Sisma, Offida. Tutti gli aggiornamenti

30 ottobre 2016

7.45 – Nuova forte scossa di terremoto alle 7.41, molto violenta, percepita in tutto il centro Italia, anche a Roma. La terra ha tremato per diversi secondi. Magnitudo 6.5. Probabile epicentro: Norcia.

Il terremoto è stato avvertito da Bolzano sino in Lucania. Continui crolli nelle zone già colpite dalle precedenti scosse. Praticamente distrutta Arquata: “E’ venuto tutto giù, ormai non ci stanno più i paesi”. Così il sindaco di Arquata Aleandro Petrucci.

Danni ingenti al centro di Norcia come la Basilica di San Benedetto e la cattedrale di Santa Maria argentea. Paura anche a Roma e metro temporaneamente interrotta. Castelsantangelo sul Nera isolata da una frana. Spuri, Protezione Civile Marche: “Ci sono crolli ovunque. Cerchiamo di capire se ci sono persone sotto le macerie”.

Si segnalano sui social crolli anche ad Ascoli Piceno e San Benedetto del Tr. (Viale de Gasperi).

Offida: gente in strada e momentanea sospensione dell’energia elettrica elettrica. In alcune zone manca l’acqua. Attivo il Centro Operativo Comunale.

Si segnalano i primi danni ad abitazioni private nel centro ed in periferia di Offida. Danni anche nel palazzo comunale e nel cimitero civico.

9.30 – continuano le scosse ed i crolli nei centri storici di Norcia e degli altri centri limitrofi (Visso e Preci). “E’ venuto tutto giù, ormai non ci stanno più i paesi”: così il sindaco di Arquata del Tronto Aleandro Petrucci. “Per fortuna che erano zone rosse; la poca gente che è rimasta è scesa in strada, si sta abbracciando. Adesso stiamo andando in giro per le frazioni per vedere quello che è successo”. L’epicentro di questo terremoto è ubicato tra le province di Macerata, Perugia e Ascoli Piceno, a 7 km da Castelsantangelo Sul Nera, 5 km da Norcia e 17 km da Arquata del Tronto. Il valore della magnitudo, calcolata inizialmente in 6.1 e poi in 6.5, è ancora suscettibile di modifica.

Non si segnalano vittime.

ore 10.00 – Offida, il sindaco Valerio Lucciarini: “il COC è operativo da questa mattina successivamente alla scossa registrata. Per ogni segnalazione contattare i seguenti numeri dedicati: 3333335729 – 3386276854.Stiamo predisponendo apertura, già da questa mattina, delle strutture comunali elencate di seguito: – Palazzetto dello Sport “G. Vannicola”, area impianti sportivi, via Martiri della Resistenza; – Casa del Quartiere “Borgo Miriam”; – Casa del Quartiere San Barnaba-Rovecciano, Circolo “Belvedere” – Casa del Quartiere Santa Maria Goretti, Circolo “E. Fabrizi”. Annullate tutte le manifestazioni culturali, sportive e di intrattenimento previste per domenica 30 ottobre.

ore 10.30 – E’ la scossa più forte dal 1980 ad oggi ed una delle più importanti degli ultimi 110 anni. Sei aerei in volo per eseguire ricognizioni nelle aree colpite dal violento terremoto di stamattina. Alcuni feriti lievi a Norcia. Chiuse  con ordinanza il cimitero di Offida a causa di crolli e la S.P.Mezzina (tratto sotto la Chiesa di S.Maria della Rocca). Ad Ancona chiuse le chiese e controlli in corso all’ospedale Salesi.

Offida – Per procedure evidentemente di carattere precauzionale, domani lunedì 31 ottobre 2016 le SCUOLE di ogni ordine e grado, del territorio comunale, rimarranno chiuse al fine di consentire i necessari sopralluoghi di verifica sui plessi scolastici.

(Nelle foto di Fabio Marinucci, alcuni crolli presso il Civico Cimitero di Offida)

ore 11.40 – Comunicato CIIP: a seguito dell’ultimo sisma verificatosi questa mattina informiamo che gli impianti non hanno subito danni e che fenomeni di eventuale torbidita’ non compromettono la qualita’ dell’acqua che risulta POTABILE. CIIP spa sta proseguendo l’attivita’ di costante monitoraggio e controllo delle reti e degli impianti. Raccomandiamo di diffidare di eventuali notizie e informazioni provenienti da soggetti non ufficiali.

