Sisma Regione Marche, provvedimenti e iniziative

COMMERCIO – Con decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 154 del 30 novembre 2016, concernente gli interventi a carattere d’urgenza conseguenti all’eccezionale evento sismico che ha colpito la Regione Marche, sono state approvate deroghe, al settore del commercio, per i Comuni inseriti nel cratere. DECRETO

DONAZIONI – Al 24 ottobre 2016 risultano pervenuti 240.083,43 euro di donazioni al conto corrente postale numero 001034116044 a favore dei territori marchigiani colpiti dal sisma del 24 agosto 2016. E’ stato aperto dalla Regione un conto corrente postale per la raccolta dei fondi a favore delle popolazioni marchigiane colpite dal sisma del 24 agosto 2016. La Regione Marche ringrazia per le numerosissime dimostrazioni di solidarietà che stanno arrivando in questi giorni, anche dall’estero. Per l’Italia è attivo il numero 45500 (donazioni di 2 euro via sms) su richiesta del Dipartimento della Protezione Civile, d’intesa con le Regioni colpite e grazie agli operatori di telefonia mobile e ai media. Valido anche per l’estero il conto corrente postale:  INTESTAZIONE CONTO CORRENTE POSTALE: REG. MARCHE DONAZ.FAVORE TERRITORI MARCHE COLPITI SISMA 24 AGOSTO 2016 – NUMERO CONTO: 1034116044 – IBAN: IT-17-Y-07601-02600-001034116044 – COD. BIC/SWIFT per i BONIFICI DALL’ESTERO: BPPIITRRXXX – DONAZIONE ON-LINE – E’ possibile effettuare donazioni direttamente on-line tramite la piattaforma regionale Mpay  –  Donazioni On-line sisma Marche

SOPRALLUOGHI TECNICI – Richiedere un sopralluogo in edifici privati. È possibile richiedere un sopralluogo al COC o al Comune, compilando il seguente modulo (100 Kb). Subito dopo la scossa del 24 agosto, sono state avviate le verifiche speditive sugli edifici da parte della Protezione Civile Regionale le verifiche di agibilità sugli edifici pubblici prioritariamente sugli edifici scolastici e successivamente sugli edifici privati prime abitazioni svolte da squadre di tecnici abilitati. I sopralluoghi avvengono secondo una metodologia univoca per tutta Italia con scheda “AeDES ” per la rilevazione di 1° livello di rilevamento danno, pronto intervento e agibilità per edifici ordinari nell’emergenza post-sismica. I sopralluoghi vengono svolti e le schede vengono compilate da rilevatori accreditati in Dicomac – Dipartimento Comando e Controllo Protezione Civile Nazionale . Questi tecnici devono essere stati formati in uno dei corsi sulla “Valutazione di agibilità e rilievo del danno”, organizzati secondo lo standard condiviso col Dipartimento della Protezione Civile. Solo per i dipendenti pubblici o per il personale dei centri di competenza – che non abbiano seguito i corsi – è necessario avere la qualifica di esperto e quindi aver partecipato a campagne di rilievo del danno dal 1997 per almeno tre diversi eventi, con un numero minimo di 15 giornate di sopralluoghi, o in caso di singolo evento, aver effettuato almeno 30 giornate di sopralluoghi. A breve partiranno anche le verifiche sui beni di interesse culturale. I cittadini che ritengono di aver subito danni possono richiedere il sopralluogo al C.O.C. Centro Operativo Comunale presso il Comune di residenza l’ufficio responsabile delle attività a livello locale , il cui massimo punto di riferimento è il Sindaco e suo delegato (Legge 225/1992 – Art. 15).

AZIENDE ZOOTECNICHE – L’ordinanza OCDPC n.415 del 21/11/2016 consente alle aziende agricole, per garantire la continuità operativa del settore zootecnico,la realizzazione piazzole di posizionamento dei moduli abitativi e la relativa rendicontazione di pagamento delle spese sostenute. Si pubblicano di seguito la procedura e la relativa modulistica: Procedura piazzole sisma – Richiesta azienda zootecnica – Dichiarazione tecnico.

TRASPARENZA – “Con questo protocollo si conferma una linea di indirizzo che e’ stata una cifra caratteristica di questo percorso fin da subito, ovvero un’attenzione molto forte a tutte quelle che sono le regole, la trasparenza e l’utilizzo corretto delle risorse pubbliche che abbiamo impiegato prima nell’emergenza e domani impiegheremo nella ricostruzione”. Lo dice il governatore delle Marche, Luca Ceriscioli, durante la conferenza stampa per la firma del protocollo d’intesa tra Anac, Protezione civile e le 4 regioni interessate dal terremoto del 24 agosto “Monitoraggio e vigilanza collaborativa sugli interventi di emergenza conseguenti al sisma”. “E’ una cosa che dobbiamo a chi ha messo a disposizione queste risorse- spiega- lo dobbiamo ai cittadini che hanno necessita’ di avere risposte sulla ricostruzione in modo che ogni euro vada a finire nelle mani giuste e contribuisca alla ricostruzione. Questo decreto rafforza questo indirizzo, da’ la consulenza all’Anac, che e’ molto utile sia in fase preventiva che in futuro”.

840 001 111 – Numero verde per le EMERGENZE della Protezione Civile.

La Protezione Civile ringrazia tutti coloro che in occasione del protrarsi dell’emergenza sismica che ha colpito il territorio stanno dando prova di grande solidarietà e generosità prodigandosi per la popolazione duramente colpita. Si evidenzia che per ragioni igieniche non è possibile accettare donazioni di indumenti, scarpe, biancheria, effetti personali usati.

Rilevazioni 27 novembre 2016Si aggiorna ancora la lista dei danni provocati dal sisma. 122 i Comuni marchigiani coinvolti. 278 le zone rosse a rischio nuovi crolli: (146 Mc; 16 Fm; 108 Ap; 8 An). 62 sono i municipi inagibili, un migliaio le attività produttive inagibili e le stalle inagibili si attestano a 243. Le persone assistite sono ad oggi 23.409 in totale, di cui 4.086 in loco (palestre, capannoni, palazzetti); 10.928 in autonoma sistemazione e 8.395 in albergo.


(ap/red)

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet.