non può o non vuole rimanere in casa – si legge in una nota della Regione – dovrà necessariamente essere accolta in strutture ricettive locali o in strutture alberghiere. Per le strutture alberghiere si può inviare una mail all’indirizzo alloggiamenti.dicomac@protezionecivile.it

Il Sindaco di Offida comunica che si sta predisponendo l’allestimento delle strutture comunali per ospitare i cittadini che non intendono passare la notte nelle proprie abitazioni.

– Palazzetto dello Sport “G. Vannicola”

– Casa del Quartiere “San Barnaba”

– Circolo Belvedere

– Casa del Quartiere “Borgo Miriam”

– Casa del Quartiere “Santa Maria Goretti” circolo Elio Fabrizi

17.15 – in arrivo nelle Marche, contingenti della Protezione Civile da Trentino, Veneto ed Emilia Romagna. Sono ancora 29.000 le utenze prive di energia elettrica soprattutto nell’ascolano. Non si segnalano vittime. Continua intanto lo sciame sismico dopo le tre forti scosse nella mattinata. Secondo l’INGV la sequenza di 4 sismi di magnitudo superiore a 5, nell’arco di tre ore, è un evento straordinario. L’Esercito sta rafforzando la sua presenza nei territori colpiti. Annullato per domani il tradizionale mercato del giovedì in Offida.

Ore 18.40 – SITUAZIONE INTERRUZIONE ENERGIA ELETTRICA e VIABILITÀ – Comunicato del Sindaco di Offida, Valerio Lucciarini.

La situazione, come è facile comprendere, è di straordinaria difficoltà. Gran parte dei Comuni del comprensorio sono senza corrente elettrica oramai da oltre due giorni a causa dei grossi danni subiti dalle precipitazioni nevose che hanno coinvolto parte della Regione di Marche e parte della Regione Abruzzo. Il lavoro straordinario degli elettricisti e dei dipendenti della società Energie Offida (e anche grazie al secondo punto di consegna di Santa Maria Goretti) è stato fondamentale per il ripristino dell’energia elettrica in gran parte del territorio comunale. Si continua a lavorare per il ripristino di zone ancora non servite: San Lazzaro e parte del Ciafone.

Per la giornata di domani c’è la necessità di potenziare gli interventi di manutenzione straordinaria delle reti ingaggiando forza lavoro esterna. È stata individuata ed incaricata, a supporto, un’altra azienda elettrica privata, proveniente dalla provincia di Perugia. Sicuramente le zone sopra indicate saranno costrette all’emergenza per ulteriori ore.

Tutte le strade comunali segnalate sono, al momento, transitabili.

Le previsioni delle prossime ore non sono beneauguranti: pare che seguiranno ancora precipitazioni nevose, circostanza che non aiuta in questa fase di emergenza straordinaria.

Per segnalare situazione di emergenza contattare i seguenti numeri telefonici della Protezione Civile Comunale:333.3330124 – 333.3335729

Ore 20.33 – un’altra scossa di terremoto avvertita distintamente in tutto il territorio di Offida.

19 gennaio 2017

ore 8.46 – Il Sindaco di Offida comunica: “Stiamo cercando di reperire gruppi elettrogeni da acquistare per poterli mettere a disposizione gratuitamente delle famiglie senza energia elettrica. Il reperimento non è facile data la straordinaria richiesta proveniente sopratutto dai territori abruzzesi ma stiamo continuando a contattare più fornitori possibili. Crediamo che sia necessario fare tale investimento per fronteggiare ad una situazione di emergenza di tale portata. Nel frattempo si continua a lavorare per il ripristino delle linee di media e di bassa tensione. Speriamo che entro la giornata di oggi tutte le famiglie potranno essere di nuovo servite da energia elettrica o con la distribuzione ordinaria oppure con i gruppi elettrogeni che riusciremo a reperire”.

Per esigenze di prima necessità (consegna medicinali, generi alimentari) contattare i seguenti numeri: 0736.888708 – 334.1645665. Sarà effettuata consegna a domicilio.

Non si ferma lo sciame sismico; nella notte altre 80 piccole e medie scosse. Raggiunti dai soccorritori i superstiti nell’Hotel di Rigopiano colpito dalla slavina: “Ci sono molti morti”.

