“Quando il credito è donna”: un convegno di Donne Impresa per aiutare le imprese al femminile

image Una porta aperta, dal mondo del credito, alle donne imprenditrici del territorio piceno. Un’opportunità importante, per il mondo dell’artigianato al femminile, che sarà offerta dal convegno dal titolo “Quando il credito è donna – Nuovi strumenti per l’accesso al credito dedicati alle donne imprenditrici” organizzato dal Movimento Donne Impresa della Confartigianato interprovinciale di Ascoli e Fermo per lunedì 16 maggio, alle ore 18, nella Sala Gialla della Camera di Commercio di Ascoli. L’incontro, messo a punto in collaborazione anche con l’Ente camerale piceno, servirà in particolare a presentare ufficialmente il progetto “Imprenditoria Femminile – Linea Key Woman” curato da Artigiancassa.

Sarà Guido Tarli, segretario della Confartigianato Imprese di Ascoli e Fermo, a svolgere il ruolo di moderatore e ad introdurre, nell’ordine, gli interventi di Barbara Cambiaso (presidente Donne Impresa della Confartigianato di Ascoli e Fermo), Luigi Tagliaferro (direttore regionale Artigiancassa), Luigi Martorelli (Cooperativa artigiana di Garanzia “G. Kuferle”), Maria Antonietta Lupi (presidente della Commissione pari opportunità della Provincia di Ascoli) e Pasqualino Piunti (assessore alle pari opportunità della Provincia di Ascoli).

L’obiettivo del convegno è proprio quello di sensibilizzare ed informare le donne imprenditrici del territorio sulle nuove possibilità di accesso al credito anche grazie al supporto del Movimento Donne Impresa che si prefigge, tra l’altro, proprio di favorire lo sviluppo dell’imprenditoria femminile, di assistere le donne artigiane nell’attività sindacale, economica e sociale, di svolgere azioni finalizzate alla formazione professionale ed al miglioramento delle condizioni generali di lavoro delle donne imprenditrici e non solo.

Al convegno sarà possibile partecipare liberamente e gratuitamente, scaricando la scheda di iscrizione dal sito internet www.confartigianato.apfm.it, compilandola ed inviandola al numero di fax 0736.339635. (red)