Resta comunque sospesa l’erogazione di acqua potabile in alcune zone di Offida, per la quale non si hanno notizie ufficiali da CIIP.

Castelluccio di Norcia distrutta: la piccola frazione è stata praticamente rasa al solo dal sisma.

Il presidente della Regione Marche, Ceriscioli: “Rischiamo di avere 100.000 sfollati nelle Marche”. In Offida, per sicurezza, le celebrazioni religiose si sono svolte all’aperto come un battesimo presso la Chiesa dei PP.Cappuccini. Domani scuole chiuse in tutta la provincia di Ascoli Piceno fino a nuove ordinanze.

ore 12.23 – Nuova scossa avvertita anche in Offida. Ripristinata la viabilità nel tratto della SP. Mezzina, al di sotto della Chiesa di S.Maria della Rocca).

ore 17.55 – continuano le scosse alcune delle quali nettamente avvertite nell’offidano. Una nuova forte replica, alle 13.07, di magnitudo 4.6,  secondo l’Ingv con epicentro tra Preci e Norcia. L’ultima scossa importante è avvenuta pochi minuti prima delle 19, di magnitudo 4.1.

Il sindaco Valerio Lucciarini comunica: “Per tutti i cittadini che non se la sentono di passare la notte nella propria abitazione, è disponibile il palazzetto dello sport “G. Vannicola” allestito con lettini da spiaggia che siamo riusciti a reperire in sostituzione delle brande, al momento non disponibili. Nel frattempo stiamo procedendo a redigere le ordinanze di evacuazione per le famiglie che hanno subìto danni alla propria abitazione dichiarata inagibile a fronte del sopralluogo effettuato dai tecnici incaricati”.

Chiusa al traffico la SP Collecchio al km 6+200 per casa pericolante.

In alcune zone del territorio di Offida manca l’acqua a seguito di rotture della condotta principale. CIIP comunica: “ A causa del verificarsi di due rotture sulle condotte principali, le utenze allacciate direttamente alla linea principale ( in partcolare ad Offida e Monteprandone) potrebbero subire interruzioni di servizio. La CIIP e’ gia all’opera per riparare i guasti e regolarizzare quanto prima il flusso idrico. Speriamo nella comprensione di tutti gli utenti considerando il fenomeno anormale che si e’ verificato.”

ore 18.50 – Nessun ferito nelle Marche. Oltre un centinaio i Comuni marchigiani che hanno segnalato crolli. Notevoli i danni al patrimonio artistico nelle Marche del sud, in particolare ad Ascoli Piceno, Monteprandone, Grottammare, S.Vittoria in Matenano.  Analoghi problemi al patrimonio nel maceratese. Continuano i lavori da parte della CIIP per ripristinare il servizio di acqua potabile in alcune zone dei comuni di Offida e Monteprandone, sospeso a causa di due rotture nella condotta principale. La Protezione Civile comunica ufficialmente che il numero degli sfollati è di 25.000.

Riattivato dalla Protezione Civile il numero per donazioni solidali. Inviare SMS al 45500 per donazione di 2€

ore 19.52 – Comunicato del sindaco di Offida, Valerio Lucciarini: “Le 16 famiglie offidane evacuate, con soluzioni autonome o con collocazioni come da piano di disponibilità ricettiva predisposto dal COC, sono state tutte collocate in strutture agibili”.

Precedenti simili: MARCHE 1943, Magnitudo 5.9, 3 Ottobre. Epicentro nei pressi di Castignano. Sequenza sismica iniziata alcuni mesi prima. Colpite le Marche meridionali, nella zona di confine con Abruzzo e Lazio. Gravi danni ad Offida, Castignano e S. Venanzo. Lesioni ad Ascoli. 2 morti.

31 ottobre 2016

ore 12.00 – Offida: Il sindaco Valerio Lucciarini comunica: “I professionisti incaricati, per conto del Comune di Offida, ad effettuare i sopralluoghi negli edifici pubblici e privati sono: Ing. Lucio D’Angelo, Ing. Giuseppe Brandimarti, Ing. Fabio Amabili, Ing. Andrea Tozzi. DIFFIDATE da presunti altri tecnici che potrebbero presentarsi come incaricati dal Comune onde evitare di incorrere in situazioni di pericolo. Diffondere il presente AVVISO per favore. Stiamo predisponendo ordinanza temporanea per parziale chiusura di Corso Serpente Aureo al fine di procedere ai lavori di messa in sicurezza della parete sud-est del Palazzo Municipale”.