Ancora interrotta al traffico la SS.Salaria nel tratto tra Acquasanta e Arquata del Tronto. Sono ancora molte le zone nel piceno prive di energia elettrica.

Ore 12.30 – OFFIDA. In corso verifiche strutturali ai plessi scolastici. Ci sono ancora zone senza energia elettrica; si stanno reperendo gruppi elettrogeni per dare soluzione ai disagi. Problemi potrebbero verificarsi a causa dello sciogliendo della massa nevosa, presente in tetti, terrazzi e tettoie, oltre che ai margini delle strade. Laddove possibile, si consiglia di alleggerire le coperture dal carico neve.

La Protezione Civile ha diramato una nota con alcuni consigli da seguire in caso di terremoto.

Dispersa la coppia di Castignano nel crollo dell’Hotel di Rigopiano; alcune fonti danno i due ragazzi per deceduti. il numero delle vittime è purtroppo destinato a salire. Si tratta di Marco Vagnarelli e Paola Tomassini, questi i nomi dei due giovani; i familiari non hanno notizie da ieri pomeriggio. I due si trovavano nella località abruzzese per una vacanza di due giorni e stavano per ripartire alla volta del Piceno. Vagnarelli è un dipendente dell’Ariston, mentre la compagna, originaria di Montalto Marche, lavora per la società Autogrill.

4870d7a0d918ff49925546a241de1a491-u20437913222vi-835x437ilsole24ore-web

(La hall dell’hotel Rigopiano (Pescara) all’arrivo dei soccorritori)

Ore 13.25 – le frazioni ancora isolate sono al momento 56 nell’ascolano, tutte le frazioni di Montefortino e Amandola nel fermano, molte frazioni di Bolognola, Pieve Torina, Visso, Fiastra, Penna San Giovanni, Cessapalombo, Fornace, Camerino, Sarnano, Gualdo, Ussita, Fiordimonte nel maceratese. Riattivate 9mila utenze ne rimangono ancora 21mila. L’Enel sta lavorando sul piano di rientro.

RIschio R4 valanghe a Bolognola. Il sindaco ha predisposto l’evacuazione di 60 persone che saranno trasferite in hotel. Mezzi attualmente al lavoro oltre a quelli previsti dai piani antineve dei singoli Comuni:
Provincia di Ascoli
1 turbina, 44 spazzaneve, 5 ditte con ruspe gommate
Provincia di Fermo
20 ditte specializzate su 20 comprensori con 30 spazzaneve e 6 ruspe gommate
Provincia di Macerata
50 ditte private impegnate con 100 mezzi, 5 turbine, 20 autocarri trattori

Il Comitato operativo regionale Marche riunito in modo permanente ha organizzato la ripartizione delle squadre provenienti da fuori regione operative domani mattina: Bolzano 1, Bolzano 2, Emilia Romagna, Veneto e Lombardia, provincia di Pesaro Urbino e Confservizi con 11 ditte.

Ore 13.28 – COMUNICAZIONE SCUOLA. Verificata la tenuta dal punto di vista strutturale dei plessi scolastici che non hanno subìto alcun accenno di problematica a seguito delle recentissime scosse sismiche, è invece necessario un ulteriore e puntuale approfondimento dal punto di vista impiantistico e di accessibilità logistica. 

A tal proposito sono SOSPESE le attività didattiche di tutte le scuole di ogni ordine e grado per la giornata di domani, venerdì 20 gennaio 2017. Il servizio nido d’infanzia “La Baia di Peter Pan” sarà regolarmente attivo da domani.

Ore 15.00 – si registrano diversi crolli di coperture leggere in molte zone del Piceno. Ad Ascoli quella del circolo tennis “Piceno”, in zona stadio. Ad Acquasanta il Centro Pastorale.

ore 16.00 – L’ENEL comunica che, entro sera, le circa 10.000 utenze delle Marche, attualmente prive del servizio di energia elettrica, saranno ripristinate. Per un completo funzionamento occorrerà poi attendere i tempi tecnici per la riparazione dei danni presenti nelle linee di bassa e media tensione.

