Link

Il teatro di GAD’A nel Piceno e nel resto d’Italia

OFFIDA – «Siamo nati nel 1977 quasi per gioco, abbiamo allestito il nostro primo spettacolo nel ’78, sospeso l’attività durante gli anni della chiusura del Teatro Serpente Aureo e l’abbiamo ripresa nel 2004. Oggi siamo una ventina, più i tecnici. E siamo aperti a chiunque volesse raggiungerci per fare teatro insieme». Sintetica e lucida la memoria storica di Piero Petrocchi, presidente del Gruppo Amici dell’Arte (Gad’a) di Offida, che oggi ha presentato un bilancio non solo del passato, ma dell’attività che li attende nella stagione 2013/2014, nel Piceno e in giro per l’Italia.

Accanto a Petrocchi il sindaco Valerio Lucciarini e l’assessore alla Cultura Gianpietro Casagrande, che hanno elogiato i risultati artistici, i successi ottenuti in questi anni al livello locale e nazionale, e soprattutto la passione di un gruppo amatoriale che di fatto beneficia solo degli spazi in cui si esibisce, oltre naturalmente alla stima e all’affetto di critica e pubblico.

Lo spettacolo che la compagnia porterà in scena nelle prossime settimane è ‘A morte ‘e carnevale di Raffaele Viviani (1888-1950). Prossima uscita domenica prossima, 10 novembre, alle ore 17:30 al Teatro Palarte di Fabrica di Roma in provincia di Viterbo, nell’ambito dell’ottava edizione del premio “Arco d’oro”.

L’appuntamento successivo è sabato 11 gennaio alle ore 21 al Teatro Aureo di Offida (info: 0736.888616). Il terzo degli spettacoli al momento previsti è al Palafolli di Ascoli sabato 15 marzo alle ore 21 (info: 0736.352211), nell’ambito della settima edizione di Ascoli in scena, rassegna teatrale di commedie.

«È bello e importante valorizzare un gruppo come questo», dice Lucciarini, «Il lavoro volontario ha generato un risultato artistico pregevole, di cui siamo orgogliosi». Da parte sua, l’assessore alla Cultura Casagrande insiste sul lavoro d’insieme: «Il teatro eleva le persone, anche nella preparazione degli spettacoli in gruppo. La nostra gratitudine verso questa realtà ha trovato un riscontro nel numero di settembre/ottobre di “Offida e dintorni”». (Fonte: L’Osservatore Quotidiano – LINK )

Categorie:Link