Il presidente della Regione Marche, Ceriscioli: “15 mila persone assistite nella notte. Numero destinato a salire. Alberghi della costa tutti allertati”.

ore 14.30 – Offida, il sindaco Valerio Lucciarini comunica: “Nella giornata di oggi l’impresa incaricata sta rimuovendo, per evidenti motivi precauzionali, tutti gli elementi di potenziale pericolosità all’interno del CIVICO CIMITERO al fine di renderlo accessibile, in condizioni di sicurezza, dalla giornata di domani, festa di Ognissanti”.

ore 17.25 – Offida, il sindaco Valerio Lucciarini comunica: “Anche per questa notte, per i cittadini che non se la sentono di rimanere nelle proprie abitazioni, stiamo predisponendo apertura, dalle ore 21.30, delle strutture comunali elencate di seguito: Palazzetto dello Sport “G. Vannicola”, area impianti sportivi, via Martiri della Resistenza; Casa del Quartiere “Borgo Miriam”; Casa del Quartiere San Barnaba-Rovecciano, Circolo “Belvedere”; Casa del Quartiere Santa Maria Goretti, Circolo “E. Fabrizi”. Grazie alla Protezione Civile Regionale, il palazzetto da stasera, oltre ai lettini da spiaggia, sarà dotato anche di apposite brandine da riposo”.

ore 18.30 – È sempre operativo il conto corrente postale per la raccolta dei fondi a favore delle popolazioni marchigiane terremotate. Aperto dalla Regione Marche in occasione del sisma del 26 agosto scorso, resta disponibile anche per le donazioni dell’emergenza in corso. Di seguito le coordinate (ugualmente valide per l’estero):

INTESTAZIONE CONTO CORRENTE POSTALE:
REG. MARCHE DONAZ.FAVORE TERRITORI
MARCHE COLPITI DAL SISMA
NUMERO CONTO: 1034116044
IBAN: IT-17-Y-07601-02600-001034116044
COD. BIC/SWIFT per i BONIFICI DALL’ESTERO: BPPIITRRXXX

È anche possibile effettuare donazioni direttamente on-line tramite la piattaforma regionale Mpay

Donazioni On-line sisma Marche

Situazione della viabilità

LE STRADE CHIUSE NELLE MARCHE:

S.S. 4 “Salaria” dal Km 146+170 al 146+300 Comune di Arquata del Tronto riduzione con senso unico alternato per frana aperta a tutti i veicoli.-
S.S. 685  – Aperta a tutti i veicoli con peso complessivo fino a 3,5 tdal Km 0+000 al Km 1+900;oltre  Km 1+900 la strada è chiusa.-S.S.685 Ascoli /Norcia chiusa al Km. 3+700 per viadotto pericolante fino al km 38; i mezzi di soccorso possono circolare tra il km 22 e il km 38.
S.P.134 da Ussita (MC) / Fraz. Casali chiusa per frana.
S.P.135 Visso / Castel Sant’Angelo Sul Nera (MC) chiusa per frana.
S.P.136 Castel Sant’Angelo sul Nera (MC) / Castelluccio di Norcia (PG) chiusa per frana.
S.P.209 “Valnerina” a dal km. 64+300 al km. 66+600 – caduta massi – spaccatura sede stradale prima viadotto dopo galleria delle “Fornaci” –loc. Villa S. Antonio strada chiusa per demolire alcuni fabbricati pericolanti; dopo Visso direzione Terni in località Molini di Visso causa frana la strada è chiusa fino al bivio con la SP 476.
S.P.120 Sarnano (MC) / Sassotetto (MC) chiusa per frana dal km. 5 al km. 11.
S.P.91 da Fiastra (MC) a Pian di Pieca (Comune di S. Ginesio) chiusa per frane.
S.P.502 al Km. 49 in località “Cusiano” nel Comune di S. Severino Marche (MC) parzialmente chiusa per crollo abitazione.
S.P.256 Muccese edifici pericolanti abitato Muccia.
S.P.49 muro pericolante abitato Camporotondo.
S.P.96 abitato Pievetorina crolli.
S.P.22 edificio pericolante loc. Collina.
S.P.89 Val Fluvione chiusa nel centro abitato di “Balzo” Comune di Montegallo (AP).
S.P.51 “Forcella” (chiusa per frana loc. Rio Freddo).
S.P.115 “S.Ilario (chiusa per edificio pericolante loc. Capriglia).
S.P.66 “Macereto – Braccio Casali” chiusa per intera estensione.
S.P.163 “Pioraco – Ponte Cannaro – Seppio” Km 1+200 per caduta massi.
S.P. 98 “Polverina – Fiastra – restringimento per edificio pericolante centro
abitato di Polverina (MC);
S.P. 59 “Labertuccia” – km. 1+500 – senso unico alternato a vista per edificio pericolante;
S.P. 45 “Faleriense – Ginesina” – km. 14+600 – senso unico alternato con semaforo per edificio pericolante.
S.P. 134 “Visso –Castelsantangelo” chiusa a Visso per frana. APERTO SOLO MEZZI SOCCORSO
S.P. 135 “Visso – Ussita” chiusa a Visso per smottamento APERTO SOLO MEZZI SOCCORSOS.P. 78 “Picena” – km 20 località Campanelle, restringimento carreggiata per edificio pericolante