Ore 17.30 – INFO: le famiglie coinvolte dalla lunga interruzione di energia elettrica nelle Regioni colpite dal maltempo, potranno accedere agli indennizzi automatici già previsti dalla legge e regolamentati dai provvedimenti dell’Autorità per l’energia.  http://www.autorita.energia.it/it/com_stampa/07/cs_070716.htm

Ore 18.14 – #OFFIDAEMERGENZA Avviso n. 4 del 19.01.2017

Il reperimento dei gruppi elettrogeni, per tutte le famiglie ancora senza energia elettrica che non si sono potute organizzare autonomamente per la giornata di oggi, abbiamo verificato quanto sia impresa impossibile a causa delle enormi richieste da parte dei privati e, in particolare, delle aree abruzzesi.

Mettiamo in campo un’altra forma di sostegno e aiuto per coloro che non se la sentono di passare un’altra notte senza corrente elettrica nelle proprie abitazioni, ospitando le famiglie che lo volessero in strutture ricettive (pensioni, agriturismi, b&b, affittacamere) del territorio comunale. Zona Grifoli, strada Paradisi, una parte residuale di zona Ponticelli sono le zone che saranno ancora sfornite di distribuzione di corrente, fino a domani mattina (termine previsto per il definitivo ripristino). Quindi coloro che volessero usufruire di questo servizio possono contattare i seguenti numeri telefonici: 0736.888708 – 334.1645665

Ore 21.40 – (ANSA) – Il consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti di governo, dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l’estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell’eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.

Venerdi 20 gennaio

Ore 11.45 – Ultim’ora: trovate vive sei persone nell’hotel Rigopiano. I soccorritori sono in contatto con i sei con i quali hanno più volte parlato, ma al momento i superstiti sono ancora sotto le macerie.

Ore 13.00 – Sono 6 i superstiti, di cui 2 bambini, dell’Hotel Rigopiano estratti dalle macerie, dei 35 presenti. Alcuni già trasportati in ospedale a Pescara e l’Aquila con gli elicotteri, ma sono tutti in buone condizioni. Straordinaria l’opera e la determinazione dei soccorritori. Offida: alcuni anziani delle zone colpite sono stati accolti nella RSA di Offida e visitati dal personale medico. Ancora 35 frazioni isolate nell’ascolano. Il Sindaco: “Enel: possibili distacchi in giornata anche in utenze già ripristinate ad Offida, per lavori di riattivazione. In caso di distacchi chiamare 803500”.

Ore 16.00 – OFFIDA: A fronte delle preventive verifiche e dei relativi interventi di ripristino per ciò che concerne la mobilità logistica e l’attività impiantistica, domani SABATO 21 gennaio 2017, l’attività didattica di tutte le scuole di ogni ordine e grado, riprenderà regolarmente. Il servizio di scuolabus sarà attivo come da orari ordinari pianificati.

Sabato 21 gennaio 

Ore 14.00 – AVVISO – Il lavoro di ripristino della energia elettrica che si sta effettuando per la ridistribuzione nelle zone ancora disalimentate, potrà determinare l’interruzione, per qualche minuto, della corrente elettrica nelle zone già alimentate. So che è difficile, dopo aver trascorso tanto tempo senza il servizio, ma cerchiamo di portare ulteriore pazienza per pochi minuti: è il minimo contributo di solidarietà che possiamo rappresentare a chi, da troppi giorni, non ha “luce” e che si accinge a riaverla in modo ordinario. (Il Sindaco)

Curcio: “Hotel Rigopiano: 2 vivi ancora da estrarre. Bilancio: 9 già salvati, 5 vittime, 23 dispersi”. Una nuova scossa di magnitudo 3.8 e’ stata registrata dai sismografi della Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia alle ore 10,35, al confine tra Lazio e Umbria, in territorio del comune di Accumoli. La scossa, che si e’ propagata ad una profondita’ di 10 chilometri, e’ stata avvertita distintamente ad Amatrice e Accumoli, e in tutti i comuni del cratere laziale del sisma. Avvertita anche in Offida.

Ore 19.30 – Tutte le frazioni marchigiane isolate nei giorni scorsi dalla neve sono state raggiunte. Mancano da luberare poche frazioni nell’ascolano. Hotel Rigopiano: 11 persone tratte in salvo. 23 dispersi.

24 gennaio 2017: Ultim’ora: purtroppo confermato il decesso Marco Vagnarelli e Paola Tomassini; la coppia di Castignano è tra le vittime estratte oggi dalle macerie dell’Hotel Rigopiano.

