Offida Film Festival: pensiero filosofico e lavoro contemporaneo

DSC_0620 DSC_0526 Venerdì 10 maggio, seconda giornata del Film Festival Lavoroperlapersona, presso la Sala del Consiglio Comunale di Offida (AP), si sono svolti i due dialoghi Pensiero filosofico e lavoro contemporaneo. Il primo sul tema Persona e lavoro. Individualismo o reciprocità?, ha visto come protagonisti Elena Pulcini e Luigi Alici, dell’Università di Firenze e dell’Università di Macerata. La Pulcini nel ricordare come in questo periodo di difficoltà la minaccia della perdita dell’impiego si vive in completa solitudine e con vergogna, ha richiamato la necessità di “non cadere nella trappola delle false alternative”, e di perseguire invece l’obiettivo di “ricostruire forme di coesione che non possono essere limitate al luogo di lavoro e di dar vita a reti di solidarietà”.

Luigi Alici, professore di filosofia morale, ha ripreso il tema della solitudine, argomentando le sue riflessioni a partire da una metafora. In questo periodo ci assomigliamo a una barca durante un naufragio, la quale “può affrontare la tempesta sapendo che c’è un porto e quindi, dopo un iniziale momento di smarrimento, reindirizzare la rotta; oppure sentirsi completamente persa senza avere alcun punto di riferimento”, un esempio della crisi nella crisi. Il dialogo si è concluso con l’auspicio di “passare dall’isola all’arcipelago: mettere in circolo la rabbia e trasformarla in progettualità condivisa”. Il pomeriggio è proseguito – dopo l’ascolto di un coro Gospel nella Chiesa di Sant’Agostino – con il dialogo Esiste una via per un’altra economia? tra Alfonso Iacono, dell’Università di Pisa, e Roberto Mancini, dell’Università di Macerata.

Iacono ha sottolineato che nel mondo in cui viviamo “ciò che conta è l’individualismo estremo e appare sempre più marcata la condizione di precarietà”. Nella sua visione “importante è la simpatia, lo stare insieme”, un elemento fondamentale su cui lavorare perché “la vita umana invece di essere considerata un prezzo sia un valore”. Roberto Mancini, nel sottolineare l’impegno della “Fondazione Lavoroperlapersona che ha assunto la fisionomia di un cammino di ricerca”, spiazza il pubblico chiedendo: “siamo capaci di seminare il terreno per coltivare il futuro?”. La risposta per il filosofo è positiva, ma “occorre un profondo rinnovamento spirituale e antropologico, che chiede un’economia in relazione con il pianeta”.

Ai dialoghi erano presenti l’Assessore al Lavoro della Regione Marche, Marco Luchetti, e il Presidente della Provincia di Ascoli Piceno, Piero Celani. Due giornate intense che hanno intrecciato con diversi linguaggi e percorsi narrativi le fragilità che viviamo insieme alla speranza. Sabato 11 maggio terza e ultima giornata del Film Festival Lavoroperlapersona, che si concluderà con la proiezione e premiazione del film vincitore del “Film Festival Offida”.

Il programma è consultabile all’indirizzo http://www.lavoroperlapersona.it/palinsesto/.

(red)