Sono in corso, da parte dei competenti uffici della Provincia di Ascoli Piceno, controlli, verifiche ed accertamenti su tutte le scuole e strade di competenza.

1 novembre 2016

ore 9.00 – Notte tutto sommato tranquilla ma una nuova scossa di terremoto alle 8.56, di magnitudo 4.7 avvertita nettamente nell’offidano, ha ricordato qual’è la situazione di continuo sciame sismico. 800 scosse nelle ultime 48 ore.  Epicentro ad Acquacanina (MC). Altri crolli di edifici o parti di essi ad Ussita. Si temono 100.000 sfollati dall’entroterra delle Marche alla costa del maceratese e piceno.

Ad Offida manca ancora l’acqua in alcune zone o viene erogata per brevi momenti e con flusso decisamente debole. Si attende che la CIIP ripari definitivamente le rotture segnalate e che il servizio torni regolare. CIIP dichiara anche che “fenomeni di eventuale torbidita’ non compromettono la qualita’ dell’acqua che risulta potabile”.

Si attendono inoltre le risultanze delle verifiche, per avere conferme o meno sull’agibilità dei plessi scolastici di Offida, così come sono in atto misure e soluzioni tecniche per la messa in sicurezza degli edifici pubblici e privati che hanno subito più danni e lesioni strutturali.

Evento sismico del 30 ottobre. Istanza di sopralluogo per edifici/opere pubbliche e privati:

QUI la scheda da compilare e restituire presso l’Ufficio Protocollo del Comune di Offida

ORE 12.30 – Offida – Sono in corso sopralluoghi presso gli immobili pubblici con i tecnici della DI.COMA.C. (Direzione di Comando e Controllo) della Protezione Civile nazionale.

img_20161101_141023

(Stato fessurativo post sisma – prospetto del Palazzo Municipale di Offida su Corso Serpente Aureo, attualmente transennato)

Al momento sono oltre 1200 gli eventi sismici registrati dall’INGV dalla prima scossa del 30/10. Nelle Marche molti cimiteri inagibili. In arrivo i containers nelle zone colpite, in attesa dei piccoli moduli abitativi in legno. Notevoli le problematiche legate alle imprese zootecniche nei territori collinari e montani di Marche, Lazio e Umbria.

2 novembre 2016

Il sindaco Valerio Lucciarini comunica:”illustrazione puntuale della situazione analitica generale post-terremoto relativa al Comune di Offida:

SITUAZIONE NUCLEI FAMILIARI EVACUATI

In totale sono stati evacuati 23 nuclei familiari: 6 nuclei familiari (14 cittadini) dopo il sisma del 24/08/2016; 1 nucleo familiare (4 cittadini) dopo il sisma del 26/10/2016; 16 nuclei familiari (37 cittadini) dopo il sisma del 30/10/2016. Il totale dei cittadini evacuati sono, quindi, 55 di cui collocati in autonoma sistemazione 47 e collocati in strutture alberghiere 8. Interventi necessari per eliminare o ridurne il numero – Tutti i nuclei attualmente ospitati nelle strutture alberghiere hanno già inoltrato istanza per autonoma sistemazione.