    

SEGUIRANNO AGGIORNAMENTI (redazione Ophis News)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

offida-gennaio-2017

OFFIDA – Le strade principali sono transitabili con gomme termiche o catene. I dipendenti di Energie Offida e l’ENEL stanno continuando a lavorare per il ripristino della corrente elettrica in alcuni tratti mancante.

Il servizio del nido d’infanzia “La Baia di Peter Pan” è sospeso fino a nuova comunicazione. Tutte le scuole di ogni ordine e grado saranno chiuse per le giornate di domani, mercoledì 18.01.2017, e di giovedì 19.01.2017.

Il Sindaco raccomanda di usare le auto solo se strettamente necessario e non lasciarle in sosta per non ostacolare le operazioni di pulizia e sgombero. Per EMERGENZE chiamare i seguenti numeri +39 333 3335729 + 3386276854

ore 12.30: la situazione è critica. Il Sindaco comunica di non avere notizie dall’Enel che sta lavorando su un guasto che coinvolge vari comuni del comprensorio che si trovano senza energia elettrica ormai da tre ore.

ore 13.40: ripristinata la corrente elettrica in alcune zone dell’offidano. I mezzi continuano a pulire le strade centrali e periferiche per garantire un minimo di viabilità. In alcuni punti la coltre nevosa ha raggiunto 80/100 cm.

Situazione critica nelle aree colpite dal sisma. Ascoli-Mare temporaneamente bloccata per incidente. La Salaria interrotta all’altezza di Acquasanta terme. Nel vicino Abruzzo 90.000 utenze senza energia elettrica.

ore 14.20 – la neve sembra dare tregua. Il modesto rialzo della temperatura, ha generato una pioggia provvidenziale che agevola un seppur minimo scioglimento dell’abbondante manto nevoso.

ore 16.00 – ancora 12.000 utenze senza corrente elettrica in provincia di Ascoli Piceno. L’Enel ha mobilitato squadre di tecnici anche da fuori regione per ripristinare il servizio. Alcuni comuni hanno richiesto l’intervento dell’esercito per le situazioni più critiche. Molte zone dell’offidano, incluso il centro, sono ancora senza corrente. Riaperta la Salaria. In alcune zone dell’entroterra il manto nevoso ha superato i 150cm come a Montemonaco.

AVVISO: ENEL – Marche: 23.000 utenze disalimentate concentrate principalmente nelle Province di Ascoli Piceno e Fermo. Vista la situazione in atto con precipitazioni ancora in corso si prevede la ripresa del servizio per i centri abitati di maggiori dimensioni entro la giornata odierna. Per informazioni sul servizio elettrico è sempre attivo il call center di e-distribuzione al numero verde 803 500 ed il sito internet http://www.e-distribuzione.it.

(seguiranno aggiornamenti)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

OFFIDA – A causa delle precipitazioni nevose, previste anche per le prossime ore, il Sindaco ha disposto, con propria ordinanza, la chiusura di tutte le scuole, di ogni ordine e grado per la giornata di lunedì 16 e martedì 17 gennaio 2017

Per le necessarie procedure di sgombero neve, al fine di garantire la mobilità degli autoveicoli (adeguatamente provvisti di gomme termiche o catene) sulle strade comunali, la macchina organizzativa di intervento del Comune di Offida sarà operativa dalle ore 04.00 di lunedi 16.

Anche la Provincia di Ascoli Piceno ha comunicato che sarà attiva di buon ora, con i propri mezzi adibiti allo sgombero, per consentire la viabilità anche sulle strade di competenza provinciale.

Ore 21:50 – Al fine di prevenire l’accumulo che rallenterebbe i tempi di sgombero in precedenza programmati per le prossime ore, un mezzo spazzaneve è già operativo.

Martedì 17 Gennaio

Giornata caratterizzata da nevicate. Durante la giornata la temperatura massima verrà registrata alle ore 21 e sarà di 2°C, la minima di 1°C a mezzanotte, lo zero termico più basso si attesterà a 350m alle ore 8 e la quota neve più bassa, 0m, a mezzanotte. I venti saranno sia al mattino che al pomeriggio moderati provenienti da Nord con intensità tra 27km/h e 33km/h, alla sera moderati da Nord-Nord-Est con intensità tra 27km/h e 37km/h. La visibilità più ridotta si avrà alle ore 14 e sarà di 590m. L’intensità solare più alta sarà alle ore 11 con un valore UV di 0, corrispondente a 66W/mq.

