Lo chef Citeroni Maurizi re del risotto

Ad Isola della Scala in provincia di Verona, si sono incontrati 16 chef provenienti da altrettante diverse regioni. Cinque i vincitori che si sfideranno nuovamente il prossimo anno Gaetano Cerciello dalla Campania, Elia Bulgarelli dal Friuli Venezia Giulia, Alessandro Dentone dalla Liguria, Daniele Citeroni Maurizi di Offida (AP) dalle Marche e Laura Boesso dal Veneto: sono questi i cinque chef che il 25 settembre hanno vinto il concorso gastronomico nazionale Chicco d’Oro, dedicato ai migliori risotti italiani. I cuochi hanno battuto gli altri 11 sfidanti provenienti da altrettante diverse regioni dello Stivale, dalla Valle d’Aosta alla Sicilia, dalla Sardegna all’Emilia. Ciascuno chef ha preparato un risotto originale, a volte usando prodotti tipici del proprio territorio di provenienza, e una rivisitazione del risotto all’isolana. La somma dei voti assegnata dai giurati ai due risotti, più il voto dato agli chef dai tre commissari di cucina, ha decretato i vincitori della sfida. I cinque premiati il prossimo anno, in occasione della 47ª edizione della Fiera del Riso, si incontreranno di nuovo per determinare chi nel 2014 parteciperà come rappresentante dell’Italia all’edizione europea del concorso Chicco d’Oro. Le giurie, una per il risotto originale e l’altra per la rivisitazione della ricetta all’isolana, erano composte da: Raffaello Speri, presidente A.M.I.RA.; Marco Aldegheri, sommelier (A.I.S.); Lucio Bussi, giornale L’Arena; Tiziano Mantello, imprenditore esperto di gastronomia; Renato Leoni, ristoratore; Paolo Caldana, presidente nazionale Federazione Italiana Cuochi; Mauro Longo, sommelier (A.I.S.); Fabio Tacchella, team manager Nazionale Italiana Cuochi; Antonio Gioco, ristorante 12 Apostoli – Verona; Andrea Messini, chef Ristorante Le Gemme di Artemisia – Albisano (Verona). A premiare i cinque chef è stato il presidente dell’Ente Fiera di Isola della Scala, Massimo Gazzani. (red)