Il Comune, per trascorrere la notte, ha messo a disposizione di tutti i cittadini che non se la sentono di restare nella propria abitazione, la palestra polivalente “G. Vannicola” e tre strutture pubbliche presso i quartieri periferici (Borgo Miriam, Santa Maria Goretti e San Barnaba).

PERIMETRAZIONI ZONE ROSSE
Delimitata in modo puntuale: Corso Serpente Aureo, all’altezza dell’accesso da Piazza del Popolo, per una lunghezza di circa 15,00 metri.
Perimetrazione area (Piazza Forlini e Via Ciabattoni) intorno al Monastero di Sant’Agostino.
Interventi necessari per eliminare o ridurne il numero: La perimetrazione di Corso Serpente Aureo corrisponde alla parete della Sala consiliare comunale ed Uffici adiacenti, il cui stato di fessurazione denota un rischio di ribaltamento verso l’esterno e l’interno.
La perimetrazione di Piazza Forlini e Via Ciabattoni è dovuta al rischio ribaltamento della facciata della chiesa di Sant’Agostino (già dichiarata inagibile a seguito del sisma del 24/08/2016) ed al rischio caduta di materiale dalle coperture falda navata e cupola.
Cerchiaggio per evitare il ribaltamento della facciata principale del Monastero, cerchiaggi sulla cupola.

SITUAZIONE CHIESA DI SANT’AGOSTINO:
Inagibile: Rischio ribaltamento della facciata del Monastero (dichiarato inagibile a seguito del sisma del 24/08/2016) ed al rischio caduta di materiale dalle coperture falda navata e cupola.
PROVVEDIMENTI: Cerchiaggio per evitare il ribaltamento della facciata principale del Monastero, cerchiaggi sulla cupola.

SITUAZIONE MUNICIPIO:
Agibile con provvedimenti: Necessario intervento di ritenuta parete Sud/Est della Sala consiliare ed Uffici adiacenti. La parete presenta infatti lesioni diffuse dovute, con le scosse sismiche, ad un tentativo di ribaltamento lato Corso Serpente Aureo.
Necessario provvedere alla cerchiatura di tutte le colonne del porticato lato Piazza del Popolo e di tre colonne del lato Corso Serpente Aureo.

SITUAZIONE SCUOLE:
Numero: 3 plessi scolastici (Scuola materna in Piazza Baroncelli, Scuola elementare in Viale della Repubblica, Scuola media inferiore ed elementare in Via Ciabattoni).
Agibili numero: 1 (Scuola materna in Piazza Baroncelli)
Agibili con provvedimenti numero: 2 (Scuola media inferiore ed elementare in Via Ciabattoni e Scuola elementare in Viale della Repubblica)
SCUOLA MEDIA INFERIORE ED ELEMENTARE VIA CIABATTONI: A seguito del sopralluogo effettuato dai tecnici della Di.Coma.C. nella giornata di martedì 1 novembre, la struttura non ha rilevato problemi di carattere strutturale dell’immobile. In termini strutturali quindi il plesso risulta agibile. Il pericolo è rappresentato, invece, dal rischio crollo per ribaltamento della facciata principale del Monastero di Sant’Agostino, che andrebbe ad intercludere le vie d’accesso del piano d’evacuazione; inoltre c’è il rischio che la caduta materiale dalla cupola possa danneggiare la copertura della scuola.
Rottura tubazioni acqua nel plesso scolastico di Via Ciabattoni
PROVVEDIMENTI:
Messa in sicurezza della facciata e della cupola del Monastero di Sant’Agostino al fine di riaprire la scuola nel più breve tempo possibile. Tale intervento richiede aggiornamento di nuovo piano di evacuazione che si sta predisponendo con il coinvolgimento dei Vigili del Fuoco. In merito alla rottura delle tubazioni il Comune ha già incaricato una ditta per la sistemazione del problema.

SCUOLA ELEMENTARE VIA DELLA REPUBBLICA:
Per quanto attiene alla Scuola elementare in Viale della Repubblica il problema riguarda il rischio ribaltamento di una parete in laterizio forato di tamponatura esterna, che necessita di un intervento di presidio.
PROVVEDIMENTI:
Intervento sulla tamponatura esterna della scuola di Viale della Repubblica entro la settimana in corso, al fine di riaprire la scuola nel più breve tempo possibile.