 “Tra lunedì e martedì – dicono gli esperti – la depressione mediterranea verrà ulteriormente rinvigorita da un altro impulso freddo, questa volta di origine artica, in discesa dal nordovest della Russia, con una conseguente prosecuzione della fase di maltempo sull’Italia Centro Meridionale almeno fino a giovedì”. 

Scuole chiuse anche a Folignano, Maltignano, Force e Venarotta e in vari altri centri della provincia. 

Per l’emergenza maltempo sono state aperte nelle Marche tre Sale operative provinciali (Soi): a Macerata, Fermo, e Ascoli Piceno. 

Nella giornata di domani martedì 17 gennaio l’Asilo nido di OFFIDA “La baia di Peter Pan” sarà regolarmente aperto.


17.01.2017: 


Le strade principali sono transitabili con gomme termiche o catene. I dipendenti di Energie Offida stanno continuando a lavorare per il ripristino della corrente elettrica in alcuni tratti mancante.

Il servizio del nido d’infanzia “La Baia di Peter Pan” è sospeso fino a nuova comunicazione.

Tutte le scuole di ogni ordine e grado saranno chiuse per le giornate di domani, mercoledì 18.01.2017, e di giovedì 19.01.2017.

N.B. Uscire con l’automobile SOLO SE STRETTAMENTE NECESSARIO. NON LASCIARE AUTO IN SOSTA PER NON OSTACOLARE LE OPERAZIONI DI SGOMBERO

Per EMERGENZE chiamare i seguenti numeri +39 333 3335729 + 3386276854

 

#Offidaemergenzaneve 

La situazione è critica. Non abbiamo notizie dall’Enel che sta lavorando su un guasto che coinvolge vari comuni del comprensorio che si trovano senza energia elettrica oramai da tre ore.



Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet


senza-nome

 La Protezione civile ha diffuso un avviso di condizioni meteo avverse dalla mattinata di domani, quando sono attese deboli nevicate sulla fascia appenninica e alto-collinare con limite della neve attorno ai 500-600m. Dal pomeriggio di domenica sono previsti fenomeni in intensificazione e graduale calo della quota neve fino a 200m e occasionalmente a quote di pianura. A fine giornata le cumulate nevose saranno moderate nella fascia appenninica e deboli sulla fascia collinare e costiera. Per lunedì 16 sono previste nevicate fino a 100-200m e occasionalmente a livello del mare con cumulate tra deboli e moderate.

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

Il maltempo di questi giorni, unito al picco influenzale e altri fattori stagionali ha provocato un grave carenza di sangue in alcune regioni italiane, con oltre 2600 unità di globuli rossi mancanti negli ospedali. Lo affermano i dati del Centro Nazionale Sangue (CNS), che ha inviato alle Strutture regionali per i coordinamento delle attività trasfusionali (SRC)  l’invito a coordinarsi con le associazioni di donatori per far fronte all’emergenza. 
La regione con le maggiori carenze è il Lazio ma situazioni critiche si registrano, secondo i dati aggiornati ad oggi, in Abruzzo, Toscana, Campania, Basilicata, Liguria, Umbria, Marche, Lazio e Puglia. “Le cause della carenza sono multifattoriali – afferma Giancarlo Maria Liumbruno, direttore del Centro Nazionale Sangue –, ma sicuramente può aver inciso l’epidemia influenzale che, complice il calo delle vaccinazioni, ha già colpito molte più persone rispetto allo scorso anno, e si può ipotizzare che anche il maltempo stia tenendo a casa i donatori. La mobilitazione deve riguardare però, sotto il coordinamento e la programmazione, anche in urgenza, delle SRC e del CNS, tutte le regioni, non solo quelle che hanno carenze; l’autosufficienza per quanto riguarda il sangue, infatti, è sovraziendale e sovraregionale e in questi casi diventa vitale la compensazione coordinata tra regioni”. La carenza di sangue, sottolineano le associazioni di donatori, può mettere a rischio l’esecuzione di interventi chirurgici e di terapie per pazienti con malattie come la talassemia che necessitano di continue trasfusioni. L’invito per tutti i donatori è contattare l’associazione di appartenenza o il Servizio Trasfusionale di riferimento per programmare una donazione. “Le Associazioni e Federazioni dei donatori di sangue – sottolinea Aldo Ozino Caligaris, portavoce protempore del CIVIS (Coordinamento Interassociativo dei Volontari Italiani del Sangue) – devono intensificare la chiamata dei donatori periodici e associati sulla base di quanto concordato con le Strutture Regionali di Coordinamento attraverso una programmazione straordinaria per cercare di sopperire alle necessità contingenti. È inoltre fondamentale il coinvolgimento di nuovi volontari che possano garantire in maniera costante la disponibilità di emocomponenti, al fine di assicurare la necessaria terapia trasfusionale ai cittadini che ne hanno bisogno”.

(Fonte: Centro Nazionale Sangue)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

OFFIDA – Giovedì 12 gennaio all’Enoteca regionale, alle ore 10:30, i ragazzi le classi 4° e 5° di Offida e Castorano riceveranno il premio “Gesti Soli… dali”. Il concorso è stato organizzato dalla P.A. Croce Verde di San Benedetto del Tronto, con l’intento di diffondere ed esaltare nella scuola, la cultura del volontariato e l’importanza dei valori etici, sociali, e soprattutto della solidarietà umana.

La partecipazione al bando prevedeva la stesura di un testo scritto e la realizzazione di 2 disegni disegni relativi al testo e gli elaborati vincitori sono stati utilizzati come grafica per il nuovo calendario relativo all’anno 2017. Le classi che hanno partecipato all’iniziativa riceveranno una copia del calendario e un buono di 100 euro, da consumarsi presso la Libreria Mondadori-Zelig srl, di San Benedetto del Tronto. La premiazione avverrà alla presenza dei sindaci Valerio Lucciarini e Daniel Claudio Ficcadenti, il presidente della P.A. Croce Verde, Maurizio Galieni, e il personale inviato da Estra, che ha finanziato il concorso.

#Offidaemergenzamaltempo 

Avviso n. 1 del 10/01/2017

Per la giornata di domani, mercoledì 11 gennaio, le scuole di ogni ordine e grado del comune di Offida saranno regolarmente aperte.

(Red)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

OFFIDA – L’Amministrazione comunica che a far data dal 24 dicembre 2016, a seguito dell’adozione della Legge n. 229 del 15/12/2016, pubblicata in GU il 17/12/2016, si è provveduto ad inserire d’ufficio, nell’Anagrafe Regionale Centralizzata Assistiti (ARCA), il codice T16 per tutti i residenti nei comuni dell’Allegato 2 alla legge 229/2016, ad eccezione dei residenti nel Comune di Ascoli Piceno. Pertanto, considerato che ciascun medico di Assistenza primaria può visualizzare il codice di esenzione automaticamente nei sistemi gestionale anzidetti, si precisa che devono recarsi allo sportello per usufruire dell’esenzione solo i residenti nel Comune di Ascoli Piceno e i soggetti residenti in Comuni marchigiani diversi da quelli individuati, al fine di produrre la documentazione attestante l’avvenuta richiesta di verifica di agibilità dell’abitazione di residenza, nonché i soggetti in soggiorno temporaneo nei Comuni individuati. (Red)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

​OFFIDA – Il 16 gennaio 2017 scade il termine utile per la presentazione delle domande di sopralluogo di agibilità per gli edifici lesionati dal sisma. Il 28 dicembre è stata firmata una circolare che fornisce indicazioni sulla prosecuzione dei sopralluoghi di agibilità coordinati dalla Dicomac, in base all’ ordinanza n. 422/2016. La Circolare fissa la scadenza del 16 gennaio 2017 quale termine inderogabile per presentare le richieste di verifica agibilità. L’OCDPC n. 422 fornisce le indicazioni per velocizzare la gestione dei sopralluoghi sugli edifici e avviare la ricostruzione, prevede che in caso di esito della scheda FAST di “inutilizzabilità”, i cittadini possano incaricare un tecnico di fiducia (geometri, architetti, ingegneri, ecc) che provvede a compilare la scheda Aedes dell’edificio, corredata di perizia giurata e relazione sul nesso di casualità ‘‘danno-evento’’ (Ordinanza Commissario Straordinario n. 10 del 19/12/2016). 