CIVICO CIMITERO:
Crollo parziale della facciata Sud della Chiesa del Cimitero civico. È stata delimitata l’area circostante la Chiesa e tramite Impresa specializzata sono stati rimossi elementi non strutturali a rischio caduta su tutto il perimetro cimiteriale, oltre all’esecuzione di limitati puntellamenti ed interclusione di accesso ad alcune cappelline in corrispondenza della cinta muraria che mostrano danni e/o elementi di pericolosità.

PALAZZO MUSEALE:
Al Museo civico si ravvisa un tentativo di ribaltamento della parete lato Via Roma, che richiede interventi di tirantatura.

CHIESA DI SANTA MARIA DELLA ROCCA:
Nella Chiesa di Santa Maria della Rocca si segnala un aggravamento della lesione nell’attacco fra campanile e abside posteriore, oltre ad un aggravamento delle fessurazioni delle colonnine e sulle volte della cripta inferiore ed un aggravamento dei cedimenti dei muri esterni contenenti i passaggi perimetrali, ed infine si segnala caduta di frammenti di malte dal pianellato di copertura.

ENOTECA REGIONALE: Sono in corso i sopralluoghi presso l’Enoteca regionale e le mura civiche.

SITUAZIONE VIABILITA’:
È stato chiuso al traffico un ponte ad archi in muratura sulla strada comunale VECCHIA MEZZINA (sotto Santa Maria della Rocca – Ex Mezzina), che si era danneggiato in occasione della scossa sismica del 24/08/2016, ed oggetto di sopralluogo GTS.
Il traffico è stato temporaneamente deviato su un percorso alternativo ricavato nell’ambito del parcheggio di scambio che si trova in adiacenza alla Ex Fornace.
Per il ripristino del ponte è necessario un intervento strutturale sulle fondazioni, sulle pile e sulla muratura in generale.
Chiusura provvisoria della Strada Provinciale Collecchio a causa di pericoli di crolli di immobili privati.

ATTIVITA’ COMMERCIALI:
Struttura alberghiera (Hotel La Botte, Via Borgo Miriam) dichiarato inagibile.

Non sono pervenute segnalazioni rispetto a problematiche relative ad attività produttive e attività agricole.

Domani mattina i Sindaci del territorio della Vallata del Tronto incontreranno il Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli e la Vice Presidente Anna Casini, in visita nel nostro comune, al fine di confrontarci sulle azioni da pianificare ed attuare in merito alle problematiche conseguenti gli effetti del sisma.

3 novembre 2016

Ore 1.35 – Una nuova forte scossa di terremoto di magnitudo 4.8 con epicentro a Pieve Torina, avvertita nettamente in Offida. ore 9.00 – Il sindaco Valerio Lucciarini comunica: “Oggi ad Offida per fare il punto della situazione del nostro comprensorio territoriale arriveranno anche il Commissario Straordinario Vasco Errani e il Capo della Protezione Civile nazionale Fabrizio Curcio”.

ore 11.20 – “Causa riunione urgente presso il Consiglio dei Ministri a fronte delle ultime scosse registrate, il Commissario Straordinario Vasco Errani e il Capo della Protezione Civile nazionale Fabrizio Curcio, hanno dovuto necessariamente annullare la visita programmata. È confermato, invece, l’arrivo ad Offida del Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli che, subito dopo l’incontro con i Sindaci del comprensorio della Vallata del Tronto, raggiungerà le altre cariche istituzionali per l’incontro a Roma. È confermata la presenza anche della Vice Presidente Anna Casini”.

Si ricorda che, per lavori urgenti di messa in sicurezza, vige la chiusura, in via precauzionale a tutela della pubblica incolumità, dei plessi scolastici di Via Ciabattoni, Viale Repubblica e Piazza Baroncelli e la sospensione dell’attività didattica delle scuole di ogni ordine e grado fino alla giornata di sabato 5 novembre p.v., salvo ulteriori determinazioni e provvedimenti.

In occasione della ricorrenza della Festa dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate, l’Amministrazione Comunale di Offida ha organizzato una manifestazione celebrativa per  DOMENICA 06 NOVEMBRE 2016 con il seguente programma: ore 10,00 – Santa messa per i caduti presso la Chiesa della Collegiata, ore 10,45 – Deposizione corona di alloro al monumento ai caduti in Piazza della Libertà.


A cura di Alberto Premici

Ophis news – scarica gratis l’app per Android e resta sempre informato su notizie ed eventi di Offida direttamente sul tuo smartphone/tablet.