73056_circolare_post_422_SIGeD_2016122815316.pdf: Circolare

(Red)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

“In questi giorni si registra nelle Marche, come nelle altre regioni italiane, una richiesta crescente per il vaccino antimeningococcico da parte della popolazione non coinvolta nell’offerta vaccinale gratuita. Richieste che non corrispondono ad un reale incremento dei casi di meningite meningococcica nella nostra regione, dove, al contrario si è registrato un numero inferiore di casi di meningite meningococcica negli ultimi anni”. Lo segnala il servizio Sanità pubblica della Regione Marche che informa tra l’altro: “In questi giorni agli adulti per cui le vaccinazioni antimeningococciche non sono previste né raccomandate, la Regione Marche offre comunque la possibilità di accedere alle vaccinazioni con la formula del co-pagamento: il costo del vaccino, a carico del cittadino, è pari al prezzo di acquisto sostenuto dall’ASUR. Inoltre, vista la anomala e imprevista richiesta di vaccinazioni, per evitare lunghe attese ai cittadini e per organizzare al meglio il lavoro degli operatori, si ricorda che i cittadini possono prenotare utilizzando il numero di telefono dei servizi vaccinali di riferimento della provincia di appartenenza. Per quanto riguarda i bambini, l’invito rivolto a tutti i genitori è quello di rispettare il calendario vaccinale e sottoporre i figli a tutte le vaccinazioni raccomandate e offerte gratuitamente, seguendo le indicazioni dei Servizi vaccinali dell’ASUR e del proprio pediatra.” “Nelle Marche quasi 25 genitori su 100 nel corso del 2015 hanno rifiutato l’offerta attiva e gratuita della vaccinazione contro il meningococco C. Lo stesso vaccino per cui al momento si sta registrando tanta richiesta da parte della popolazione. Vaccinare i bambini significa anche ridurre la circolazione dei batteri che possono causare casi di malattia negli adulti e negli anziani”, ricordano gli esperti. I batteri che più frequentemente causano la meningite sono lo pneumococco, il meningococco e l’haemophilus influenzae (batterio da non confondere con il virus influenzale). Già dal 2010 la Regione Marche ha inserito, nel proprio calendario vaccinale, le vaccinazioni antimeningococcica e antipneumococcica per i nuovi nati e vaccina, da molti anni, i bambini con l’esavalente. Un vaccino che – oltre a proteggere da malattie come poliomielite, epatite b, tetano, difterite e pertosse – assicura protezione anche dalle meningiti causate da haemophilus influenzae. Ogni anno nelle Marche vengono registrati, nel sistema informativo, da 0 ad 8 casi di meningite da meningococco; nel 2016 ne sono stati registrati 6. Nei sei anni (2000–2006) precedenti l’avvio della offerta vaccinale ai nuovi nati, sono stati registrati complessivamente 30 casi di meningite da meningococco. Negli ultimi 6 anni (2010-2016) i casi complessivi sono stati 19, con una riduzione del 40%, anche grazie alle vaccinazioni che vengono offerte attivamente e gratuitamente a tutti i bambini. Si precisa che per i residenti nei comuni colpiti dal sisma anche queste prestazioni sono gratuite. (Fonte: Regione Marche)


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

OFFIDA – Venerdì 6 gennaio 2017, alle ore 16:00 in Piazza del popolo Offida, organizzato dalla Pro Loco e dall’Amministrazione Comunale “La Befana in piazza…”, spettacolo di animazione, Re Magi, Befana, tombola di beneficenza. (red)

PS: Causa maltempo La Befana si svolgerà presso l’ENOTECA REGIONALE, venerdì 6 gennaio ore 16:00.


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet

OFFIDA – Con il nuovo anno inizia la gestione del servizio di distribuzione del gas metano nel Comune di Offida  da parte  di Centria Reti Gas società del Gruppo Estra, che si è aggiudicata il bando di gara per l’acquisto della rete del metano indetto dal Comune di Offida. Con il nuovo gestore per i cittadini di Offida cambia il numero verde di pronto intervento in caso di guasti e fughe gas che dal 1° gennaio 2017 è l’800 978 910. Il servizio, gratuito,  è attivo 24 ore su 24 e tutti i giorni dell’anno. Rimangono invariati i contatti e le sedi degli uffici aziendali a Offida. (red)


Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet